#lightsoffsr se pago io la luce, allora voglio accenderla dove mi pare! Sostieni l'arte.

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


L'ARTE SI PAGA #lightsoffsr è una iniziativa di artiste/i per ridare un valore al nostro lavoro e restituire una vita culturale e artistica ad una città che sembra destinata a vivere solo del suo straordinario passato. Noi siamo il presente e pretendiamo spazi e un trattamento degno. Invitiamo la cittadinanza a chiedere a gran voce quello che è un diritto: condividere l'arte e la cultura, partecipare è la risposta e crea ricchezza anche in senso stretto e materiale.

Questa la nostra LETTERA APERTA alle istituzioni cittadine
Al Sindaco di Siracusa,
all’Assessore alla Cultura del comune di Siracusa,
Considerato l'Avviso Pubblico del 7 Novembre 2019, firmato dal dirigente Rosario Pisana, in cui si evince l'intenzione dell'Amministrazione della città di Siracusa di «proporre alla cittadinanza un calendario di eventi musicali, di intrattenimento ed espositivi per il periodo natalizio 2019/2020 nell’ambito del progetto denominato LuciASiracusa 2019», noi artiste/i e lavoratrici/lavoratori della Cultura e dello Spettacolo, ci domandiamo se il SETTORE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO SVILUPPO CULTURALE INCOMING E UNESCO intenda davvero ottenere pregio e vanto per sé e il Comune di Siracusa (agli occhi della cittadinanza e dei turisti) senza riconoscerci nessun tipo di compenso o contropartita in altri termini da noi valutabili.
Mentre da ogni punto del suddetto Avviso Pubblico (eccetto il punto 12 che non ci è dato conoscere giacché dal punto 11 si passa direttamente al 13), è possibile dedurre quali vantaggi potrà ricevere la nostra Amministrazione da “LuciASiracusa 2019”, non ci è invece dato sapere quali potrebbero essere i vantaggi per le/gli artiste/i eventualmente partecipanti. Artiste e artisti senza i quali, è banale ricordarlo, non ci potrebbe esistere il calendario della manifestazione.
In riferimento ai punti 6 e 7 dell'Avviso Pubblico, ci sentiamo in diritto di evidenziare la profonda disparità tra gli oneri a carico dell'Amministrazione di Siracusa e quelli a carico dei proponenti. Al Comune di Siracusa spettano infatti solo 2 oneri:
1. adeguata pubblicizzazione degli eventi (anche tramite whatsapp, il che è tutto dire...)
2. concessione gratuita di siti e/o spazi pubblici individuati, fornendo, se necessario, il palco comunale (montaggio e smontaggio inclusi) e il suolo pubblico da questo occupato e i servizi connessi all'evento secondo disponibilità e regolamento comunale.
Il minimo sindacale, quando a noi artiste/i di oneri ne spettano ben 6 e tutti riconducibili alla voce “spese” (senza ovviamente possibilità di rimborso):
1. pagamento service audio-luci;
2. SIAE;
3. personale di vigilanza, sicurezza, antincendio;
4. assicurazioni;
5. autorizzazioni necessarie;
6. allestimenti, assistenza tecnica e logistica.
Senza contare l'obbligo di apporre sia la dicitura “Città di Siracusa” che il logo della rassegna “LuciASiracusa 2019”, sul materiale pubblicitario. Insomma, il Comune non ci dà un euro ma in cambio pretende da noi la pubblicità.
Ma davvero non ci sarebbe alcun introito per le/gli artiste/i che vorrebbero partecipare a “LuciASiracusa 2019”?
Il punto 8 dell'Avviso Pubblico parla chiaro: il proponente potrà sostenere le proprie spese solo mediante SPONSORIZZAZIONI (quindi il pubblico ci spinge a rivolgerci a un privato per un evento che si spaccia come pubblico...), altrimenti, in caso di finanziamento tramite “biglietto”, andrebbe a decadere il secondo onere del Comune al punto 6, ossia la concessione gratuita del palco e degli spazi pubblici.
Premesso tutto ciò, la domanda vien da sé: considerando che per il Comune di Siracusa le/gli artiste/i partecipanti all'evento “LuciASiracusa 2019” non sono degni di alcun tipo di compenso, perché lo stesso Comune di Siracusa pretende che siano rispettati i 3 criteri sollevati nel punto 11 dell'Avviso Pubblico?
Criterio 1 - Pregio ed originalità della proposta;
non è dato sapere chi valuterà l'originalità e il pregio della proposta artistica/culturale, né il criterio di valutazione della stessa. C'è una commissione artistica? È possibile conoscere i nominativi di tale commissione qualora si verificasse la possibilità di un ricorso? Insomma, chi fa da garante rispetto all'originalità e al pregio della proposta?
Criterio 2 - Precedenti esperienze del soggetto proponente;
il Comune di Siracusa, dunque, pretende dall'artista una riconosciuta professionalità ma non intende premiarla in alcun modo. In altre parole: sfrutto il tuo lavoro godendo del tuo prestigio!
Criterio 3 - Coinvolgimento di diversi soggetti attivi sul territorio;
il Comune di Siracusa, dunque, stabilisce che l'artista non può esibirsi da solo ma assieme a “diversi soggetti attivi sul territorio”, ossia pretende che l'artista proponente garantisca un minimo di coralità (artistica e tecnica) sul palco o nello spazio dove avrebbe luogo l'esibizione, quindi – in parole povere – obbligandolo a spendere di più.
In termini più ampi, e qui concludiamo, pretendiamo:
- una vita culturale degna della nostra città, cosa che non sarà mai possibile se a noi, artiste e artisti, non verrà mai riconosciuto il frutto del nostro lavoro; l’arte è un vostro diritto come mangiare per noi;
- luoghi e spazi, intesi come contenitori artistico-culturali aperti a tutti; da troppi anni ci sbattiamo alla ricerca di spazi privati per le nostre prove o esibizioni. Spazi che alla lunga non possono garantire la continuità culturale e artistica che Siracusa merita.
La nostra indignazione quindi va riassunta in una battuta:
se pago io la luce, allora voglio accenderla dove mi pare!
Invitiamo, quindi, chi voglia appoggiare la nostra lotta non solo a seguire l'hashtag #lightsoffsr ma anche a firmare il nostro appello, cittadine e cittadini come le artisti e gli artisti che hanno intrapreso questa iniziativa. Sarà un modo per farci forza insieme e ritrovarci; un modo per condividere cultura, arte, emozioni. Perché anche se il Comune di Siracusa accenderà le luci su un palco privo della nostra presenza, noi comunque continueremo a brillare. Sempre.

Primi firmatari Erika Barresi e Francesco Pasqua

Rosalba Celestini - Marla Lombardo - Elena Romanzin - Francesco Di Lorenzo - Salvatore Antoci - Tilde Scarpa - Samantha Silvestri - Emanuele Cecconi - Marika Cassone - Marco Muzzicato - Elena Cardamone - Egle Antoci - Franca Mormina - Chiara Antoci - Olga Giuliano - Maurizio Laruccia - Maria Garofalo - Christian Garofalo - Valeria Lombardo - Roberto Negrini ... comunità delle/degli artiste/i in crescita.