IL COMITATO PER LA SALVAGUARDIA DI VENEZIA ORDINI LA GESTIONE OPERATIVA DEL MOSE

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Vogliamo subito l' Agenzia Lagunare Magistrato alle Acque : ALMA

Il bene Venezia è oggi un valore tra i più noti del pianeta, per la sua unicità come città anfibia che da 2000 anni sperimenta e si adatta al governo delle acque con esiti sorprendenti ed esemplari. Ecco perché Venezia, città d’acqua per antonomasia, si candida e si organizza per essere nei fatti il Laboratorio Locale e Globale della Resilienza a tutti i cambiamenti a partire da quelli dovuti al cambiamento climatico e ai flussi dei migranti per svago o per necessità.

Questo è in buona sostanza, il pensiero del Sindaco Luigi Brugnaro, espresso in una recentissima intervista televisiva, per una trasformazione strategica della Città dopo la disastrosa serie di acque alte dal 12 al 15 al novembre 2019 che non accennano a placarsi: per domani 24 Novembre sono attesi almeno 140 cm e in molti climatologi concordano nell'attribuire questa maggiore intensità e frequenza di allagamento agli effetti del riscaldamento globale sulla circolazione atmosferica.

“Una visione strategica, che coincide alla perfezione con le attività del Laboratorio Venezia per la Resilienza, un progetto socio-ecologico della Rete della Comunità Wigwam Città di Venezia” dice Giovanni Cecconi - ripreso in un recente servizio del Wall Street Journal, qui riportato in inglese ed in italiano.

 L’ing. Cecconi è infatti il direttore, oltre che il fondatore di un Laboratorio di interconnessione delle competenze e delle Conoscenze Top-Down /Bottom-Up condivise per gestire insieme  in modo adattativo i sistemi socio-ecologici e culturali dell’identita’ locale. Un Laboratorio Locale Gemellato a Livello Globale  già’ da quando ancora era direttore del Servizio Informativo  del Magistrato alle Acque-Consorzio Venezia Nuova e della Control Room del sistema  Mose.

Un’esperienza che oggi e’ a disposizione delle istituzioni per recuperare e conservare non solo i saperi specifici necessari per la gestione della Salvaguardia Lagunare e del sistema Mose, ma anche per intrattenere relazioni internazionali grazie alla fitta rete   di tecnici, scienziati e amministrazioni e cittadini delle numerose baie del mondo che in 35 anni di attività del Magistrato alle Acque-Consorzio Venezia Nuova hanno guardato a Venezia con ammirazione, sentimento di emulazione e riconoscenza per la sintesi razionale e cognitiva  che la bellezza di Venezia nel suo cessante operare è in grado di comunicare a chi cerca un modello per attrezzarsi per fronteggiare i crescenti rischi dovuti al cambiamento climatico ed alle diseguaglianze sociali per il benessere dei cittadini. Il laboratorio ha già’ condotto missioni esplorative e di trasferimento tecnologico in Vietnam, Laguna di Hue, a Giacarta in Indonesia assieme a Deltares, , nelle back-waters del Kerala  e di Bhubaneshwar e Calcutta Sundarban in India; nel Madascar, in Egitto, in Tunisia, nel delta del Nilo, in Olanda per le barriere mobili e per le tecniche del Building with Nature, in Russia a San Pietroburgo, a Londra sul Tamigi, in Germania sul fiume EMS, a New Orleans, Galveston, Texas, New Jersey , Boston, New York, in Corea, a Caofeidian e Shangai in Cina, Osaka, Kobe e Tokio in Giappone in cui il sistema Mose e’ stato adattato per proteggere le persone dagli tsunami con portelloni a chiusura automatica sotto la spinta delle acque. Città d’acqua alle prese con gli stessi problemi di subsidenza e innalzamento del livello del mare dovuto ai cambiamenti climatici e con gravi differenze sociali in quanto i piu’ poveri sono quelli maggiormente colpiti dalle alluvioni.

Infine il connubio del Laboratorio Venezia con la rete WIGWAM delle comunità locali non e’ casuale in quanto WIGWAM e’ una delle  primissime organizzazioni ambientali ecologiche  nate nel mondo negli anni ’70. Wigwam nasce infatti in Veneto ed e’ attiva sin dal 1972 e le sue attività , riconosciute con un apposito Decreto del Ministero dell’Ambiente, consistono sempre in azioni concrete e tempestive per la coltivazione e custodia dell’ambiente e cultura locale  intesi come beni da condividere tra di noi e con le future generazioni.

E di ripartire dalle  “comunità” in modo partecipativo e solidale ha parlato non solo il Sindaco Brugnaro, ma anche il Papa e  lo stesso Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, una  condizione sine qua non per conservare Venezia e produrre valore per il sistema paese. Ecco perché'  intendiamo presentare al Comitato Interministeriale nelle mani del suo presidente Conte la petizione di Wigwam_Laboratorio Venezia per la Resilienza affinché' si costituisca subito al più presto, senza incertezze e ritardi l'Agenzia Lagunare Magistrato alle Acque : ALMA.