CANILE POMEZIA: 28 VOLONTARI SBATTUTI FUORI

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Petizione:
POMEZIA (RM): I COMUNI NEGANO COLLABORAZIONE ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO OPERATIVE IN CANILE DA ANNI.

28 VOLONTARI "SBATTUTI FUORI", NON POTRANNO PIU' OCCUPARSI DELL'ATTIVITÁ DI SGAMBAMENTO, DELLA SOCIALIZZAZIONE DEI CANI E DELLE ADOZIONI !!

Lettera aperta ai sindaci di Ardea, Anzio e Nettuno

Egregi Sindaci,

alla luce di quanto appreso in data 30/12/17 dal Canile Alba Dog di Pomezia, a partire dal 1/1/18 le Vostre amministrazioni hanno inaspettatamente deciso di interrompere la collaborazione con le Associazioni La Voce del Cane Onlus e Attivisti per i Diritti Animali di Ardea e Pomezia Onlus, collaborazione instaurata ormai da anni che ha sicuramente consentito un notevole sgravio dei costi annuali sopportati dai comuni per il mantenimento dei cani presso il canile con Voi convenzionato. É lecito domandarsi le motivazioni e soprattutto chiedersi se i cittadini, e non solo gli animalisti, approvano la Vostra scelta.

La costanza e il sacrificio di anni di duro volontariato, svolto con passione e costanza, e le centinaia di valide adozioni coadiuvate dai volontari sono state la prova concreta degli innegabili risultati del nostro operato ma la Vostra scelta è stata quella di affidare "un'esclusiva", cosa non menzionata dalle normative, ad una sola associazione impedendoci improvvisamente di occuparci delle adozioni dei cani dei Vostri comuni, come se non bastasse costringendoci ad "abbandonarli" decidendo di estrometterci anche dall'attività di sgambamento settimanale affidando questo compito ad una sola Associazione, che di fatto nonostante gli sforzi dei volontari non può garantire uscite settimanali regolari visto che si tratta si un canile che ospita circa 260 solo presso il canile rifugio.

In canile quello che conta è la presenza, la costanza, le capacità dei singoli volontari, in canile servono braccia e volontari volenterosi che assicurino equità e garantiscano le uscite di tutti i cani, avere volontari sulla carta ma non operativi in canile non da alcun sollievo ai cani e tanto meno aiuta a limitare i costi che l'intera cittadinanza sopporta.

La Regione favorisce ed incentiva le adozioni dei cani ospitati presso i canili, la legge Regionale n.34/97 dichiara chiaramente la necessità di garantire attività che aumentino l'adottabilità dei cani e che spetta ai comuni, in collaborazione con le ASSOCIAZIONI di volontariato, non a caso al plurale, l'attivazione di azioni adeguate per favorire l'adozione dei cani presenti nei canili rifugio.

Il principio di imparzialità è esplicitamente affermato nell'art. 97 della Costituzione italiana. Esso rappresenta il principio fondamentale che deve guidare la pubblica amministrazione nell'esercizio delle sue funzioni.

Scriviamo questa lettera pubblicamente affinchè anche l'intera opinione pubblica sia consapevole delle conseguenze che deriveranno dalla Vostra scelta del tutto immotivata. In un canile delle dimensioni di Alba Dog è impensabile che pochi volontari possano occuparsi della socializzazione di tutti i cani e senza attività di sgambamento saranno di conseguenza notevolmente ridotte le speranze di adozione dei cani che saranno costretti a vivere da veri reclusi.

Con grandi sforzi e serietà in questi anni ci siamo impegnati al massimo per dare una speranza di adozione anche ai più fragili, ai tanti anziani, ai cani con handicap e solo grazie alla collaborazione di tre associazioni è stato possibile ottenere risultati concreti sgravando enormemente i costi annuali a carico dei comuni.

Siamo certi che l'intera opinione pubblica ci darà appoggio in quanto è impensabile ed incomprensibile non accettare la nostra collaborazione sempre svolta a titolo del tutto gratuito e con il solo intento di migliorare la condizione psico-fisica dei cani ospitati in gabbia e renderli con il tempo pronti per essere inseriti in contesti familiari idonei.

Riteniamo sia innegabile il valore del volontariato che rifiutando la nostra collaborazione è stato del tutto denigrato sotto ogni aspetto.

Confidiamo su un Vostro immediato intervento per consentire ai 28 volontari di proseguire il loro percorso di volontariato.

Chiediamo a tutte le associazioni animaliste, a tutti gli amanti degli animali e cittadini di sostenere la nostra protesta firmando la petizione con raccolta firme.

In fede,

Associazione La Voce del Cane - www.lavocedelcane.org

Associazione Diritti animali di Pomezia

tel. 346-0816609 / 348-6441872

volontaripomezia@alice.it - attivistiperidirittianimali@gmail.com



Oggi: LaVoce conta su di te

LaVoce DelCane ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "CANILE POMEZIA: 28 VOLONTARI SBATTUTI FUORI". Unisciti con LaVoce ed 3.187 sostenitori più oggi.