Vorrei che riconosceste i BIOTECNOLOGI MEDICI (senza specialità) come FIGURE SANITARIE per accedere a posizioni in ambito tecnico-diagnostico-ospedaliero

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Io e molti altri biotecnologi medici non capiamo perchè non possiamo lavorare nell'ambito diagnostico ospedaliero come tecnici di laboratorio biomedici nonostante veniamo formati non solo per fare ricerca, ma anche per svolgere analisi biochimiche, anatomo-patologiche, microbiologiche, genetiche.

Personalmente ho provato a partecipare a concorsi come tecnico biomedico e vengo respinta perchè overqualificata (nel mio caso sono diplomata come tecnico chimico-biologico).

A sostegno di questa mia richiesta, riporto gli sbocchi professionali riportati nella pagina relativa al corso di laurea tenuto presso l'Università degli Studi di Milano.

Sbocchi professionali

 

Il laureato in Biotecnologie mediche trova possibilità di impiego presso:

  • università e altri istituti ed enti di ricerca pubblici e privati;
  • strutture del Sistema Sanitario Nazionale, aziende ospedaliere, laboratori specializzati pubblici e privati;
  • industria farmaceutica e biotecnologica;
  • centri di ricerca e sviluppo di prodotti diagnostici biotecnologici dell’area sanitaria;
  • centri di servizi biotecnologici;
  • enti preposti all’elaborazione di normative sanitarie o brevettuali riguardanti lo sfruttamento di prodotti biotecnologici per la tutela della salute umana.

Le funzioni nelle quali è coinvolto il biotecnologo medico sono: applicazione di tecniche biotecnologiche come servizio di supporto alla ricerca biomedica; diagnostica molecolare (sequenziamento del DNA, PCR, ibridazione in situ); produzione di vettori a uso sia sperimentale che per la terapia genica; generazione e mantenimento di cellule in coltura; generazione di cellule ingegnerizzate per interventi diagnostici e terapeutici; generazione di animali transgenici per la produzione di proteine terapeutiche o per xenotrapianti; collaborazione nella sperimentazione clinica di farmaci biotecnologici; collaborazione alla ottimizzazione e personalizzazione della terapia farmacologica; applicazione dei principi della farmaco genomica; monitoraggio clinico di farmaci biotecnologici; applicazione e sviluppo di test diagnostici a base biotecnologica; analisi e sperimentazioni biotecnologiche; informazione tecnico-scientifica in campo biotecnologico.



Oggi: Sara conta su di te

Sara Zovetti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Biotecnologie mediche come professione sanitaria". Unisciti con Sara ed 4.148 sostenitori più oggi.