Diretta a Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini ed a(d) 2 altri

Apriamo il Monte dei Cocci a Testaccio

0

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.

Sono una sociologa urbana, vivo da trenta anni nell'ex quartiere operaio di Testaccio a Roma, una zona ricca di memoria, storia e contemporaneità. Sono tante le narrazioni che si sono incontrate - e che prima o poi si vanno ad incrociare - in questo luogo dove sorge l'ottavo colle di Roma, il Monte dei Cocci o Monte Testaccio, la prima discarica controllata di Roma imperiale.

Il Monte dei Cocci è nato e cresciuto lungo il corso di tre secoli tra il I e il III d.C. dall'accumularsi di cocci di anfore d'olio scaricate al Porto dell'Emporio e provenienti dalla Spagna. Il Monte dà nome al rione, testae in latino significa infatti "coccio". 

Si tratta allo stesso tempo di un monumento naturale e di un documento, perché attraverso saggi archeologici, tuttora attivi dalla fine dell'Ottocento a causa della vastità dell'area ancora da esaminare, è stato possibile ricostruire parte della storia commerciale dell'Impero romano.

Un sito unico al mondo ma chiuso. Per aprilo infatti occorre chiedere ed ottenere un permesso speciale, chiamando il Comune di Roma che decide data, tempo di permanenza (massimo 1 ora) e numero di partecipanti (massimo 30). Anche questo sito è gestito dalla società Zetema che non si fa carico dell'assicurazione per più di 30 persone.  Un vero peccato per le potenzialità turistiche che questo sito rappresenta. Uno stato delle cose che ne fissa la percezione, complice anche la particolarità del rione Testaccio, in uno spazio senza tempo.

La sua inaccessibilità è un oltraggio quindi non solo alla memoria, ma al piacere di poter osservare dalla sua sommità l'altra Roma, quella del lavoro e della fatica, quella del panorama industriale della zona Ostiense e Marconi, dell'ex Mattatoio e del Campo Boario. Rappresenta inoltre un danno al diritto di cittadinanza che si esprime anche nel godimento dei beni artistici pubblici.

Chiediamo quindi che il Comune di Roma, il Ministero dei Beni delle attività Culturali e del turismo e la Sovrintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del Lazio pongano attenzione a questo luogo, coinvolgendo le realtà associative nella gestione di attività per la promozione turistica del Monte dei Cocci, creando allo stesso tempo occasione di impiego e valorizzazione della cultura.

Irene Ranaldi Presidente dell'Associazione culturale "Ottavo Colle"

www.ottavocolle.com 

 Marmorata169

Questa petizione sarà consegnata a:
  • Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
    Dario Franceschini
  • Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del Comune di Roma
    arch. Maria Costanza Pierdominici
  • Sindaco
    Virginia Raggi


    Irene Ranaldi ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 5.195 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




    Oggi: Irene conta su di te

    Irene Ranaldi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Apriamo il Monte Testaccio a Roma". Unisciti con Irene ed 5.194 sostenitori più oggi.