ANAC dice no ai Progetti Pubblici gestiti da persone "qualificate"

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Noi “cittadini” vogliamo che anche in Italia la Pubblica Amministrazione gestisca i "nostri" progetti (sopratutto ‘Appalti Pubblici’) in modo qualitativo e facendo uso di persone professionali, competenti e .. aventi titolo. 

Per questo invitiamo tutti coloro che hanno a cuore la buona gestione della cosa pubblica a sottoscrivere la seguente petizione:  

-----------------------------------------------------------------------
Al Presidente di ANAC, Raffaele Cantone.  

Oggetto: <<Linee Guida n.3, di Attuazione del D.Lgs. 18 aprile 2016, n.50, recanti “Nomina, ruolo e compiti del responsabile unico di procedimento per l’affidamento di appalti e concessioni>>,

Egr. Presidente Cantone, a fronte del Nuovo Codice degli Appalti Pubblici, ANAC ha redatto le  Linee Guida in oggetto, ove si prescrive che il RUP (Responsabile Unico di Procedimento), per determinati procedimenti di particolare importo e complessità, debba possedere una “QUALIFICA” quale Project Manager, ovvero dimostri di essere persona competente nella buona gestione dei progetti.

Ora invece, nella proposta di revisione a tali Linee Guida, in fase di consultazione pubblica, sempre ANAC, per incomprensibili ragioni, propone di cancellare tale sacrosanta prescrizione, chiedendo al RUP di sottoporsi solo ad "adeguata formazione".

Ebbene, i sottoscrittori di tale petizione, come cittadini e quindi come committenti, finanziatori e utenti finali delle Opere Pubbliche

                                         chiedono

che nelle Linee Guida in oggetto venga reinserito l’obbligo per il RUP di possedere, oltre ai requisiti e a titoli previsti per ricoprire tale funzione, anche la “QUALIFICA” quale Project Manager, ai sensi delle leggi e delle normative (es. Uni 11648) vigenti.

-----------------------------------------------------

RAGIONI DELLA PETIZIONE

Basta con altri scandalosi casi di progetti mal gestiti, come ad esempio la Sa-Rc, la Tav, la … nuvola, i viadotti che crollano il giorno dopo l’inaugurazione, ecc. 

Per questo i cittadini italiani, che sono committenti, finanziatori e fruitori di tali opere, avevano gioito quando mesi fa, nelle Linee Guida n.3 al nuovo Codice degli Appalti Pubblici, ANAC prescriveva per il RUP – Responsabile Unico di Procedimento - (vale a dire colui a cui la PA affida la gestione completa dell’Appalto) il possesso di una “QUALIFICA” quale Responsabile di Progetto (o Project Manager).

Ma questa naturale e sacrosanta prescrizione deve aver dato fastidio a qualcuno, di certo a coloro a cui i cambiamenti fanno paura, e probabilmente anche a coloro che con la formazione professionale attingono da decenni, spesso sperperandoli, a ingenti finanziamenti nazionali e europei.

E così nella nuova rivisitazione delle Linee Guida Anac, in fase di consultazione pubblica, viene apportata una modifica sostanziale con la quale si propone che il RUP non debba più dimostrare il possesso di una qualifica professionale, ma bensì solo di aver avuto una “adeguata formazione” di project management. Ci si accontenta dunque di verificare il solo “sapere” del RUP e non piuttosto le dimensioni che vanno a comporre la reale competenza: il “saper fare” e, ancor più, “il saper essere”.

E per giustificare tale dietro-front, ANAC, nella propria Relazione Illustrativa, afferma che ciò si è reso necessario causa "..assenza di una specifica qualifica in materia". Ma se per 'materia, come crediamo, si intende il Project Management, allora la affermazione di ANAC è davvero prima di qualsiasi fondamento. Infatti in Italia, caso unico in tutta Europa, abbiamo:

  • Una legge sulle Professioni non organizziate in Ordini/Collegi (la 4/2013), che ha permesso agli organismi previsti dalla legge di dare corpo dignità al ruolo del Project Manager qualificandone o certificandone la professionalità;
  • Un Ministero, il MiSE, che ha inserito le Associazioni dei Project Manager fra quelle presenti nel proprio apposito elenco, andando quindi a dichiarare che il Project Manager è una professione esistente e non-ordinistica;
  • Due norme Iso/Uni, la prima sulla materia del project management (la Iso/Uni 21500) e la seconda sulle competenze del Project Manager (la Uni 11648);
  • Alcune Associazioni Professionali che rilasciano ai propri iscritti "Attestazione di qualità" così come prescritto dalla L.4/2013;
  • Almeno 6 Organismi di Certificazione accreditati da Accredia che erogano da tempo esami di certificazione per i Project Manager;
  • L'elenco dei Project Manager certificati presente sul sito di Accredia;
  • L'inserimento della professione del Project Manager nella codifica Istat delle professioni denomina CP2011;
  • Importanti organismi nazionali (es. Aica, Isipm) e internazionali (Pmi, Ipma, ecc.) che rilasciano qualifiche (come la nota PMP(r) ) basate su standard de-facto privatistici ma riconosciuti dal mercato. Tra esse di sottolinea la qualifica Prince2, voluta e riconosciuta dalla PA inglese!

Cosa ci manca, dunque, di grazia? Occorre che i project manager qualificati vengano giù dal cielo come la manna?

Inoltre ci si chiede: Cosa vuol dire "formazione adeguata”? Quale organismo dovrà garantire tale adeguatezza? E come si fa a barattare il possesso di un ‘titolo’, di una ‘qualifica’ (ai sensi della legislazione vigente) con la sola frequentazione di un corso? Forse, per esempio, che essere architetti, con tanto di timbro rilasciato da un Ordine, o aver solo frequentato lezioni di architettura è da ANAC considerato equipollente?

Per questo sottoscriviamo questa petizione, per continuare a sperare che questa amata Nazione ce la faccia ad uscire da una critica congiuntura socio-economico-lavorativa anche grazie ad una buona gestione dei propri progetti, intesi come sforzi coordinati nel tempo per raggiungere obiettivi desiderati.

Ma affinché ciò si possa attuare, occorre che a gestire tali "project" siano persone competenti e ... "qualificate": i Project Manager, per l'appunto!!!

Grazie

------- i promotori (in ordine alfabetico) --------

Marco Arcuri, Fabrizio Bedin, Mirko Corna, Sergio Ferri, Roberta Limpido, Silvia Losco, Franco Maggiore, Giuseppe Marciante, Giuseppe Paolino, Paola Papadia, Eugenio Rambaldi, Fabio Ruzzolini



Oggi: Eugenio conta su di te

Eugenio Rambaldi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "ANAC: ANAC dice no ai Progetti Pubblici gestiti da persone "qualificate"". Unisciti con Eugenio ed 584 sostenitori più oggi.