AIUTIAMO TERESA A RIPORTARE LIO A CASA

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Lio si trova in Olanda, microchip Italiano, affetto da leishmaniosi e displasia dell'anca, la famiglia affidataria non riconosce la malattia  e non segue il protocollo medico sanitario adeguato, trattandosi di terapie salvavita.
La legge Olandese non permette alla regolare intestataria del chip di riportarlo in Italia per le cure adeguate, tanto meno la famiglia sopracitata ha intenzione di cederlo.
Aiutiamo Teresa a riportare Lio a casa affinché venga curato nei migliori dei modi. 

"Il traffico illegale di animali da compagnia in Olanda, è tutelato da la mancanza di una legislazione adeguata a la richiesta di adozioni che si aggira intorno a i 150.000 cani all'anno. Non c'è di fatto tutela del diritto di proprietà di un cane dato in affido, in quanto il possessore del cane, è per la legge olandese automaticamente il proprietario, anche in assenza di un regolare contratto. Chiediamo all'Olanda di adeguare le leggi a la situazione attuale, in quanto in caso di maltrattamenti o soppressione del cane, non esiste tutela per il proprietario originario del cane. Questa carenza legislativa va colmata, non si può ignorare una legge che tuteli gli animali e che dia maggiore trasparenza su i paesi e i modi in cui questi animali arrivano in Olanda."



Oggi: Monica conta su di te

Monica Ambu ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ambasciata olandese : AIUTIAMO TERESA A RIPORTARE LIO A CASA". Unisciti con Monica ed 1.661 sostenitori più oggi.