PETIZIONE CHIUSA

Allevamento rispettoso: alternativa all'essere vegetariani, tutela per gli allevatori

Questa petizione aveva 42.429 sostenitori


Spesso gli animali da macello vengono allevati in modo intensivo, in spazi modesti e con mangimi ipercalorici. A risentirne non è solo la qualità del prodotto ma anche il possibile mercato che questi potrebbe avere: è risaputo che molte persone, per protesta o senso etico scelgano di limitare o addirittura escludere completamente carne e uova dalla loro dieta. Inoltre gli allevatori stessi hanno difficoltà a tenere testa ad un mercato sempre più competitivo e che premia "il ribasso" (sia di prezzi sia della qualità) della grande distribuzione.

La mia proposta è l'istituzione di un marchio di garanzia, del tipo "Allevamento rispettoso", che garantisca al consumatore che gli animali siano stati allevati in modo quanto più possibile naturale (mucche al pascolo, galline all'aria aperta, ecc). Ciò avrebbe diversi aspetti positivi:

1. Ampliare il mercato a tutti coloro che, amanti degli animali e animati da senso etico, mal sopportano di acquistare prodotti derivanti dall'allevamento intensivo.

2. Svincolare gli allevatori dalle pericolose dinamiche che oggigiorno dominano il mercato: produrre di più, vendere a meno, non importa come.

3. Una maggiore qualità dei prodotti.

4. Maggiore rispetto per gli animali che, per quanto destinati al macello, hanno il diritto di vivere una vita da "animale" e non di tortura. 



Oggi: Andrea conta su di te

Andrea Richaud ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Allevamento rispettoso: tutela per gli allevatori @coldiretti @maumartina @3filetti". Unisciti con Andrea ed 42.428 sostenitori più oggi.