Per una Modica Virtuosamente Verde +Bella +Sana +Ricca +Accogliente i cittadini chiedono:

Per una Modica Virtuosamente Verde +Bella +Sana +Ricca +Accogliente i cittadini chiedono:

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!
Virtuosismi Ecosostenibili Modicani ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Al sindaco di Modica e al presidente del Consiglio Comunale

Il Verde, tutte le piante sono Fonte di Vita, Salute per tutti gli esseri viventi.

I sottoscritti cittadini modicani, nel rispetto delle leggi e dei regolamenti e nell’esercizio delle legittime prerogative costituzionali, rappresentiamo e chiediamo quanto segue.
Abbiamo constatato che anche a Modica, come purtroppo accade in tante altre città italiane, è invalsa la pratica della c.d. “capitozzatura” e della “potatura drastica” degli alberi urbani di proprietà comunale e dei privati.
Ricordiamo che, secondo la definizione contenuta dal Decreto del Ministero dell’Ambiente del 10 marzo 2020, la capitozzatura consiste nel “drastico raccorciamento del tronco o delle branche primarie (sbrancatura) fino ad arrivare in prossimità di questi ultimi”.
Ricordiamo che la c.d. “potatura drastica” costituisce una forma, sia pure meno estesa ma altrettanto invasiva, di capitozzatura.
Ricordiamo che, ormai da oltre venticinque anni la letteratura di settore ha certificato le
conseguenze molto negative di queste pratiche, perché esse determinano:


1) una c.d. “crisi energetica” dell’albero, a svantaggio di importanti funzioni vitali;

2) un’eccessiva e innaturale esposizione del tronco e della corteccia all’esposizione solare, ciò che può causare scottature e malattie conseguenti;

3) disfunzioni sul naturale impianto di difesa della pianta dalle aggressioni di insetti e parassiti, spore di funghi, agenti di carie del legno, così aumentando il rischio di malattie e morte della pianta;

4) l’indebolimento del c.d. “legno nuovo” e il decadimento del legno c.d. “interno”; con maggiori possibilità di pericoli per l'incolumità pubblica.

5) lo sviluppo innaturalmente “accelerato” di rami epicornici, più numerosi ma meno ordinati e meno “sani” e forti.

6) in alcuni casi la morte immediata, o comunque rapida, delle piante;

7) uno sgradevole effetto estetico;

8) maggiori costi, a medio e lungo termine, per il deprezzamento delle aree interessate e la maggiore e più frequente manutenzione che gli alberi capitozzati richiedono.


E questi sono solo alcuni dei motivi che la letteratura di settore, ma anche il citato decreto ministeriale, hanno considerato per contestare e contrastare questo sistema di potatura.
Ci preme anche segnalare che gli “alberi urbani”, ridotti alla stregua di grandi e innaturali “attaccapanni” (giusto per usare una metafora), perdendo la quasi totalità della chioma, perdono di conseguenza anche le loro importanti funzioni anti-inquinanti, di raffrescamento dell’aria, di protezione dal sole e di protezione della biodiversità.
Per tali ragioni, chiediamo all’amministrazione comunale modicana di non dare più corso alle sopra lamentate pratiche, obbligando le ditte affidatarie del servizio di manutenzione e gestione del verde pubblico a rispettare “i criteri ambientali minimi”, indicati espressamente nel già più volte citato decreto ministeriale del 10 marzo 2020, pubblicato al n. 90 della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 4 aprile 2020.
Chiediamo, di conseguenza, la revisione generale di tutte le aiuole sottostanti gli alberi
urbani, attualmente eccessivamente piccole e, per questo motivo, non sufficienti a garantire la pulizia dei marciapiedi dai residui della piccola fauna che abita, naturalmente, le chiome degli alberi stessi. In altri termini, chiediamo che le aiuole occupino uno spazio corrispondente all’estensione della chioma soprastante. Questa soluzione, a medio e lungo termine, produrrebbe anche un
maggior risparmio sulla potatura, che diventerebbe meno frequente, e permetterebbe di risolvere definitivamente le problematiche connesse all’accumulo di guano, senza impattare negativamente sull’esistenza di piccoli volatili annidati sugli alberi medesimi.

- Chiediamo, altresì, che il Comune di Modica si adegui alla normativa prevista dalla Legge n. 113/1992 e successive modificazioni e integrazioni, che espressamente prevede, nei comuni con
popolazione superiore a 15.000 abitanti, la messa a dimora di un albero per ogni nuovo cittadino nato nel territorio comunale.

- Chiediamo, altresì, che il Comune di Modica si adegui alla normativa di cui alla Legge n. 10/2013 e successive integrazioni e modificazioni, per il censimento, la tutela, sviluppo e salvaguardia delle piante e degli alberi di interesse storico e monumentale, dei filari e delle alberate di particolare pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale, di cui esistono, nel territorio comunale di Modica, notevoli e meritevoli esempi.

- Chiediamo che, in conformità alla predetta legge 10/2013, e successive modificazioni e integrazioni, ivi compreso l’art. 8 del D.M. Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 23 ottobre 2014, venga pubblicato, sul sito del Comune di Modica, il Sistema Informativo sullo stato di applicazione della normativa sopra citata, sul censimento e il consuntivo arboreo, sulle iniziative adottate per la tutela, lo sviluppo e la salvaguardia del verde urbano e i risultati conseguiti.

- Chiediamo ancora la costituzione di una Consulta per il Verde Pubblico, secondo le
previsioni di norma e di regolamento, composta da associazioni e singoli cittadini e tutte le figure che, nel territorio comunale, possono agire a tutela, salvaguardia e sviluppo del Verde Pubblico e Privato e per la tutela del patrimonio arboreo cittadino-Bene Comune.

- Chiediamo infine che il Consiglio Comunale di Modica deliberi il Regolamento Comunale per la Tutela, Salvaguardia, del Verde Pubblico e Privato, attesa la tutela, anche di rango costituzionale (art. 9) del paesaggio urbano e delle sue componenti, di cui il verde pubblico è parte essenziale.

 
Modica.

 

RIFERIMENTI E APPROFONDIMENTI:

Leggi e decreti

- LEGGE 14 gennaio 2013, n. 10 Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani. (13G00031) (GU Serie Generale n.27 del 01-02-2013)
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/02/01/13G00031/sg


- DECRETO 23 ottobre 2014 Istituzione dell'elenco degli alberi monumentali d'Italia e principi e criteri direttivi per il loro censimento. (14A08883) (GU Serie Generale n.268 del 18-11-2014)
http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2014/11/18/14A08883/sg


- DECRETO 10 marzo 2020 Criteri ambientali minimi per il servizio di gestione del verde pubblico e la fornitura di prodotti per la cura del verde. (20A01904) (GU Serie Generale n.90 del 04-04-2020)
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/04/20A01904/sg

- LEGGE 11 febbraio 1992, n.157 Norme a protezione della fauna selvatica https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/1992/02/25/092G0211/sg  e

 Direttiva Europea 2009/147/CE

 

Video e servizi Tv su potatura drastica o capitozzatura

https://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/cos-e-la-capitozzatura-_62236.shtml?fbclid=IwAR3-UBSieWdnZdhPNg4HXUVhqQYu8RSdyDSfxyjYXkZ7HuTwhqtEjSQ1mRk

https://www.youtube.com/watch?v=F2BUL4oak44&feature=youtu.be

 

Siti, pagine, documenti di Gruppi e Associazioni Nazionali

- COORDINAMENTO NAZIONALE PER ALBERI E IL PAESAGGIO

https://www.facebook.com/coordinamento.alberiepaesaggio

http://www.conalpa.it/

 

- LIBERI PENSATORI A DIFESA DELLA NATURA

https://www.facebook.com/Liberi-pensatori-a-difesa-della-Natura-109592137155374

 

 - LIPU 

http://www.lipu.it/

https://www.facebook.com/LipuOnlus

- Linee guida LIPU -progettazione Ecologica Verde urbano e protezione fauna selvatica

http://www.lipu.it/files/Il_verde_urbano_e_gli_alberi_in_citt_def.pdf

 

VIRTUOSISMI ECOSOSTENIBILI MODICANI 

Seguici sulla nostra pagina Facebook

https://www.facebook.com/Virtuosismi-Ecosostenibili-Modicani-101470131763522

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!