PETIZIONE CHIUSA

Cambiamo il nome della Via Cesare Lombroso a Catania

Questa petizione aveva 142 sostenitori


È noto quale ideologia sia stata diffusa in forma capillare dai propagandisti della borghesia nelle classi settentrionali (...); i meridionali sono biologicamente degli esseri inferiori dei semibarbari o dei barbari completi, per destino naturale” scrive Antonio Gramsci, nel 1926.

DICIAMO NO ALLE TESI RAZZISTE DI LOMBROSO.

Egr. Sindaco Avv. Enzo Bianco, il movimento politico “Siciliani Liberi”, attraverso i circoli della Città di Catania, si rivolge a Lei quale principale autorità politica e amministrativa della Città di Catania, confidando in una personalità istituzionale vicina agli irrinunciabili e fondamentali valori umani quale patrimonio secolare della nostra civiltà.

La presente petizione ha come fine la richiesta di cambiare il nome della Via Cesare Lombroso nella città di Catania, intitolandola ad un personaggio strettamente legato alla storia siciliana. A tal proposito suggeriamo di voler considerare la figura di Federico III di Sicilia (1273 – 1337) fortemente legata alla città di Catania durante il suo regno e che la rese capitale del regno stesso.

La presente petizione vuole sottolineare il disvalore scientifico delle teorie criminologiche e di arbitraria devianza sociale, come sostenute da Lombroso. Ad esse, infatti, hanno fatto seguito derive profondamente discriminatorie, tali da colpire chiunque si scostasse dal dissennato paradigma di «normalità» elaborato dal medico veronese. Questi fu il fondatore di una scienza dimostratasi erronea nei presupposti e nelle congetture, poggiata sulla tesi dell'uomo delinquente nato o atavico, riconoscibile dalla semplice misurazione antropometrica del cranio. Ossia, individuo recante in sé, nella propria struttura fisica, i caratteri degenerativi che lo differenzierebbero dall'uomo normale e socialmente inserito.

A tal punto gli studi di fisiognomica e frenologia forense, infelici scientificamente ed eticamente, fecero presa sulla società del tempo, che ne rimasero gravemente condizionati anche le indagini e i processi penali. Sotto l'influenza della cosiddetta teoria positivista, di cui Lombroso fu uno dei massimi sostenitori, divenendo, nell'immaginario collettivo, l'altisonante padre del «criminale per natura», i magistrati, per cogliere i tratti antisociali e il presunto carattere delinquenziale degli imputati, cominciarono a fare affidamento sui lineamenti dei loro volti. Si guardava, cioè, all'aspetto fisico dei sospettati, perché Cesare Lombroso, nei suoi propagandati studi, aveva scoperto come fosse questa connotazione a individuare infallibilmente il criminale.

I teoremi lombrosiani hanno rappresentato il fondamento delle dottrine razziste, facendo sì che nel

corso dell'Ottocento, nella nostra nazione, prendesse vita la teoria sulle «Due Italie», con il Sud vittima di una pesante discriminazione fomentata dall'idea razzista su basi scientifiche di Lombroso e dei suoi allineati discepoli (è sufficiente, in proposito, menzionare i nomi di Luigi Pigorini – Giuseppe Sergi – Alfredo Niceforo i cui scritti di profonda impronta anti-meridionale e razzista sono oggi all'indice della comunità scientifica nazionale e internazionale).

Quale ufficiale medico aggregato all'esercito, infatti, a seguito dei rivolgimenti post-unitari, Cesare Lombroso ne approfittò per avanzare basse speculazioni sulla popolazione meridionale, in spregio della radice unitaria che avrebbe dovuto realizzare fin da subito la coesione territoriale e sociale della nazione.

Proprio in Calabria, il falso ricercatore avviò uno «studio criminologico» sulle popolazioni locali, giungendo ad indagare un improbabile rapporto delinquenziale tra linguaggio – usi - modo di vestire e le caratteristiche fisiche dei residenti. Non contento di quanto già provocato ai danni di un paritario sviluppo del Paese, rientrato nella vita civile e rivestendo incarichi universitari a Pavia, Cesare Lombroso ebbe occasione di osservare in carcere Giuseppe Villella, calabrese di Motta Santa Lucia, sospettato di brigantaggio. Quando il Villella morì, nel 1864, a Lombroso fu consentito di procedere all'autopsia del cadavere, riteniamo con scarso rispetto della normativa all'epoca vigente. L'esame anatomico del cranio, nello specifico, rivelò un'anomalia classificata dal clinico veronese come «fossetta occipitale mediana», ovvero l'«illuminazione» attesa da anni, come ebbe premura di divulgare: “Alla vista di quella fossetta mi apparve d'un tratto come una larga pianura sotto un infinito orizzonte, illuminato il problema della natura del delinquente, che doveva riprodurre ai nostri tempi i caratteri dell'uomo primitivo giù giù fino ai carnivori...”.

Considerando come la straordinaria scoperta e la presunta anomalia riguardino un tratto anatomico non difficile da riscontrare, negli individui di qualsiasi origine territoriale, sorvoliamo su ulteriori commenti circa la levatura scientifica del nostro personaggio.

Ebbene, non si può più oggi sorvolare, Sindaco Enzo Bianco, alla luce di una nuova consapevolezza sul meridione e la sua storia, alla presenza di una via nella città di Catania intestata a Cesare Lombroso avvalorante di forme discriminatorie e razziste, contro i più alti valori umani. L’urgenza e la necessità del cambiamento del nome è avvalorata dalle sottoscrizioni alla presente petizione.

Movimento Siciliani Liberi - Circoli dell'Area Metropolitana di Catania



Oggi: Siciliani Liberi conta su di te

Siciliani Liberi Catania ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Al Sindaco di Catania: Cambiamo il nome della Via Cesare Lombroso a Catania". Unisciti con Siciliani Liberi ed 141 sostenitori più oggi.