Che la pratica del Qi Gong sia prescritta nella lotta contro il COVID19

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


La medicina tradizionale cinese (MTC) ha giocato un ruolo attivo nella lotta contro il coronavirus COVID-19 in Cina. Secondo le cifre ufficiali a più di 60000 pazienti, che rappresenta il 85,2% delle persone infettate è stata prescritta la pratica di esercizi tradizionali (il Qi Gong) che innalzano le difese immunitarie e contribuiscono a mantenere la salute. Negli ospedali di Wuhan, il Qi Gong è diventato popolare non solo tra i pazienti ma anche tra il personale sanitario. E' noto come la maggior parte del personale sanitario è sfinito da un carico di lavoro intenso e da uno stress mentale ed emotivo elevato. Con gli esercizi di Qi Gong l'energia vitale, chiamata Qi, può essere condotta tra i canali energetici (i meridiani) i blocchi e le congestioni eleminati attraverso il sangue e migliorato il livello di stress psicofisico. Anche le funzioni polmonari e cardiache possono migliorarsi. Ufficialmente, più di 3100 tra medici e infermieri in 630 ospedali cinesi hanno praticato il Qi Gong.

Sono una insegnante certificata di Qi Gong che da 18 anni si impegna a far conoscere questa pratica di salute con risultati fortemente positivi. In questo momento di crisi sanitaria questa pratica si può adattare a sessioni on line.

Chiediamo che il Qi Gong sia riconosciuto come un valido supporto per la salute delle persone e sia costituita e organizzata una rete di professionisti che possano far giungere tramite le lezioni on line questa pratica al personale sanitario impegnato nella lotta contro il Covid19, alle persone contagiate e a quelle che ne hanno bisogno perché a contatto ravvicinato con i luoghi a rischio. Ma anche persone alle persone che stanno bene come pratica di prevenzione.

Ci sono molte scuole di Qi Gong in Italia con professionisti che potranno mettersi a disposizione per questo lavoro che in questo momento può rivelarsi di vitale importanza. Si tratta solo di scegliere un/a coordinatore/trice e di mettere in atto una rete capillare di lezioni da remoto.