Vittoria confermata

Aiutiamo Asal intrappolata in Ecuador #AiutiamoAsal

Questa petizione ha creato un cambiamento con 14.567 sostenitori!


Asal Alinejad è una ragazza iraniana che ha vissuto e studiato per due anni in Italia, a Pisa, dove ha frequentato "Lingue e letterature straniere" presso l'università. Nel novembre 2012 ha ricevuto un'offerta di lavoro come insegnante volontaria in Ecuador. Ha accettato, pensando che sarebbe stata una buona occasione per imparare lo spagnolo. Ora, però, si ritrova intrappolata: costretta a vivere ad Ambato, una piccola città sulle Ande, senza lavoro né diritti.

Senza, soprattutto, la possibilità di raggiungere l’Italia, dove vorrebbe tornare per completare gli studi e vivere in libertà.

Due anni fa, non appena arrivata in Ecuador, Asal si sente dire che la scuola dove dovrebbe lavorare sta per chiudere. Intenzionata comunque a imparare la lingua, decide di restare. Cerca un’altra occupazione e viene assunta in un albergo. Dopo sette mesi, per una serie di problemi legati al lavoro e al visto turistico, si convince a tornare in Italia. Ecco, allora, l’inizio del calvario. Il suo permesso di soggiorno in Italia non è più valido e per rinnovarlo ha due sole possibilità: restare in Ecuador, affidandosi alla macchinosa burocrazia del Paese, o tornare in IranPer motivi politici, la seconda alternativa non le è possibile.

Sono trascorsi due anni, durante i quali Asal ha i visto calpestati i propri diritti di donna e di lavoratrice, ricevendo più volte proposte sessuali in cambio di un aiuto. Incappata in una rete di continue trappole burocratiche, non può fare ritorno in Italia e proseguire i propri studi.

Sono nata a Shiraz, una città bellissima nel sud dell’Iran. All’età di 20 anni mi sono trasferita a Teheran dove ho studiato Scienze Politiche. 

Nel 1980 ho deciso di partire per l’Italia, spaventata dai provvedimenti del regime di Khomeini. Nella mia vita mi sono sempre battuta per i diritti di genere e per i diritti umani. 

Chiedo all’Università di Pisa di produrre un documento per attestare che Asal è una sua studentessa. Solo così potrebbe ottenere un nuovo visto dall'ambasciata italiana a Quito per motivi di studio.

Una volta ottenuto il documento, chiedo all’Ambasciata italiana in Ecuador di velocizzare le pratiche perché Asal possa finalmente fare ritorno a Pisa e completare il proprio ciclo di studi.



Oggi: Sabri conta su di te

Sabri Najafi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Aiutiamo Asal intrappolata in Ecuador #AiutiamoAsal". Unisciti con Sabri ed 14.566 sostenitori più oggi.