PETIZIONE CHIUSA
Diretta a Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni ed a(d) 5 altri

Stop alla nuova riorganizzazione del recapito di Posteitaliane

1.833
sostenitori

 

 Da qualche mese, in seguito ad un accordo tra sindacati e poste italiane, in tutto il territorio nazionale è stato introdotto il servizio recapito a " giorni alterni ". Questa riorganizzazione dovrebbe servire, a detta di chi l'ha voluta, a rilanciare un settore, giudicato in crisi, importante per Poste Italiane. Nei fatti quanto sta avvenendo è esattamente l' opposto !! Poste Italiane ha deciso da tempo di trasformarsi in una gigantesca banca, tramite anche l'ultima operazione di privatizzazione, e sacrificando, per raggiungere quest' obiettivo, un settore storicamente importante come il recapito. Per favorire interessi e profitti economici si è, volutamente, scelto di distruggere un servizio pubblico e sociale. 

questo rappresenta una palese violazione dei diritti del cittadino che si vede cosi penalizzato a ricevere la corrispondenza  l accesso all informazione quotidiana e a quella periodica

 La Direttiva sui servizi postali, che disciplina il servizio universale in Europa, prevede l’obbligo di recapito quotidiano almeno 5 giorni a settimana. Eventuali deroghe possono essere concesse solo in circostanze o condizioni geografiche “eccezionali”: perché l’obiettivo del servizio universale è proprio quello di garantire la raccolta e la consegna della posta anche nelle zone remote e scarsamente popolate.

La seconda fase, ovvero da aprile 2016, la deroga  interessarà il 12,5% della popolazione italiana, circa 7,5 milioni di cittadini, una percentuale che è quasi il doppio dell’eccezione maggiore prevista a livello europeo.

Dal 2017 ci sarà la consegna della corrispondenza a giorni alterni in tutto il territorio nazionale eccetto 5 aree metropolitane (Milano,Firenze,Roma,Bologna,Napoli) Quest ennesima riorganizzazione crea enormi disagi alla popolazione italiana e ai lavoratori del recapito con tagli al personale

Aiutaci a dire NO a questa politica del profitto perchè ricevere corrispondenza è un diritto!! Respingiamo la distruzione del recapito....DIFENDIAMO IL POSTINO !!! 

http://www.lecceprima.it/economia/tagli-al-servizio-postale-uil-soppressioni-in-vista-ed-esuberi-del-personale.html

http://www.lanazione.it/umbria/tagli-postini-perugia-1.1982819

Questa petizione è stata notificata a:
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
    Paolo Gentiloni
  • Organizzazione
    AGICOM italia
  • Persona
    Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti Presidente della XI Commissione Lavo
  • Organizzazione
    Unione Europea
  • Persona
    Presidente del Consiglio Italiano Gentiloni
  • Titolo
    Ad posteitaliane Matteo Del Fante


giancarlo castaldo ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 1.833 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




Oggi: giancarlo conta su di te

giancarlo castaldo ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Agicom: Stop alla nuova riorganizzazione del recapito di Posteitaliane". Unisciti con giancarlo ed 1.832 sostenitori più oggi.