Gli assorbenti sono gioielli

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Gli assorbenti sono come le auto, come i cellulari, come le borse; non sono beni di prima necessità. Spieghiamo meglio: tutti i prodotti o servizi che noi acquistiamo sono tassati con aggiunta di IVA (imposta sul valore aggiunto). Esistono tre tipi di aliquote: quella del 4%, che riguarda i prodotti di prima necessità; quella del 10% per altri prodotti alimentari; e infine quella del 22%, aggiunta a tutti i prodotti non citati prima. In Italia vengono tassati al 22% prodotti come automobili, televisioni e benzina. Ma anche gli assorbenti e pannolini per i bambini sono considerati “beni non primari” e tassati quindi al 22%. Infatti una donna può decidere se comprare un pacco di assorbenti e una madre può evitare di compare pannolini per il proprio figlio, giusto? SBAGLIATO. Questi sono prodotti essenziali per la vita di una donna e di un bambino e sappiamo anche che hanno costi elevati, basti pensare che in media un pacco di assorbenti costa 4 € e una donna ne usa circa 12.000 nel corso della sua vita. Nonostante l’UE nel 2006 abbia affermato che «I prodotti di protezione per l’igiene femminile possono essere assoggettati alle aliquote ridotte» l’Italia, a differenza di Paesi come la Francia, l’Olanda, l’Irlanda, non ha abbassato l’aliquota. Firmando questa petizione speriamo di far riconoscere gli assorbenti e i pannolini per bambini beni di prima necessità.



Oggi: petizione conta su di te

petizione assorbenti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Agenzia delle entrate: Gli assorbenti sono gioielli". Unisciti con petizione ed 1.566 sostenitori più oggi.