PETIZIONE CHIUSA
Diretta a Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini ed a(d) 5 altri

A chi compete la cultura? Salviamo il futuro di centinaia di musei, biblioteche e istituti culturali italiani

2.823
sostenitori

Le recenti Riforme istituzionali mettono in serio pericolo l’esistenza di tutte le strutture e i servizi culturali fino ad oggi di competenza delle Province. Dal 1 gennaio 2015, infatti, la loro gestione viene rimandata ad altri enti - Regioni e Comuni in primis - che sono chiamati a finanziarli, occuparsi delle loro attività e prendersi carico del loro personale.

Fino ad oggi pochissime Amministrazioni hanno provveduto in tal senso (spesso con atti temporanei), così che in tutta Italia si respira un clima di incertezza diffusa, senza occasioni di confronto, senza una visione unitaria e soprattutto con una preoccupante mancanza di chiarezza sulle risorse finanziarie a disposizione, che mette in pericolo servizi a cittadini e turisti, tutela del patrimonio e offerta culturale, posti di lavoro, professionalità e investimenti.


Il rischio è che per per molti beni culturali la riforma si traduca in un fallimento e che centinaia di musei, biblioteche, reti e sistemi territoriali vadano incontro a una drammatica chiusura o, se va bene, a un drastico ridimensionamento di attività e servizi.

UN PERICOLO ENORME PER IL NOSTRO PATRIMONIO CULTURALE. UN DISASTRO SENZA SE E SENZA MA.

Questo è quello che chiediamo:

1. - Salvare il funzionamento di centinaia di musei, biblioteche, archivi, istituti e sistemi culturali in tutta Italia, fino ad oggi di competenza delle Province.

2. - Tutelare il patrimonio da loro conservato e valorizzato (collezioni museali, beni librari e documentali, archivi multimediali, fondi storici).

3. - Garantirne l’apertura, la continuità e la qualità dei servizi e la loro preziosa attività (mostre, esposizioni, eventi culturali, incontri, didattica, prestiti librari, informatizzazione e digitalizzazione, promozione territoriale, scambi culturali).

4. - Tutelare e conservare gli edifici che li ospitano, spesso essi stessi di enorme valore.

5. - Garantire il funzionamento delle tante reti e sistemi che gravitano attorno ad essi, per i quali coordinano servizi avanzati e diffusi al territorio.

6. - Salvaguardare le competenze di centinaia di operatori culturali e gli anni investiti in ricerca, conservazione e valorizzazione, senza disperderne le professionalità in altri incarichi e funzioni.

7. - Ottimizzare la gestione finanziaria di questi istituti senza effettuare tagli lineari ma attraverso un’azione di trasparenza, razionalizzazione delle spese e valorizzazione del merito.

8. - Garantire continuità ai progetti europei e agli accordi nazionali e internazionali che questi istituti culturali hanno in essere, tutelando gli investimenti pubblici e privati degli ultimi anni.

9. - Garantire che gli enti e le istituzioni chiamati a decidere sulla gestione dei beni culturali delle Province riformate non effettuino valutazioni “politiche” ma “tecniche”, all’interno di una visione il più possibile strategica e condivisa.

10. - Invitare ai tavoli decisionali in tutta Italia i rappresentanti delle principali associazioni professionali della cultura (ICOM, AIB, ANAI).

 

La Riforma delle Province rischia di diventare una scure su quanto di più prezioso abbiamo nel nostro paese (evidentemente solo a parole) e su presìdi di cultura, civiltà e democrazia diffusi su tutto il territorio.

Firmate questo appello, grazie!

 

#achicompetelacultura

www.achicompetelacultura.it

Seguiteci anche su Facebook e Twitter

 

===============================

Promotori

#achicompetelacultura è una mobilitazione nata “dal basso” ovvero da professionisti e operatori che lavorano quotidianamente, spesso in trincea, nel mondo dei beni culturali in Italia.

L’iniziativa è ideata e curata da Marianella Pucci, manager della cultura, e Luciano de Venezia, esperto in marketing e comunicazione culturale.

È condivisa dalle più importanti associazioni del settore: ICOM Italia (International Council of Museum – UNESCO), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ANAI (Associazione Nazionale Archivistica Italiana), MAB - coordinamento permanente di Musei Archivi e Biblioteche.

La campagna è realizzata e promossa da Mediateur - idee e servizi per i beni culturali.

Questa petizione è stata notificata a:
  • Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
    Dario Franceschini
  • Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Ministro Graziano Delrio
  • Ministro per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini
  • Conferenze Stato Regioni ed Unificata Antonio Naddeo
  • Presidente Conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino
  • ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Presidente ANCI Piero Fassino


A chi compete la cultura ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 2.823 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




Oggi: A chi compete la cultura conta su di te

A chi compete la cultura ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "A chi compete la cultura?". Unisciti con A chi compete la cultura ed 2.822 sostenitori più oggi.