Decision Maker

Leoluca Orlando

  • Sindaco di Palermo

Does Leoluca Orlando have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Closed
Petitioning Leoluca Orlando, Domenico Musacchia, Sergio Marino, settoreverdeterritorio@cert.comune.palermo.it , Sindaco di Palermo, https://twitter.com/LeolucaOrlando1 , https://www.facebook.com/leolucaorlando...

Ridiamo dignità al nostro amato e maestoso Ficus di Piazza Marina.

Quando lo vide Daniel Pennac qualche anno fa,  l’osservò da diverse prospettive e provò a fotografarlo in tutti i modi ma esterefatto, lo scrittore francese si arrese ed escalmò: “Incroyable!!!... Non riesce a stare dentro una fotografia… E’ QUESTA LA LIBERTA’ DEGLI ALBERI.” L'Albero monumentale più grande d'europa, il nostro Ficus Magnolioides di Piazza marina, all'interno di villa Garibaldi, da quasi un anno ormai, grava in pieno stato d'abbandono ed incuria. Maldestramente e senza alcun criterio ne studio preparatorio, il comune aveva mandato tempo fa una imbarazzante squadra di incompetenti addetti comunali con l'incarico di potarlo per metterlo in sicurezza.  ll danno derivante da quell'intervento è stato sconcertante e visibile agli occhi di tutti ancora oggi. E' stato sventrato allontanando la meravigliosa fauna e stormi di uccelli migratori che nei vari periodi dell'anno trovavano tra i suoi rami rifugio. E' sofferente. Non solo. L'area circostante sotto i suoi rami che dà sui marciapiedi e sulla strada che costeggia anche lo Steri, è stata orribilmente recintata per sicurezza ma versa nella sporcizia e nel degrado più vergognoso. Recinto che invece manca nell'area sottostante all'interno della villa. Una parte della cancellata del Basile, bene vincolato, è stata rimossa o forse saccheggiata. E tutto questo sotto gli occhi non solo nostri ma anche sotto quelli dei tanti turisti che giungono da tutto il mondo per visitare ed ammirare la nostra città. La soluzione è permettere alle radici aeree di poggiare al suolo per consentire ai rami di sostenersi e creare eventualmente dei sostegni che li possano reggere. Nell'attesa che il comune trovi urgentemente e senza chiacchiere di circostanza una sana ed ecologica soluzione, chiediamo che venga curato e trattato com’è  giusto che sia. Con interventi costanti di pulizia attorno ad esso, in modo da potergli restituire il decoro e la dignità che in questo momento l'indifferenza dell'essere umano gli ha tolto. Considerando i desolanti tempi di risposta della giunta comunale, Il primo intervento di bonifica lo faremo noi cittadini. Invitiamo tutti quelli che volessero darci una mano con guanti, scope e palette a presentarsi sabato 11 Novembre 2017 alle 12 sotto il nostro caro amico Albero. E’ il nostro gigante buono... la nostra verde montagna che respira. Aiutiamolo. Un Grazie da parte sua a tutti coloro che vorranno sostenerlo firmando e condividendo la petizione.  

massimo crifo antonello
5,133 supporters
Petitioning Alberto Bonisoli, Renzo Piano, Nello Musumeci, Leoluca Orlando, Salvo Pogliese, Cateno De Luca, Girolamo Di Pisa, Rosalba Panvini, ferdinando Guarino, Salvatore Piazza, Carmela Floreno, Raimondo Ce...

Strutture polifunzionali per la musica e lo sviluppo sociale ed economico in Sicilia

In Sicilia abbiamo gli spazi per la grande lirica e per il teatro di prosa, abbiamo grandi musei e bellissimi luoghi in grado di ospitare ogni sorta di evento, anche internazionale, ma non abbiamo spazi adatti alla fruizione della musica pop/rock. Il palazzetto di Acireale (CT) è piccolo e non è in grado di ospitare qualunque produzione musicale. Nella Sicilia occidentale, ed in particolare a Palermo (il capoluogo!) non ci sono più palazzetti agibili. Gli stadi sono raramente resi disponibili dai Comuni e squadre di calcio. I siciliani che amano la musica (e siamo tanti!) sono quasi sempre costretti ad andare in altre città lontane per poter partecipare ai concerti, spendendo molto più che il solo costo del biglietto dell’evento dovendo aggiungere anche i costi di viaggio (con aerei costosissimi senza alcuna agevolazione per i residenti in Sicilia) e di alloggio, oltre che utilizzando le proprie ferie lavorative e coinvolgendo amici, familiari e collaboratori vari per la gestione domestica dei giorni di assenza necessari. La tipica ed inevitabile depressione post concerto di un fan siciliano non è dovuta solo alla fine di un momento aspettato magari per anni, é una depressione aggravata dal fatto che un fan siciliano sa bene quanti altri sacrifici dovrà fare per potersi permettere di andare ad un altro concerto. NO, non possiamo accettarlo rassegnandoci a prendere per sempre un aereo per andare ad un concerto! La strada è una sola: la realizzazione delle strutture adatte per ospitare i concerti anche in Sicilia! Ovviamente, il primo motivo per cui chiediamo la costruzione di uno o più edifici adatti ad ospitare la musica (palazzetti e arene) è poter finalmente partecipare a quegli eventi musicali che tanto ci piacciono. Ma non è solo questo a spingerci a promuovere questa petizione: sappiamo tutti che gli eventi musicali producono economia! Gli eventi musicali creano, anzitutto, turismo musicale: viaggiare sotto il segno della passione per la musica è un eccellente motivo ispiratore per una vacanza in grado di scardinare le consuete rotte turistiche da catalogo perchè forse non si sarebbe mai andati a visitare il luogo dove si terrà quell’evento che ci spinge a viaggiare. Prestigiosi studi di settore indicano questa nicchia economica come quella dalle maggiori prospettive di crescita negli anni a venire, in grado di incentivare sia il turismo domestico che quello internazionale. Ad esempio, UK Music e VisitBritain, sostengono che tale comparto turistico fattura oltre 2 miliardi di sterline/anno e include almeno 24.000 posti di lavoro (dati 2012) e Unioncamere sostiene che uno dei segmenti con maggiori prospettive di crescita è proprio il turismo musicale (dati 2011). Inoltre, il turismo musicale consente di destagionalizzare le presenze turistiche garantendo un'economia costante al territorio di riferimento lungo tutto il corso dell'anno. A titolo di esempio, va ricordato che solo il doppio concerto di Eddie Vedder del 26 e 27 Giugno a Taormina nel 2017, ha registrato una vendita di oltre 3.000 biglietti fuori dall’Italia dei quali circa 800 solo negli Stati Uniti e altri 2.500 venduti sul territorio nazionale ma non in Sicilia, riempiendo alberghi e ristoranti in giorni non di weekend e in un mese non di alta stagione. Il turismo musicale può, peraltro, anche contribuire a far conoscere la Sicilia non solo per il mare e le spiagge, la cui fama a livello nazionale ed internazionale è ormai consolidata, ma anche per il suo ancora troppo sottovalutato entroterra.Ma un palazzetto/arena ben fatto non vuol dire solo economia legata alla musica! Un edificio multifunzionale può ospitare anche i più grandi eventi sportivi e dello spettacolo indoor, italiani ed internazionali, dai campionati di pattinaggio alle finali di X-Factor Italia, per fare due dei tantissimi esempi di quel che accade al solo Mediolanum Forum di Assago-Milano, per fare un esempio nazionale. Appuntamenti che sono di grande risonanza mediatica e che sono, quindi, in grado di richiamare nella città in cui la struttura si trova migliaia di persone in un’unica serata. La realizzazione di un palazzetto è, inoltre, in grado di diventare il luogo in grado di far crescere le squadre sportive locali ed ospitare regolarmente eventi fieristici, convention aziendali, meeting, congressi, concorsi pubblici, cene di gala, shooting fotografici, registrazioni televisive e persino party privati, anche in contemporanea. Piccoli centri commerciali possono nascere all’interno di queste strutture, come nel caso della O2 Arena di Londra, per fare solo uno dei tanti esempi in europa.Un palazzetto, quindi, non è mai solo un luogo di svago e divertimento ma è anche un'opportunità commerciale, di marketing e pubbliche relazioni per le aziende a cui interessa veicolare il proprio brand collegando ad esso un determinato evento in un contesto dinamico che coinvolge fisicamente ed emotivamente un pubblico ampio e trasversale.E ancora, un palazzetto è un’opportunità di sviluppo sociale e territoriale perché può diventare volano della riqualificazione urbana ed economica di aree abbandonate o svantaggiate dell’entroterra siciliano o rilanciare quelle aree che hanno già grandissime potenzialità ma che ancora stentano a crescere, prima fra tutte la città di Palermo.E, infine, un palazzetto è un’eccellente occasione per creare posti di lavoro, anche qualificato, sia in occasione degli eventi che per la gestione ordinaria della struttura, per tanti dei giovani siciliani che sempre più spesso, ormai, decidono di lasciare la Sicilia cercando migliori occasioni professionali altrove. Dare ai giovani (e meno giovani) siciliani la possibilità di fruire della musica e lavorare grazie alla realizzazione di eventi musicali (e non) significa liberare i giovani e meno giovani siciliani dalla rassegnazione del vivere in un territorio che considerano "senza speranza", rendendoli consapevoli che il cambiamento è possibile e che loro stessi possono esserne artefici, innescando un circuito economico “pulito”, che può contribuire ad affrancare l’economia siciliana da un sistema “malato” da cui sembra ancora difficile “guarire”, creando quel futuro migliore che i siciliani onesti auspicano e che serve all’Italia tutta! La musica produce economia, dunque, ma ci teniamo in conclusione a sottolineare che la musica è anche veicolo di comunicazione sociale e terapia per il corpo e per l’anima, regala non solo potenti emozioni ma stimola il pensiero positivo e la voglia di fare, quindi un concerto non può certo essere considerato soltanto 2/3 ore di show: un concerto è la gioventù dentro di noi, a prescindere dalla nostra età; è tutte le amicizie e tutti gli amori nati durante un live; è l’emozione della canzone che ti ha fatto piangere o che ti ha fatto pogare; è condivisione di ombrelli, creme solari, cibo e acqua tra perfetti estranei; è la voce che finisce e torna dopo 3 giorni; è scoprire di avere lo stesso “disagio” di un sacco di altra gente; è tutti i sorrisi stampati sulla faccia di chi va via a fine concerto. Ma soprattutto, un concerto è poter finalmente stare fisicamente vicino ed ascoltare la viva voce degli artisti che da sempre ci aiutano, ci confortano, ci fanno divertire, ci danno la forza ogni giorno e ogni notte con le loro parole, la loro voce e i loro suoni.Insomma, un concerto è un insieme di emozioni che si susseguono l’una dopo l’altra, sopra e sotto pelle! Con questa petizione vi chiediamo di costruire una solida sinergia tra istituzioni regionali e locali, imprenditori siciliani o nazionali che hanno interesse ad investire in Sicilia e tutti gli attori locali operanti nel settore musicale (e non solo), compresi i fruitori degli eventi, che permetta di realizzare la migliore struttura architettonica e tutti i servizi che servono per la sua migliore gestione nel tempo e la sua sostenibilità ambientale, soprattutto per quanto riguarda la logistica, punto debole del territorio siciliano. La musica ha un grande potenziale sociale ed economico: approfittiamone per fare crescere la Sicilia!

carla colletta
2,328 supporters
Petitioning Giuseppe Conte, Marco Bussetti, Danilo Toninelli, Dario Caputo, Barbara Lezzi, Nello Musomeci, Roberto Lagalla, Marco Falcone, Alberto Di Pisa, Leoluca Orlando, Girolamo Fazio, Francesco Cacciatore...

EMERGENZA VIABILITA' DEL COMPRENSORIO DEI MONTI SICANI. PETIZIONE EX ART. 50 COSTITUZIONE.

Oggetto: Richiesta di interventi urgenti per assicurare il diritto allo studio degli alunni pendolari che frequentano l'IISS "Luigi Pirandello" di Bivona A seguito dei violenti nubifragi che si sono abbattuti sulle province di Palermo e Agrigento, la viabilità delle strade statali, provinciali e intercomunali, che collegano il nostro istituto con i comuni delle province sopracitate, è stata compromessa. Gli alunni e i docenti pendolari provenienti dai comuni di Vicari (PA), Roccapalumba (PA), Lercara Friddi (PA), Prizzi (PA), Palazzo Adriano (PA), Castronovo di Sicilia (PA), Santo Stefano Quisquina (Ag), Alessandria della Rocca (Ag), Cianciana (Ag), San Biagio Platani (Ag), Sant'Angelo Muxaro (Ag), Cammarata (Ag), San Giovanni Gemini (Ag), non possono raggiungere in maniera agevole e sicura il nostro istituto, sito nel comune di Bivona (Ag). In particolare gli alunni e i docenti pendolari, provenienti dai comuni di Lucca Sicula (Ag), Burgio (Ag), Villafranca Sicula(Ag) e Castronovo di Sicilia (Pa) sono completamente impossibilitati a raggiungere la sede scolastica, tanto che la ditta "Lumia" che si occupa del trasporto pubblico degli studenti, ha interrotto il servizio a causa dell'eccessiva pericolosità del percorso. In qualità di Rappresentanti del Consiglio d'Istituto dell'IISS "Luigi Pirandello" richiediamo la risoluzione dei problemi di viabilità, nel più breve tempo possibile, delle seguenti strade: S.S. 118, S.S. 188, S.P. (PA) n. 36, S.P. (AG) n.19, S.P. (AG) n.24 e della strada intercomunale Lucca Sicula-Bivona. Puntualizziamo il fatto che la stragrande maggioranza delle strade sopracitate, già da molto tempo, non consente un agevole transito su di esse, a causa delle numerose buche e dei lunghi tratti caratterizzati dal manto stradale irregolare o dissestato. Il maltempo di questi giorni ha aggravato di molto la situazione comportando una oggettiva difficoltà a svolgere con regolarità le normali attività didattiche. Speriamo vivamente che ascoltiate le nostre richieste nel nome del diritto allo studio e vi porgiamo cordiali saluti. Premesso tutto ciò abbiamo deciso di indire una petizione ai sensi dell'art. 50 della costituzione, affinché il problema sopra esposto venga risolto nel più breve tempo possibile. I rappresentanti del Consiglio d'Istituto.  

RAPPRESANTI PIRANDELLO
2,288 supporters
Closed
Petitioning Sergio Mattarella (Presidente Della Repubblica Italiana), Graziano Delrio, Rosario Crocetta, Paolo Gentiloni, Leoluca Orlando

MESSA IN SICUREZZA E SISTEMAZIONE DELLA STRADA S.P. 9 COLLESANO-CAMPOFELICE DI ROCCELLA

Tale strada, un tempo circuito della mitica “Targa Florio”, rappresenta per la nostra comunità e l'entroterra il collegamento primario con l’autostrada e i principali mezzi di trasporto pubblici, arteria fondamentale per raggiungere il “Parco delle Madonie”, che giornalmente viene percorsa da tutti i pendolari che devono spostarsi per esigenze lavorative nei comuni costieri, da chi si deve recare per visite o esigenze urgenti presso gli Ospedali di Cefalù, Termini Imerese o Palermo, dai mezzi di Soccorso, dai Pullman degli studenti che giornalmente devono raggiungere gli Istituti scolastici di Cefalù e Termini Imerese, senza trascurare le persone e i turisti che devono raggiungere l’Osservatorio Astronomico “Gal Hassin” di Isnello e gli Impianti sciistici di “Piano Battaglia”, e i numerosi giovani che la percorrono in motorino.Gli operatori commerciali e imprenditoriali sono fortemente penalizzati da questa situazione che si protrae ormai da troppo tempo e ha prodotto pesanti ricadute negative sulla già fragile economia della nostra comunità e sulla penalizzata immagine turistica.Tale tragitto per le pessime condizioni del manto stradale, gli avvallamenti, le deviazioni e i restringimenti vari, costringe in diversi punti i mezzi a fermarsi per un transito alternato e ad affrontare un vero e proprio percorso ad ostacoli, con evidenti danni ai mezzi, ma soprattutto di grave pericolo per l'incolumità di chi vi transita. La situazione è ormai grave e insostenibile e necessita urgentemente, almeno di interventi minimi di messa in sicurezza, perchè le cattive condizioni mettono a rischio la vita e l’incolumità chi la percorre giornalmente o anche occasionalmente.Pur essendo a conoscenza di fondi destinati dal Patto per il Sud, di cui non vediamo un immediato utilizzo, nelle more della definizione dell’iter burocratico  CHIEDIAMO un immediato intervento per la messa in sicurezza della S.P.9 Collesano - Campofelice di Roccella, al fine di scongiurare la perdita di vite umane e alleviare i disagi e i danni ai cittadini e alle attività economiche, che da troppo tempo si sentono abbandonati dalle Istituzioni.

Comitato Collesano SP9
1,365 supporters
Petitioning PRESIDENTE REGIONE SICILIA, Presidente Aci Italia, Leoluca Orlando, Presidente Assemblea Regionale Sicilia

Pro Targa Madonie

“Continuate la mia opera perché l'ho creata per sfidare il tempo.”  (Vincenzo Florio) Consapevoli -   di questa incredibile ed importante eredità etica, morale e culturale oltrecchè sportiva che è la Targa Florio; -  che La Storia...il Mito....la Leggenda...vanno oltre il tempo e la “finitezza umana” e vanno tutelati e valorizzati dei cittadini madoniti, semplici appassionati ed amministratori - che non intendono subire passivamente sia le scelte di Aci che l’incuria e la negligenza degli attori istituzionali sovra territoriali – hanno avviato la costituzione del Comitato “Pro Targa Madonie”. Consapevoli che le “problematiche di viabilità” sono solo uno specchietto per le allodole (visto che 1. La data della 102a edizione si conosceva con congruo anticipo; 2.le alternative tecniche a quanto concepito c’erano e ci sono; 3. gli enti locali territoriali non si sarebbero affatto tirati indietro se interpellati da chi di competenza, come prassi vuole) e che le “inefficienze” sono diffuse, il “Comitato” intende - verificare, a tutti i livelli, le responsabilità su quanto è stato comminato per la 102a edizione; - verificare, al di la dei proclami, le reali intenzioni di tutti gli attori, istituzionali e non, a vario titolo coinvolti sul futuro della Targa Florio; -  avviare – a tutti i livelli e le sedi opportune - tutte le azioni a tutela di questo importante Patrimonio nonché della memoria e della dignità della terra madonita perché si escludano  “percorsi e orizzonti futuri” poco chiari e non tutelanti -  agire perché si garantisca il format attuale ed il radicamento territoriale Questa terra, già fortemente penalizzata e umiliata dalla assurde condizioni della viabilità – che non poche difficoltà causano alla quotidianità della gente e delle imprese – non intende assolutamente tacere sia su quanto è già stato perpetrato che sugli scenari che si intravedono.

Pro Targa Madonie
1,329 supporters