Decision Maker

Ignazio Marino

  • Candidato Sindaco di Roma

Ignazio Marino è un chirurgo e politico italiano, sindaco di Roma dal 12 giugno 2013 al 31 ottobre 2015. Corre per una lista civica.


Does Ignazio Marino have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Victory
Petitioning Ignazio MARINO

Ignazio #Marino, Sindaco di Roma e dei Romani, ritiri le sue dimissioni per favore! #iostoconmarino

Egregio Sindaco Ignazio Marino, ritiri le sue dimissioni per favore.   Nel 2015 "Ignazio Marino è stato allontanato dal partito perchè SFIORATO da un'inchiesta" (la Procura sta indagando, ma ciò che da subito è trapelato è ben sintetizzato al seguente link e questo è quanto emerso dal primo incontro con la Procura link) E allora dovremmo chiederci: "Quando la magistratura, domani (mi auguro) o tra un anno, smentirà ufficialmente quei sospetti? Quale sarà allora la scusa che useranno per giustificare quest'azione che va contro il voto già espresso da 665000 elettori, solo 27 mesi fa?Il voto dei cittadini può essere sovvertito così, senza neanche una motivazione scritta nera su bianco che rimanga agli atti?" Questo è il primo motivo della petizione su change.org/marino TUTTI, al di là delle proprie personali opinioni politiche, dovrebbero finalmente chiedersi:"perchè non vogliono che Marino resti in carica come Sindaco a Roma?" Dovrebbe essere chiaro a tutti che c'è qualcosa che non va. SE è vero che tutti i suoi "colleghi" politici hanno deciso di toglierle il sostegno, si lasci sfiduciare in consiglio comunale dal suo stesso partito, con una mozione scritta nero su bianco, in modo che noi romani potremo leggere le reali motivazioni per cui all'improvviso MEDIA e PARTITI la ritengono inadeguato a governare la nostra città e d'ora in avanti decideremo con cognizione di causa chi seguire e SE votare in futuro. Le sue “dimissioni” sono diventate una questione di portata simbolica nazionale, e dovrebbero far riflettere tutti, anche chi non fa parte del suo partito o chi non la trova particolarmente simpatico, per quanto è riuscito a far emergere negli ultimi due anni, aprendo il vaso di Pandora che tutti ad oggi avevano paura di aprire. La mia umilissima opinione è che a questo punto non si tratta di appoggiare un partito o un politico. È evidente che si sia fatto tanti nemici. Qualsiasi siano le nostre convinzioni politiche, è necessario che sia fatta luce sul perchè e percome lo si vuole abbattere. I media invece di dare spazio alle discussioni su eventuali prossime candidature e liste civiche dovrebbero analizzare perchè è stato messo alla gogna lei, che come Sindaco si è dimostrato perfettamente all'altezza di tener testa ai compiti sovrumani che si è assunto, iniziando un processo di risanamento dell'amministrazione pubblica romana e toccando dei problemi e delle tematiche su cui sembrerebbe che prima molti temevano di prendere posizione. Le pressioni politiche e il terrorismo mediatico che sta subendo negli ultimi mesi sono evidenti a tutti, anche a chi le rema contro, e soprattutto a tutta la cittadinanza, ma ciò non significa che dobbiamo accettare senza domande le sue dimissioni. Non può smettere proprio ora che ha iniziato a rivoluzionare Roma. Il vaso di Pandora si è aperto. Ora rovesciamolo! Lo faccia per tutti i romani che più che della politica nazionale si interessano dell'amministrazione locale e hanno capito il valore di tutto quello che è riuscito a fare in 27 mesi in cui è stato al governo di Roma. Raccogliamo quante più firme possibile per far capire al Sindaco Ignazio Marino che i romani sono con lui contro tutti gli attacchi mediatici che lo hanno portato a prendere la REVOCABILE decisione di dimettersi dalla carica di Sindaco della Città di Roma! Diffondete la petizione, mandatela via email a tutti i vostri contatti, condividetela sui social, tempestate radio e tv nazionali in ogni modo affinchè se ne parli obiettivamente e non con la rassegnazione di chi pensa sia tutto finito. Non possiamo arrenderci proprio ora. Marino è il Sindaco di Roma, delle romane e dei romani! Fino a prova contraria, scritta nero su bianco. Che la responsabilità della sua (deprecabile) caduta se la prendano i partiti, i politici o eventualmente la Procura. Da parte nostra non possiamo tradire chi, fino ad oggi, ci ha difeso a spada tratta. La situazione non è (ancora) irrecuperabile. E se sarà necessario Domenica 25 Ottobre scenderemo tutti in piazza! Alle 12 al Campidoglio.” Nonostante gli evidenti "errori di comunicazione" suoi e del suo staff, nessuno finora è riuscito a spiegare come sia possibile tutto questo accanimento da parte dei giornalisti nei suoi confronti, e sì, i suoi collaboratori avrebbero potuto fare MOLTO di più per sostenerlo. È vero, ha "tante pecche", ma sarebbe bene ricordare anche i suoi pregi, ma soprattutto alcuni dei risultati raggiunti in due anni che è al governo della città. Leggete l'elenco "le HA di Marino" scritto da Marco Donati con il supporto di Jacopo Spaziani che sta girando in rete da qualche giorno per ricordare che Ignazio Marino... 1) ha chiamato la Guardia di Finanza il primo giorno che si è insediato [leggi qui];2) ha risparmiato 120 milioni ogni anno solamente confrontando le spese allegre del comune con i prezzi di mercato come, per esempio, pagare 4800€ ogni pc ai soliti noti [leggi qui];3) ha portato e continua a portare al Procuratore Pignatone tutta la documentazione in possesso dell’Amministrazione comunale consentendo così di dare una svolta importante alle indagini di Mafia Capitale;4) ha chiuso Malagrotta dopo 30 anni evitando così pesantissime sanzioni dall'Europa e tornando ad accedere nuovamente ai fondi europei [leggi qui];5) Ha indetto un bando internazionale per la raccolta rifiuti portando ad oggi la differenziata al 43% (prima sulla carta era la metà, ma di fatto non esisteva dato a Malagrotta si inceneriva tutto) [leggi qui];6) ha riaperto i cantieri della metro C. Nel 2013 la talpa era ferma, in 2 anni ha 21 fermate in più [leggi qui];7) ha identificato un nuovo centro per i rifiuti. A settembre apre Rocca Cencia per la trasformazione dell'umido a impatto zero e senza odori [leggi qui];8) ha messo a capo dei vigli un poliziotto facendo infuriare quella lobby potentissima dei vigili, ha tolto loro i privilegi, li ha denunciati il 31/12 e ha messo la turnazione dei dirigenti comunali [leggi qui];9) ha cacciato l'AD di AMA poi arrestato con Mafia Capitale [leggi qui];10) ha cacciato in ATAC (quasi) tutti gli assunti da Alemanno imbucati in ufficio e li ha mandati a fare i controllori [leggi qui];11) Ha allungato i turni dei dipendenti ATAC e obbligato tutti loro (come già funziona ovunque nel mondo) a timbrare il cartellino a inizio e fine turno [leggi qui];12) ha messo un magistrato alla trasparenza [leggi qui];13) ha mandato le ruspe a Ostia liberando gli accessi al mare dove da anni TUTTI facevano finta di non sapere che comandava la mafia degli Spada e dei Fasciani [leggi qui];14) ha, in soli 6 mesi portato al 90% il raddoppio della Prenestina (in 6 anni avevano realizzato solo il 40%) [leggi qui];15) ha pedonalizzato i fori e il tridente. (a chi avrebbe creato disagio questo? Io vedo solo un fiume di pedoni che si godono il centro storico);16) ha eliminato i camion bar dal centro storico restituendo Roma al suo fascino naturale. (facendo un torto alla famiglia Tredicine, mentre tutti quelli saliti prima al Campidoglio hanno sempre temuto sfidare) [leggi qui];17) ha valorizzato i fori con le luci del premio Oscar Vincenzo Storaro e gli spettacoli multimediali di Piero Angela e Paco Lanciano in attivo già dal primo anno [leggi qui];18) ha riportato in attivo il teatro dell'opera [leggi qui];19) ha portato ingenti investimenti nella cultura anche da parte dei privati [leggi qui];20) ha fatto rimuovere migliaia di cartelloni abusivi e ha vietato le pubblicità a sfondo sessista [leggi qui];21) Sta pagando circa un miliardo di debiti che si è ritrovato appena insediato [leggi qui];22) ha fatto il bilancio di previsione a inizio anno e non alla fine o addirittura l'anno successivo come avveniva in precedenza [leggi qui];23) ha stabilito nuove regole più stringenti per il bando degli appalti e l'affidamento di lavori pubblici [leggi qui];24) ha portato alla riduzione del tempo di apertura degli sportelli della metro, riducendo così il numero di ingressi senza biglietto [leggi qui];25) ha sperimentato (sulla linea B1) la timbratura del biglietto in uscita dalla metro come ulteriore incentivo a timbrarlo [leggi qui];26) ha comprato nuovi cassonetti della spazzatura, che quelli che abbiamo ora sono in leasing a un prezzo astronomico [leggi qui];27) ha iniziato a sostituire l'illuminazione della città con le lampadine al LED [leggi qui];28) da questa estate sono partiti i lavori per il rifacimento delle principali arterie stradali in previsione del Giubileo [i cantieri stradali sono ovunque, basta farsi un giro nel traffico];29) ha finanziato il progetto per la realizzazione del GRAB (poi bloccato dall'ultimo assessore Esposito) [leggi qui];30) ha fatto ristrutturare tutta una serie di monumenti (Colosseo, Fontana di Trevi, Barcaccia, Piazza 4 Fontane, ecc.) [avete fatto una passeggiata in centro negli ultimi 2 anni no?];31) ha varato un nuovo piano per i ripetitori con lo scopo di ridurre l'inquinamento da elettrosmog [leggi qui];32) creato per la prima volta il registro unioni civili, trascrizione matrimoni tra persone omosessuali contratti all'estero, progetti contro il bullismo omofobico (d'accordo, facendo infuriare il Vaticano) [leggi qui];33) ha finalmente varato un nuovo PGTU [leggi qui];34) ha messo 300 spazzini in più nelle strade [leggi qui];35) ha messo il gps alle spazzatrici (prima non avevano nemmeno un percorso stabilito da percorrere) [leggi qui];36) ha indetto una gara europea trasparente mettendo 1000 nuovi appartamenti a disposizione dell'assistenza alloggiativa temporanea [leggi qui];37) ha cancellato 20 milioni di potenziali metri cubi di cemento per 160 proposte di nuove urbanizzazioni che si sarebbero riversati su 2300 ettari di Agro romano [leggi qui]; 38) ha cancellato altri 5 milioni di metri cubi di cemento, all’Ex Snia, al Casilino [leggi qui];39) ha revocato la delibera sulla valorizzazione delle caserme e ridotto i volumi in altre delibere come quella della ex fiera, da 93 mila mq a 67.500 mq [leggi qui];40) ha individuato 743 occupanti di case pubbliche sprovvisti dei titoli per abitarle perché occupanti abusivi, oppure proprietari di immobili o con redditi superiori ai limiti [leggi qui]  ...... ...... ...... ...... In ultimo, ma tra i più importanti: http://www.ignaziomarino.it/valutazione-fitch/ - l’Agenzia di rating Internazionale che alza il “punteggio” di Roma da negativo a stabile. In soli due anni.E si potrebbe andare ancora avanti...se solo riuscissimo a convincerlo di restare a governare la nostra città!Firmate questa petizione e fatela girare il più possibile, abbiamo tempo fino al 1 Novembre per convincerlo a cambiare idea dimostrandogli che siamo in tanti dalla sua parte.

Daniele Dezi
53,316 supporters
Victory
Petitioning Ignazio Marino

Artisti e operatori culturali chiedono un assessore alla Cultura per il Comune di Roma

Sindaco, Le chiediamo di prendere atto della grave urgenza in cui versa il sistema culturale della città. Riteniamo che sia inconcepibile che Roma Capitale non abbia un Assessore alla Cultura. La vita culturale Romana sta collassando per paralisi istituzionale, non certo creativa. Riteniamo fondamentale che avendo voluto Lei assumere-ad interim-la carica di Assessore alla cultura, debba provvedere quanto prima a comunicarci il Suo progetto per la città. Musei, Biblioteche, Teatri, Istituzioni culturali aspettano in un clima preagonico da troppo tempo le sue indicazioni. Il 14 Luglio è una data simbolica nella storia europea, confidiamo possa essere altrettanto simbolica per Lei per nominare un Assessore alla Cultura facente funzione e comunicarci qualche linea strategica. In assenza di un Suo riscontro nel concreto ci impegniamo ad adottare qualsiasi forma di protesta dandone ampia comunicazione. Buon lavoro Alvia Reale,Piero Maccarinelli,Francesco Biscione,Gabriele Lavia,Federica De Martino,Michele Placido,Federica Vincenti,Umberto Orsini,Giorgio Lupano,Andrea Gromiero,Giuseppe Manfridi,Raffaella Azim,Erica Basso,Giovanni Costantino,Cristian Giammarini,Elisabetta Rasy,Andrea Bonella,Matteo Micheli,Edoardo Sala,Sergio Rubini,Natalia Di Jorio,Sara Greco Valerio,Manuela Mandracchia,Annamaria Guarnieri,Luciano Virgilio,Sandra Toffolatti,Michele Gentile,Teatro Ambra Jovinelli,Fabrizia Pompilio, Marco Balsamo,Francesca Comencini,Moira Mazzantini,Silvana Mazzocchi,Carmen Pignataro,Umberto Orsini,Anna Antonelli,Anna Ferzetti,Giulia Weber,Andreas Neumann,Anita Bartolucci,Laura Marinoni,Fabrizia Sacchi,Pierfrancesco Favino,Cristina Spina,Hubert Westkamper,Andree Ruth Shammah,Luciano Scarpa,Luca De Bei,Edoardo Erba,Haydee Borrelli,Chiara Tomarelli,Giulia Weber,Massimo Vulcano,Fausto Sciarappa,Stefano Pesce,Carmen Giardina,Agnese Nano,UgoDighero,Barbara Mautino,Eleonora Comencini,Anna Antonelli,Eleonora Bossi,Riccardo Peroni,Alberto Onofrietti,Sveva Tedeschi,Luca Lazzareschi,Robert Schiavoni,Nuovo Teatro,Gianni Guardigli,Franco Ricordi,Donatella Barbagallo,Emile Brouchon,Sebastiano Filocamo,Nello Mascia,Anna Procaccini,Marit Nissen,Antonia Brancati,Elena Bonelli,Ottavio Zanetti,Sebastiano Brusco,Paolo Rizzotti,Rosa Menduni,Roberto De Giorgi,Sergio Martin,Cristine Aubry,Barbara Scoppa,Daniela Bendoni,Roberto Andò,Sergio Catellitto,Elisabetta Pozzi,Monica Maimone,Stefano Santospago,Maximilian Nisi,Paola Comencini,Marcello Foti,Federica Fracassi,Francesco Thor Ricci,Aisha Cerami,Gioia Costa,Alida Cappellini,Giovanni Licheri,Francesco Manetti,Tommaso Cardarelli,Gianluca Guidi,Roberto Campagnano,Gioia Costa,Maurizio Sciarra,Gianfranco Pannone,Viola Graziosi,Lorenzo Amato,Emanuele Salce,Alex Cendron,Maya Amenduni,Antonia Postorivo,Andrea Porcheddu,Alberto Oliva,Anna Malvica,Rocco Mortelliti,Alessandra Mortelliti,Francesco Bonomo,Federico Pacifici,Domiziana Giordano,Emanuela Ponzano,Emanuela Scipione,Valeria Viganò,Lisa Angelillo,Daniela Marina Covi,Anna Maria Granatello Stanga,Valentina Gristina,Massimo Monaci,Melania Giglio,Daniele Salvo,Nicoletta Stazzeri,Donatella Finocchiaro,Laura Mazzi,Fabiana Manuelli,Evelina Meghnagi,Stefano Saletti,Tiziana Tosca Donati,Gaia Lepori,Marcella Favilla,Laua Nardi,Francesco Feniello,Andrea Germani,Cinzia Storari,Martino Duane,Vanna Paoli,Pino Le Pera,Andrea Cova,Valentina Scocca,Marina Covi,Roland Sejko,Federica Quaglieri,Enrico Papa,Michele Maccagno,Viviana Lombardi,Tommaso Le Pera, Pietro Pesce, Veronica Cruciani, Paolo Bessegatto, Tony Palazzo, Mauro Marino, Alesandro Chiti, Carla Ferraro, Simona Patitucci, Maria Luisa Santella, Laura Lattuada, Enzo Curcurù ... e altre 1024 firme su Facebook

Francesco Biscione
1,053 supporters
Victory
Petitioning IGNAZIO MARINO

SALVIAMO IL CENTRO SPORTIVO MAXIMO GREEN DI ROMA E I SUOI LAVORATORI

Sono una delle centinaia di iscritti al Centro Sportivo MAXIMO Green, Punto Verde Qualità del Comune di Roma, sito in via di Casal Boccone e, come gli altri utenti, negli ultimi mesi, soffro della mala gestione della struttura, che si riverbera sulla offerta di servizi e sulla scarsa manutenzione degli impianti e della struttura in toto. Fino ad ora il Centro è stato portato avanti con impegno dal gruppo di persone (circa 50 tra istruttori, segretari e addetti vari) che operativamente ne hanno assicurato il funzionamento con professionalità, competenza e cordialità e che il 31 marzo hanno visto scadere i loro contratti. Di questi circa la metà sono stati riconfermati per un solo mese mentre gli altri sono rimasti senza lavoro.   Le segnalo che il Centro si è sempre distinto nella zona per i molti servizi esclusivi che offre e che in zona nessun'altra palestra propone (lezioni particolari e di alto livello anche sanitario, terme, campo di beach volley coperto, ampio parco, ludoteca, staff disponibile e estremamente competente). Infatti il Centro si presenta come un’importante occasione di integrazione sociale per bambini, giovani, adulti e anziani che, se perduta, porterebbe molti danni alla vita della zona e all’equilibrio psicofisico dei suoi abitanti (con conseguenze economicamente significative per l’amministrazione pubblica). Il Centro si è sempre distinto anche per l’organizzazione di giornate, con attività speciali ed eventi, in cui questo ruolo sociale si esplicava anche al di là delle normali attività; giornate sempre organizzate e gestite efficientemente e piacevolmente dalle persone dello staff (quelle stesse persone che non sono state riconfermate nei loro ruoli!).     Chiedo, pertanto, a Lei, che ha tra i suoi compiti istituzionali l’abbattimento del disagio e della dispersione giovanile, e il contrasto all’isolamento ed alla depressione degli anziani (entrambi problemi sociali che comportano costi e sofferenze enormemente elevati per la società), di non permettere che un Centro sportivo e sociale di tale livello e importanza venga dismesso e di reintegrare le persone che, con tanta dedizione e competenza, hanno per molti anni lavorato incessantemente affinché il Centro raggiungesse un tale ruolo di eccellenza.    Auspicando una veloce, seria e onesta soluzione del problema,   Le porgo i miei saluti       Dott. Maira D'Alessandro

maira d'alessandro
783 supporters
Victory
Petitioning Giuseppe Pecoraro

Diciamo No alla apertura di una Casa accoglienza per 250 Rifugiati a Settecamini. Vogliamo la REVOCA DEFINITIVA del provvedimento

Diciamo No alla apertura di una Casa accoglienza per RIFUGIATI a Settecamini , istituita dal PREFETTO di Roma in barba alle istituzioni locali che dichiarano di non essere state mai interrogate in merito a tale soluzione.                                      Chiediamo la REVOCA  immediata del provvedimento  250  RIFUGITI dovrebbero essere trasferiti a Settecamini di Roma, in un edificio adiacente il supermercato DICO, in una zona abitata da migliaia di persone, che con sacrificio pagano il mutuo l’affitto vivendo i quotidiani disagi della  periferia della Tiburtina che da decenni è afflitta da problemi Urbanistici, Inquinamento industriale, presenza sempre più massiva di extracomunitari che occupano stabili industriali e non sfitti lungo la Tiburtina, campi ROM come quello di Via di Salone dopo lo scampato pericolo di trasferire a Via Forno Casale anche quello del Casilino, la discarica di Guidonia, l'inquinamento atmosferico della BASF,per non parlare delle politiche abitative, di mobilità, di gestione del patrimonio e delle aree pubbliche, della qualità dei servizi alla persona, della gestione dei rifiuti e dell’ambiente, e perché no , delle scuole. Non ultima  la chiusura della Scuola Elementare NUZZO per inadeguatezza alle Norme di Sicurezza,  con centinaia di bambini ai quali sarà momentaneamente sottratto il diritto di andare a scuola con conseguenti problemi anche a livelo di gestione familiare. La precarietà aumenta, l’insicurezza governa, il malcontento è sempre più diffuso, i cittadini non sanno come arrivare alla fine del mese per le tassazioni a cui sono soggetti ed il caro vita, a parte la disoccupazione e qualcuno cosa decide in barba a tutto questo ?                        APRIRE UNA CASA ACCOGLIENZA PER 250 RIFUGIATI (SPRAR)  Siamo al paradosso politico-istituzionali. Dei profughi che lasciano il loro Paese d'origine per scampare agli orrori che li affliggono, e l’alternativa che gli offriamo è un quartiere che versa in condizioni a dir poco più disastrose ma sicuramente in condizioni di abbandono dove la parola d’ordine è SOPRAVVIVENZA e non DIRITTO ALLA VITA.                        Non ci basta la SOSPENSIONE , vogliamo la REVOCA IMMEDIATA

Gaetano Cacciottoli
380 supporters
Victory
Petitioning IGNAZIO MARINO

Intitolare una importante via o piazza di Roma a Enrico Berlinguer

APPELLO AL SINDACO DI ROMA E ALLA ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che: <!--[if !supportLists]-->-         <!--[endif]-->L’ 11 giugno 2014 si celebra il Trentesimo Anniversario dalla scomparsa di Enrico Berlinguer. Personalità di grande prestigio che è stato e rimane un  simbolo dell’Italia migliore. Di quell’ Italia pulita, onesta, lavoratrice, democratica, progressista, perbene, che si è opposta e ancora contrasta quell’Italia dell’arroganza, della corruzione, della prepotenza, della criminalità, della cortigianeria. E’ stato e rimane un simbolo del dialogo e del buon governo. Della capacità di offrire un futuro di positiva speranza alle nuove generazioni.   <!--[if !supportLists]-->-         <!--[endif]--> La città di Roma non può dimenticare che si deve a Enrico Berlinguer, nel 1980, la prima proposta di legge di Roma Capitale di cui fu il primo firmatario.    I sottoscritti cittadini fanno richiesta al Sindaco e alla Assemblea Capitolina, affinchè, nella occasione del trentennale venga dedicata una  importante piazza o via  della nostra città ad Enrico Berlinguer.   Firmatari Bruno Ceccarelli, Marcello Paolozza, Antonio Castronovi, Vezio De Lucia, don Roberto Sardelli, Enzo Scandurra, Piero Di Siena, Sandro Valentini, Corrado Morgia, Pierluigi Sorti, Angelo Zola, Anna Maria Costanzo, Franco Pallone,Franco Ottaviano, Laura Ceccarelli, Paolo Ciofi,Vittorio Sartogo,Cristiana Mancinelli Scotti,Piero Bevilacqua,Mirella Belvisi,Anna Maria Bianchi,Paolo Berdini, Bernardo Rossi Doria,….      

bruno ceccarelli
89 supporters