Decision Maker

Donato Toma

  • Presidente Regione Molise

Does Donato Toma have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Petitioning Sergio Mattarella

Scongiurare che i lavori del gasdotto Larino-Chieti devastino il Bosco "Corundoli"

Il gasdotto Larino - Chieti attraverserà il bosco di Monteci­lfone, in Molise.Il Consiglio Comunale del centro basso molisano con delibera n. 23 del 01/12/2018 ha autorizzato lo scempio che nei pros­simi mesi si consume­rà nel bosco “Corund­oli” tra i siti natu­rali più importanti del Molise, classifi­cato come IBA (Impor­tant Bird Areas).L’opera in questione è stata autorizzata nonostante il relat­ivo progetto non sia stato sottoposto a VINCA (Valutazione di Incidenza Ambientale), obbligatoria ai sensi della Dire­ttiva 43/1992 CE “Ha­bitat” che ha lo sco­po di salvaguardare la biodiversità medi­ante la conservazione degli habitat natu­rali, nonché della flora e della fauna.È uno dei motivi che ha spinto diversi Associazioni e Comita­ti di Abruzzo e Moli­se a proporre ricorso straordinario al Presidente della Repu­bblica per ottenere l’annullamento del decreto con il quale il Ministero dello Sviluppo Economico, lo scorso 25 giugno, ha autorizzato la re­alizzazione del gasd­otto.La decisione assunta dall’Assemblea cons­iliare viola le disp­osizioni in materia ambientale per la tu­tela delle IBA.Il bosco “Corundoli” verrà devastato da un’opera inutile e dannosa per l’ambiente. I lavori, particolar­mente invasivi, comp­orteranno l’espianto di un numero consis­tente di alberi e pi­ante di particolare pregio.Il Comitato “I Disco­li del Sinarca” ha provveduto ad inoltra­re al Sindaco di Mon­tecilfone (Franco Pallotta) la richies­ta di revoca in auto­tutela della delibera sopracitata.

Eliano De Luca
1,191 supporters
Petitioning Sergio Mattarella, Giuseppe Conte, Matteo Salvini, Luigi Di Maio, Roberto Fico, Maria Elisabetta Alberti Casellati, Attilio Fontana, Luca Zaia, Massimiliano Fedriga, Stefano Bonaccini, Enrico Rossi...

Appello ai vertici dello stato per il rispetto del trattato di non proliferazione nucleare

Lettera aperta al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ai vice Premier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, al ministro della Difesa Elisabetta Trenta e ai presidenti delle regioni. Una ricerca della Fas (Federation of American Scientists), documenta un fatto particolarmente grave. L' Italia custodisce il numero più alto di armi nucleari statunitensi schierate in Europa: almeno 70 ordigni su un totale di 180. Siamo l’unico paese con due basi atomiche: quella dell'Aeronautica militare di Ghedi e quella statunitense di Aviano (Pordenone). L'Italia viola in tal modo il trattato di non proliferazione nucleare firmato nel 1968 e ratificato nel 1975, che all'articolo 2 recita quanto segue: "Ciascuno degli stati militarmente non nucleari, che sia Parte del Trattato, si impegnaa non ricevere da chicchessia armi nucleari o altri congegni nucleari esplosivi, né il controllo su tali armi e congegni esplosivi, direttamente o indirettamente; si impegnainoltre a non produrre né altrimenti procurarsi armi nucleari o altri congegni nucleari esplosivi, e a non chiedere né ricevere aiuto per la fabbricazione di armi nucleari o di altri congegni nucleari esplosivi”.Il 7 novembre del 1991, il Consiglio Atlantico approvò il Nuovo Concetto Strategico, ribadito ed ufficializzato nel vertice dell’aprile 1999 a Washington, che impegna i paesi membri a condurre operazioni militari in “risposta alle crisi non previste dall’articolo 5, al di fuori del territorio dell’Alleanza”, per ragioni di sicurezza globale, economica, energetica, e migratoria. Da alleanza che impegna i paesi membri ad assistere anche con la forza armata il paese membro che sia attaccato nell’area nord-atlantica, la Nato viene trasformata in alleanza che prevede l’aggressione militare.La nuova strategia è stata messa in atto con le guerre in Jugoslavia (1994-1995 e 1999), in Afghanistan (2001-2015), in Libia (2011) e con le azioni di destabilizzazione in Ucraina, in alleanza con forze fasciste locali, ed in Siria.l'Italia viola così anche l'articolo 11 della nostra Costituzione, cedendo praticamente la propria sovranità ad una organizzazione che non assicura né la pace e men che meno la giustizia fra le nazioni.L’Italia, facendo parte della Nato, deve destinare alla spesa militare in media 52 milioni di euro al giorno secondo i dati ufficiali della stessa Nato, cifra in realtà superiore che l’Istituto Internazionale di Stoccolma per la Ricerca sulla Pace quantifica in 72 milioni di euro al giorno. Un esborso di denaro pubblico notevole che potrebbe essere utilizzato per lo stato sociale e per migliorare le condizioni della nostra Repubblica.Nel nostro paese non solo sono presenti almeno 70 bombe nucleari, ma anche installazioni militari Usa e NATO strategicamente molto importanti. Queste strutture e installazioni rendono l'Italia parte integrante del sistema da combattimento Usa/NATO. Ad esempio Camp Darby, base militare situata tra Pisa e Livorno che ha fornito la maggior parte delle armi (mezzi corazzati, proiettili d’artiglieria, bombe e missili per aerei) usate nelle due guerre guidate dagli Usa contro l’Iraq, nel 1991 e 2003; ha fornito gran parte delle bombe e missili per aerei usati nella guerra Usa/Nato contro la Jugoslavia nel 1999 e in quella contro la Libia nel 2011.La base di Sigonella è utilizzata anche per operazioni della NATO, si tratta del secondo aeroporto militare più trafficato d'Europa. Dal 2008, l’US Air Force schiera a Sigonella anche alcni aerei senza pilota Global Hawk, utilizzati per le operazioni d’intelligence in Africa e Medio Oriente, nei Balcani e più recentemente anche in Crimea e Ucraina.La stazione Muos di Niscemi (Mobile User Objective System) è un nuovo sistema di comunicazioni satellitari che potenzia la capacità offensiva statunitense su scala planetaria. Il sistema, sviluppato dalla Lockheed Martin per la U.S. Navy, è costituito da una configurazione iniziale di quattro satelliti (più uno di riserva) in orbita geostazionaria, collegati a quattro stazioni terrestri: due negli Stati uniti (nelle Hawaii e in Virginia), una in Sicilia e una in Australia.La stazione non è quindi un «maxi radar siciliano» a guardia dell’isola ma un ingranaggio essenziale della macchina bellica planetaria degli Stati uniti.L’appartenenza alla Nato priva la Repubblica italiana della capacità di effettuare scelte autonome di politica estera e militare, decise democraticamente dal Parlamento sulla base dei principi costituzionali. Nell’aprile 2013 il Pentagono stanziò 11 miliardi di dollari per lo sviluppo di un “programma di estensione della vita utile” (termine che indica un programma per il rinnovo e/o la sostituzione di componenti di armi nucleari) delle B61, spendendo la somma più alta della storia per l’aggiornamento di testate nucleari.Con il programma di estensione della vita utile, il Dipartimento della Difesa USA intendeva sostituire le bombe ormai datate sviluppando un nuovo modello della B61, il numero 12, chiamato quindi B61-12.La B61-12 non è una semplice versione ammodernata della precedente, ma una nuova arma: ha una testata nucleare a quattro opzioni di potenza selezionabili a seconda dell’obiettivo da colpire; un sistema di guida che permette di sganciarla non in verticale, ma a distanza dall’obiettivo; la capacità di penetrare nel terreno per distruggere i bunker dei centri di comando in un first strike nucleare.Stanno per arrivare in Italia le nuove bombe nucleari statunitensi B61-12, che sostituituiranno le precedenti B61. Lo conferma autorevolmente da Washington, con prove documentate, la Federazione degli scienziati americani (Fas). Lo scienziato nucleare Hans Kristensen, direttore del Nuclear Information Project alla Fas, scrive che è in corso a tale scopo l’upgrade della base della U.S. Air Force ad Aviano (Pordenone) e di quella di Ghedi Torre (Brescia) confermato da foto satellitari in un report esclusivo che in Italia pubblicò l'Espresso l'11 settembre del 2015.Il trattato anti missili balistici - conosciuto anche come trattato ABM (in inglese ABM Treaty) venne firmato da USA ed URSS il 26 maggio 1972. Il suo scopo era limitare le possibilità di difesa antimissile delle due parti, in modo da frenare la proliferazione delle armi nucleari offensive. Trattato dai cui gli Usa uscirono unilatermalmente durante l’amministrazione Bush nel 2002.Il risultato di questa uscita è che la Nato (a guida Usa) sta ultimando in questi anni la realizzazione di uno scudo antimissile in europa che va dal baltico fino alla Polonia e l’Ucraina.Il 29 Marzo 2017 è arrivata alla base di Tapa, in Estonia, una brigata corazzata ed una meccanizzata francese che faceva parte della missione NATO, cosa che è stata considerata come il maggiore spiegamento di forze nell’Europa dell’Est dai tempo della Guerra Fredda. Nell’operazione della NATO è compresa anche la presenza di un contingente di truppe italiane dislocate in Lettonia, questa volta sotto comando canadese. L’invio di questo contingente era stato approvato dal governo Renzi.Putin, in un discorso alla nazione nel 2018, mostra su due grandi schermi i nuovi tipi di armi strategiche sviluppati dalla Russia: 1) un missile da crociera lanciato dall’aria armato di testata nucleare, con raggio d’azione praticamente illimitato essendo alimentato a energia nucleare, una rotta imprevedibile e la capacità di penetrare attraverso qualsiasi difesa anti-missile;2. un drone sottomarino più veloce di un siluro che, alimentato a energia nucleare, percorre distanze intercontinentali a grande profondità colpendo porti e fortificazioni costiere con una testata nucleare di grande potenza.3. missile balistico intercontinentale Sarmat da 200 tonnellate su piattaforma mobile, con raggio di 18000 km, armato di oltre 10 testate nucleari che manovrano a velocità ipersonica per sfuggire ai missili intercettori. Uno solo di questi missili ha la capacità di distruggere un territorio grande come la Francia o il Texas. Il trattato INF (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty) venne siglato a Washington l'8 dicembre 1987 da Ronald Reagan e Michail Gorbačëv, esso pose fine alla vicenda degli euromissili, ovvero dei missili nucleari a raggio intermedio( tra i 500 e i 5500 km) installati da USA e URSS sul territorio europeo.Il 1 Febbraio 2019 gli Stati Uniti si ritirano dallo storico trattato Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty. L’ufficializzazione, preceduta nelle scorse settimane dagli annunci di Donald Trump, è arrivata dal segretario di stato americano Mike Pompeo.Trattato dal quale anche la Russia si è ritirata a seguito del ritiro statunitense.Considerando il continuo aggravarsi delle tensioni internazionali, ed essendo il rischio di un nuovo conflitto armato tra nazioni sempre più probabile, è di vitale importanza per l'Italia uscire al più presto dalla NATO. Soprattutto considerando il fatto che alcune delle installazioni precedentemente citate ci rendono un bersaglio primario in caso di conflitto. È inoltre necessario liberarsi immediatamente di tutti gli ordigni nucleari statunitensi presenti sul nostro territorio. Le bombe atomiche non sono sinonimo di sicurezza, bensì di stupidità. Vivere quotidianamente sapendo di stare sopra ad arsenali atomici che possono distruggere diverse volte il pianeta Terra è una follia. È ora di dire basta all'utilizzo dell'energia nucleare, sia civile che militare. Un energia, che così com è utilizzata dall'uomo è praticamente incompatibile con la vita.

VivereInformati
189 supporters
Petitioning Prefettura di Campobasso, Giancarlo Maria Bregantini, Ministro Lorenzo Fontana, Ministro Matteo Salvini, Antonio Battista, Donato Toma

NO gay pride di Campobasso in Molise!

Salve siamo un gruppo di cittadini che non ha nulla contro l’omosessualità ma che teme che la manifestazione si trasformi in una specie di carnevale di dubbio gusto. Il 28 di luglio, sarà pur sempre un sabato pomeriggio e quello che ci disturba è lo spettacolo che potrebbero trovarsi di fronte i bambini: come si fa a spiegargli il perché della manifestazione e perché degli adulti si comportano così?".  Oltre che pensare alle varie ricerche anche scientifiche che sono state fatte , noi ci appelliamo al senso identitario, alla comune morale cristiana, alla tradizione che ci ha da sempre distinto da altri paesi, e al senso di FAMIGLIA l'unica e vera, quello tra uomo e donna, l'unica ordinata (in quanto si cerca l opposto ciò che è naturale allo sviluppo psico fisico). Siamo pur sempre convinti che le persone LGBT abbiano pur sempre dei diritti ma noi rigettiamo il diritto loro a infastidirci con la loro visione delle cose e a danneggiare la mentalità infantile che si va costruendo su valide e da sempre eterne regole sociali. Per questo chiediamo ai suddetti soggetti da me appellati di o: 1)ANNULLARE LA MANIFESTAZIONE e non farla indire più; 2)o di spostarla lontano dal centro abitato dove i comuni cittadini se vorranno parteciparvi dovranno recarvisi a posta senza rischiare di essere molestati da tali visioni. Grazie

Frank Trinity
104 supporters