PETIZIONE CHIUSA
Diretta a Yves Rocher France

Non esportate in Cina, dove la vivisezione è la norma

Un'azienda così seria ed eticamente corretta quale Yves Rocher, da sempre paladina dei diritti umani e dell'antivivisezionismo, NON PUO' svendersi esportando in Cina. Questo significherebbe venir meno al tacito accordo con le consumatrici che acquistano il prodotto ANCHE perché non testato su animali. Importando in un paese che esegue il test vivisettorio sul prodotto in entrata, l'azienda risulterà moralmente, benché non direttamente, RESPONSABILE DI TEST SUGLI ANIMALI. Io, presentatrice Yves Rocher, e le mie clienti faremo di tutto per far rivedere all'azienda le proprie posizioni (come è successo alla Urban Decay, rientrata nella certificazione Cruelty-Free dopo le proteste delle consumatrici contro l'importazione nel mercato cinese). Non basta boicattare, serve far comprendere all'azienda cosa pensano le Sue clienti.
Agiamo ora.

Questa petizione è stata notificata a:
  • Yves Rocher France


    Carrie Mirintoncea ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 339 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




    Oggi: Carrie conta su di te

    Carrie Mirintoncea ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Yves Rocher France: Non esportate in Cina, dove la vivisezione è la norma". Unisciti con Carrie ed 338 sostenitori più oggi.