Petitioning Parlamento Italiano
This petition will be delivered to:
Parlamento Italiano

Una garanzia più duratura per gli elettrodomestici

Estendiamo la garanzia legale sugli elettrodomestici per contrastare l’obsolescenza programmata dai produttori e incentivare la riparazione.

5 anni i piccoli elettrodmestici

10 anni i grandi elettrodomestici

 Quante volte abbiamo detto o sentito dire: “Non ci sono più le lavatrici e/o le televisioni di una volta?” Oppure dal tecnico riparatore: “Costa più ripararlo che comprarlo nuovo”. Dietro a queste affermazioni sembra ci sia molto di vero e spesso i prodotti tecnologici sembrano durare appena il tempo della garanzia legale.

Secondo un dossier presentato in Germania dal gruppo parlamentare dei Verdi nel marzo scorso, fino agli anni Settanta la vita media di un elettrodomestico era di 20-30 anni, oggi è 10 volte inferiore. Il principio si chiama obsolescenza programmata, ovvero una progettazione finalizzata a vendere di più riducendo la vita dei prodotti.

Secondo le stime pubblicate nel dossier, i danni derivanti dall’obsolescenza programmata arriva a costare 100 miliardi di euro ai consumatori europei.

In altri paesi europei hanno cercato di risolvere il problema allungando il periodo dell’assistenza gratuita in caso di guasto, la cosiddetta garanzia legale che deve essere minimo di due anni: in Svezia sono stati portati a 3 anni, 5 in Scozia, 6 in Irlanda e Inghilterra. In Finlandia e nei Paesi Bassi addirittura l’assistenza in caso di guasto è illimitata. Nel Parlamento francese c’è una proposta di legge per estendere la garanzia e anche in Germania, dopo il dossier dei Verdi, c’è attenzione al problema.

Perché non estendere la garanzia sugli elettrodomestici anche da noi? Chiediamo al Parlamento e al governo italiano di rivedere la normativa sulla garanzia legale e di allungarla sugli elettrodomestici. Quella che per i consumatori è sicuramente il rafforzamento di una tutela, per i produttori può essere uno stimolo a progettare e costruire prodotti più affidabili e meno difettosi.

Sarebbe utile anche creare gli elettrodomestici per essere riparati creando nuovi posti di lavoro nel paese in cui è finito l'elettrodomestico.

PROVIAMOCI !!!


Letter to
Parlamento Italiano
Estendiamo la garanzia legale sugli elettrodomestici per contrastare l’obsolescenza programmata dai produttori e incentivare la riparazione.

5 anni i piccoli elettrodmestici

10 anni i grandi elettrodomestici

Quante volte abbiamo detto o sentito dire: “Non ci sono più le lavatrici e/o le televisioni di una volta?” Oppure dal tecnico riparatore: “Costa più ripararlo che comprarlo nuovo”. Dietro a queste affermazioni sembra ci sia molto di vero e spesso i prodotti tecnologici sembrano durare appena il tempo della garanzia legale.

Secondo un dossier presentato in Germania dal gruppo parlamentare dei Verdi nel marzo scorso, fino agli anni Settanta la vita media di un elettrodomestico era di 20-30 anni, oggi è 10 volte inferiore. Il principio si chiama obsolescenza programmata, ovvero una progettazione finalizzata a vendere di più riducendo la vita dei prodotti.

Secondo le stime pubblicate nel dossier, i danni derivanti dall’obsolescenza programmata arriva a costare 100 miliardi di euro ai consumatori europei.

In altri paesi europei hanno cercato di risolvere il problema allungando il periodo dell’assistenza gratuita in caso di guasto, la cosiddetta garanzia legale che deve essere minimo di due anni: in Svezia sono stati portati a 3 anni, 5 in Scozia, 6 in Irlanda e Inghilterra. In Finlandia e nei Paesi Bassi addirittura l’assistenza in caso di guasto è illimitata. Nel Parlamento francese c’è una proposta di legge per estendere la garanzia e anche in Germania, dopo il dossier dei Verdi, c’è attenzione al problema.

Perché non estendere la garanzia sugli elettrodomestici anche da noi? Chiediamo al Parlamento e al governo italiano di rivedere la normativa sulla garanzia legale e di allungarla sugli elettrodomestici. Quella che per i consumatori è sicuramente il rafforzamento di una tutela, per i produttori può essere uno stimolo a progettare e costruire prodotti più affidabili e meno difettosi.

Sarebbe utile anche creare gli elettrodomestici per essere riparati creando nuovi posti di lavoro nel paese in cui è finito l'elettrodomestico.

PROVIAMOCI !!!