Petitioning Presidente della UEFA Michel Platini and 2 others

Tavecchio non può rappresentare il calcio italiano #TavecchioDimettiti

Rieccolo, Carlo Tavecchio. Lui, il presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio, colui che dovrebbe rappresentare lo sport più popolare e possibilmente i suoi valori, fa ancora una volta notizia con le sue affermazioni inaccettabili. Parla di “ebreacci” da tenere “a bada”. Dice che non ha niente contro gli omosessuali. “Però meglio lontani da me. Io sono normalissimo”. 

Ci aveva già stupito l’anno scorso con le sue affermazioni alla vigilia dell’elezione alla presidenza della FGIC. Già allora abbiamo creduto che la frase pronunciata da colui che era candidato alla presidenza della Federazione (“Qui fanno i titolari quelli che prima mangiavano le banane”) fosse una frase razzista e di una gravità inaudita, soprattutto se pronunciata da un personaggio pubblico che ha l'ambizione di guidare il calcio italiano.  

Lo sport italiano, e il calcio in particolare, da anni si trovano di fronte all'offensiva di una minoranza che continua a ostentare slogan e insulti razzisti

Nello stesso tempo va riconosciuto l'impegno delle massime Autorità sportive nazionali e internazionali in una lotta senza quartiere a questa pericolosa deriva attraverso campagne di sensibilizzazione e provvedimenti disciplinari molto severi nei confronti di sportivi e tifoserie che continuano a macchiarsi di gesti e parole razziste.

Dopo tanto impegno per isolare questi fenomeni, non possiamo accettare che il signor Carlo Tavecchio possa ancora rappresentare il calcio italiano e crediamo che il miglior modo per scusarsi dopo questa frase vergognosa, che offende milioni di italiani e "nuovi italiani", sia a questo punto quello di dimettersi dalla presidenza della FIGC.

#TavecchioDimettiti

Letter to
Presidente della UEFA Michel Platini
Presidente della FIFA Issa Hayatou
Presidente del CONI Govanni Malagò
Tavecchio can't represent italian football
Carlo Tavecchio is the President of the Italian Football Federation (FIGC). He made homophobic statements and said words of antisemitism. Last year he stated that "We have decision makers that before used to eat bananas", a racist statement, especially serious if pronounced by a public figure who has the ambition to lead the Italian football.
Italian sport and football in particular, are facing the offensive of a minority that keeps showing racist behaviours. At the same time it must be acknowledged the commitment of the highest authorities in national and international sports for fighting this dangerous drift through awareness campaigns and strict disciplinary actions against athletes and fans that supports racist gestures and words.
After so much effort to isolate those phenomenas, we can not accept that Mr. Carlo Tavecchio may represent Italian football and we believe that the best way to apologize after this shameful sentence, which offends millions of Italians and "new Italians", is for him to resign from the presidency of the FIGC.

Tavecchio non può rappresentare il calcio italiano

Rieccolo, Carlo Tavecchio. Lui, il presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio, colui che dovrebbe rappresentare lo sport più popolare e possibilmente i suoi valori, fa ancora una volta notizia con le sue affermazioni inaccettabili. Parla di “ebreacci” da tenere “a bada”. Dice che non ha niente contro gli omosessuali. “Però meglio lontani da me. Io sono normalissimo”.

Ci aveva già stupito l’anno scorso con le sue affermazioni alla vigilia dell’elezione alla presidenza della FGIC. Già allora abbiamo creduto che la frase pronunciata da colui che era candidato alla presidenza della Federazione (“Qui fanno i titolari quelli che prima mangiavano le banane”) fosse una frase razzista e di una gravità inaudita, soprattutto se pronunciata da un personaggio pubblico che ha l'ambizione di guidare il calcio italiano.

Lo sport italiano, e il calcio in particolare, da anni si trovano di fronte all'offensiva di una minoranza che continua a ostentare slogan e insulti razzisti.

Nello stesso tempo va riconosciuto l'impegno delle massime Autorità sportive nazionali e internazionali in una lotta senza quartiere a questa pericolosa deriva attraverso campagne di sensibilizzazione e provvedimenti disciplinari molto severi nei confronti di sportivi e tifoserie che continuano a macchiarsi di gesti e parole razziste.

Dopo tanto impegno per isolare questi fenomeni, non possiamo accettare che il signor Carlo Tavecchio possa ancora rappresentare il calcio italiano e crediamo che il miglior modo per scusarsi dopo questa frase vergognosa, che offende milioni di italiani e "nuovi italiani", sia a questo punto quello di dimettersi dalla presidenza della FIGC.

#TavecchioDimettiti

Khalid Chaouki started this petition with a single signature, and now has 49,705 supporters. Start a petition today to change something you care about.