Sostegno al reddito per Locazioni Turistiche e Attività Ricettive Non Imprenditoriali

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Alla cortese attenzione di:

  • Illustrissimo Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella
  • Illustrissimo Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica italiana Giuseppe Conte
  • Illustrissima Presidente del Senato della Repubblica Italiana Maria Elisabetta Alberti Casellati
  • Illustrissimo Presidente della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana Roberto Fico
  • Illustrissimo Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini
  • Tutti gli illustrissimi Presidenti delle Regioni Italiane
  • Illustrissimo Presidente dell'Associazione Nazionale Comuni di Italia Antonio Decaro
  • Tutti gli illustrissimi Sindaci dei Comuni di Italia

e per conoscenza:

  • a tutti gli organi di informazione
  • a tutti i gruppi social di riferimento del settore turistico alberghiero ed extra alberghiero

PREMESSO CHE:

  • Nel settore turistico operano diverse entità tra cui le locazioni brevi, come normate dal DL 50/17 e successiva conversione in legge nonché titolari di strutture ricettive extra alberghiere gestite in forma non imprenditoriale sempre nel rispetto delle norme vigenti per come previsto da relativi regolamenti regionali
  • Tutto il settore è interessato dalla crisi relativa alla pandemia da Corona Virus innescatasi a partire dalla fine del 2019
  • I soggetti indicati si sono fatti parte diligente, laddove previsto, della riscossione e/o versamento dei tributi in nome e per conto delle amministrazioni locali.
  • Quanto percepito dai soggetti di cui sopra era legale frutto della messa a reddito di immobili per cui godono di diritto reale e che per la maggioranza dei soggetti tale reddito era fonte di sostentamento principale o complementare ma di fatto essenziale
  • L’indotto generato dalla ricettività messa a disposizione dalle suddette categorie rappresenta una fetta importante dell’economia locale.
  • La sofferenza generata da questo periodo di crisi la cui fine per il settore si può prevedere in una data da individuarsi non prima della stagione prossima, ovvero un anno da oggi.
  • Non tutti i soggetti su menzionati, proprio per la natura non imprenditoriale, possono accedere agli aiuti messi finora in campo dal governo, né hanno gli strumenti e i mezzi per sopravvivere ad un anno di inattività.
  • Senza un aiuto mirato e concreto i soggetti di cui sopra non sono in grado di provvedere al proprio sostentamento.
  • Nel caso di sgravi fiscali per le ristrutturazioni operate sugli immobili, in presenza di riduzione o azzeramento del reddito, si verificherebbe la perdita degli stessi per una o più annualità.

Ciò premesso con la presente si
CHIEDE:

Che si intervenga con una politica concreta di sostegno al reddito, affinché non si assista ad un tracollo economico di diversi settori coinvolti ed alla disperazione di chi è interessato direttamente, relativamente alle realtà che possono dimostrare diminuzione del reddito conseguente all’emergenza in essere, attraverso i seguenti provvedimenti:

  • Sostegno economico, a partire da Marzo 2020 e per tutto il periodo dell’emergenza pari o superiore almeno al reddito indicato dall’ISTAT come soglia di povertà.
  • Esenzione dal versamento del Contributo di Soggiorno, Tassa di Soggiorno o qualsiasi altra forma o denominazione possa assumere in loco a partire dal primo trimestre dell’anno corrente.
  • Esenzione dalle imposte locali come l’IMU per l’importo totale relativo a due immobili destinati alla locazione breve su tutto il territorio nazionale.
  • Recupero di una o più annualità degli sgravi fiscali relativi a ristrutturazioni sugli immobili destinati a locazione breve o a struttura ricettiva extra alberghiera come credito di imposta da utilizzarsi negli anni a seguire.
  • Esenzione dal pagamento del canone RAI speciale, laddove previsto, fino alla fine dell’emergenza o prolungamento della sua validità per chi ha già effettuato il pagamento.
  • Esenzione dal pagamento del canone SIAE, laddove previsto, fino alla fine dell’emergenza o prolungamento della sua validità per chi ha già effettuato il pagamento.
  • Esenzione dal pagamento della Tariffa o Imposta sulla raccolta dei rifiuti, laddove e per come previsto, fino alla fine dell’emergenza o prolungamento della sua validità per chi ha già effettuato il pagamento.
  • Sospensione del mutuo sulle case destinate a locazione breve o attività ricettiva extra alberghiera NON imprenditoriale fino al numero massimo di due su tutto il territorio nazionale.