Giù le mani dai Fiumi Italiani!

0 hanno firmato. Arriviamo a 15.000.


Giovedì 4 Aprile il consiglio dei ministri ha approvato un regolamento per facilitare il rilascio nei nostri fiumi di specie alloctone o esotiche.

http://www.governo.it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-53/11303

Una mossa in totale contrasto con tutte le direttive e leggi per la conservazione e tutela dell'ambiente.

La natura prevede nei suoi ecosistemi le sue specie. Esistono perché si sono coevolute nel corso di milioni di anni, hanno costruito tra loro delle relazioni che permettono all'ecosistema stesso di esistere. 
Immettere nell'ambiente delle specie alloctone significa creare dei danni all'ecosistema.

Ce lo dicono i biologi, gli ecologi, gli zoologi, i botanici.

Il regolamento approvato dice che le introduzioni di esotici saranno permesse quando ci saranno "studi che evidenzino l’assenza di effetti negativi sull’ambiente". Questa frase non ha senso. Nessun scienziato dirà mai che non esistono rischi quando si immettono alloctoni in natura, nessun scienziato sarà mai favorevole alle introduzioni di esotici in natura. Il rischio di ritrovarsi con specie invasive è troppo alto. In passato è successo troppe volte e i nostri ecosistemi stanno ancora pagando per quelle scelte sbagliate. La nostra paura è che questi "pareri scientifici" siano solo una scusa per giustificare I nuovi rilasci, una maschera per nascondere gli interessi di chi in questi anni ha continuato a rilasciare alloctoni nei nostri fiumi.

Il benessere ambientale deve SEMPRE essere al primo posto e non può essere sorpassato per motivi "ricreativi".

Chiediamo di impedire qualsiasi rilascio di specie alloctone nei fiumi italiani, perché in totale contrasto con la tutela della biodiversità e dell'ambiente.