LA CULTURA SICILIANA NON SI LEGA!!!!

0 hanno firmato. Arriviamo a 25.000.


Signor Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci,

lei è legittimamente a capo di una coalizione delegata al governo della nostra isola. Altrettanto legittimamente lei declina le sue politiche di governo e ne dà forma attraverso proposte di dispositivi legislativi, atti amministrativi e affidamenti fiduciari a uomini e donne delegate a rappresentarle e implementarle.

Tuttavia, gli ultimi accadimenti che prefigurano la cessione della delega alla cultura da lei custodita dopo la morte del Prof. Sebastiano Tusa nelle mani di un esponente designato dal Partito della Lega Nord, si rappresenta a tanti di noi come un affronto difficilmente accettabile.
Tra la Lega e un pezzo importante della Sicilia c'è un mare di mezzo.

Su quella sponda si agitano campagne denigratorie e abitano parole orribili stillate per anni verso i popoli del sud Italia, c'è il costante tentativo di dirigenti nazionali di formare l'uomo che odia se stesso, di falsificare la storia e costruire una società piegata ai più immondi istinti e poi, il perpetuo connubio con la peggiore manovalanza di un sistema capitalistico che non si interroga mai sulla propria etica.

Sulle nostre rive v'è invece il carico dei duemila anni di storia, delle tracce e sedimenti di un lascito importante, vi è la coscienza della debolezza del sé e del solo, e che il mare in cui galleggiamo è patria comune per molte genti diverse.
Qui c'è la memoria vivida di uomini e donne che hanno cercato di dare corpo ad una aspirazione collettiva di riscatto e di progresso sociale ma sopratutto, c'è ancora tanta volontà di fare e di perseguire, ben coscienti che questo processo è senza alcun dubbio una rivoluzione culturale permanente. E la sua giunta certo non la incarna.

La consegna alla Lega Nord della delega ai Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, è per ogni siciliano e siciliana che ripudiano le politiche dell'odio e perseguono quelle del progresso, un nuovo movente per proseguire il cammino verso altri orizzonti.

La cultura siciliana non si Lega

Ramon La Torre