No more road victims on the streets of lake Garda! *Petizione sicurezza pedoni e ciclisti

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


Following the text in English and in Italian, too:

This petition is addressed to the Authorities in charge of governing Garda Lake's district, asking them to respect their responsibilities regarding road safety of the whole area. On the the main Gardesana Orientale SR249 road, the young Koen van Keulen died on 20th July 2018 while my father Giuseppe Mancini was killed on the cyclist-pedestrian path, along the same road, on 19th August 1996.

In these last 22 years nothing has been done to make our roads safer!

Our requests are mainly addressed to the Major of the Municipality of Lazise Mr. Luca Sebastiano, the Major of the Municipality of Castelnuovo del Garda Mr. Giovanni Peretti, the President of the Province of Verona Mr. Antonio Pastorello, the President of Veneto Strade Mr. Roberto Turri and the President of the Veneto Region Mr. Luca Zaia. The facts will be also reported to the Italian President of the Republic, to the Prime Minister, to the Minister of Infrastructure and Transport, to the Minister of Interior and also to the Presidents of the two Parliament Chambers.

 -make the main road Gardesana orientale SR249 safe for pedestrians and cyclists: cycle tracks and pedestrian tracks must be well separated from the road through specific concrete barriers (curbs) while new safe sidewalks and bike lanes must be built if missing;
-make all the other streets connecting residential areas, districts and oldtown safe for pedestrians and cyclists: these are for example in Lazise via San Martino, via Pastrengo, via Zappo, via del Terminon but there are more everywhere in the whole territory of lake Garda;
-make the access to safer tracks free and public to everybody willing to reach the new safer cycle and pedestrian tracks along the lakeside: at the moment only guests in the camping sites may enter and exit apart from some rare public accesses many Km distance one from the other.

This petition is created by
Annalisa Mancini and
Koen van Keulen's family
supported by Associazione Familiari e Vittime della Strada
and by European Federation of Road Traffic Victims

***

Petizione per la sicurezza di pedoni e ciclisti sulle nostre strade

Obiettivo “Vittime zero”: responsabilità degli enti gestori delle strade

 Per proteggere la vita di residenti e di turisti, promuoviamo una raccolta firme perché gli enti che gestiscono il territorio reagiscano e si adoperino con interventi appropriati ad adempiere al loro compito di garantire la sicurezza di pedoni e ciclisti.

Sulla Gardesana Orientale, SR 249, il 19 agosto 1996, ha perduto la vita mio padre, sulla stessa strada il 20 luglio 2018 la stessa sorte è taccata ad un ragazzo olandese di 17 anni, Koen van Keulen in prossimità del Parco divertimenti Gardaland.

 A distanza di 22 anni la pericolosità delle strade permane!

Assieme all’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada e alla FEVR (Federazione Europea delle Vittime della Strada) chiediamo agli Amministratori locali – Comune di Lazise, Comune di Castelnuovo del Garda, Provincia di Verona, Regione Veneto – e a Veneto Strade di intervenire per mettere in sicurezza la Gardesana Orientale e tutte le altre strade prive di banchina e di marciapiedi a Lazise, Colà e Pacengo. Di tutto daremo conoscenza al Governo centrale, ai Ministri dell’Infrastrutture e Trasporti e dell’Interno, e ai Presidenti della Repubblica, del Consiglio dei Ministri, del Senato e della Camera.

Le nostre richieste concrete:

- mettere in sicurezza la Gardesana Orientale per pedoni e biciclette, con cordoli o paletti separatori lungo la corsia ciclo-pedonale e con la creazione di una banchina o marciapiede sicuri dove inesistenti;

- mettere in sicurezza le altre strade di collegamento tra frazioni, quartieri residenziali e capoluogo di Lazise: sono strade pericolose soprattutto per gli utenti più deboli della strada (pedoni e biciclette). A titolo di esempio: via San Martino, via Pastrengo, via Zappo, via del Terminon.

- aumentare il numero di accessi pubblici al lago perché tutti (anche i residenti) possano usufruire in sicurezza dei nuovi tratti di corsia ciclo-pedonale lungolago: realizzare convenzioni con i campeggi e creare corridoi pubblici tra proprietà private.

Promosso da:
Annalisa Mancini,
Famiglia di Koen van Keulen
con il patrocinio della Federazione Europea delle Vittime della Strada (FEVR) e dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada che di essa fa parte.



Oggi: Annalisa conta su di te

Annalisa Mancini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Protect pedestrian and cyclist safety * Petizione per la sicurezza di pedoni e ciclisti sul lago di Garda". Unisciti con Annalisa ed 7.444 sostenitori più oggi.