Priorità dei lavoratori dei supermercati nel piano vaccinale

0 hanno firmato. Arriviamo a 35.000.


I lavoratori dei supermercati e di ogni negozio alimentare sono in prima linea dall'inizio della pandemia, continuano la loro attività senza sosta e senza adeguata protezione. 
Non hanno mai smesso di lavorare, non hanno mai cessato il contatto con i clienti, ma non sono mai stati nominati dalle istituzioni e non hanno ricevuto tutele o premi per i pericoli affrontati. 

Sono stanchi, stressati e, nonostante ciò, sempre a disposizione. In tanti hanno ricevuto le mascherine in ritardo o non le hanno ricevute, stessa cosa per il plexiglass alle casse. 

Divertenti le battute sul lievito che va a ruba, impressionanti i video dei supermercati svuotati all'inizio dell'emergenza. Dietro a tutto ciò c'erano loro. 

Mia mamma è proprio tra questi lavoratori, per cui sento questo tema molto vicino. Aveva paura ad entrare in casa con noi dopo una giornata a contatto con centinaia di persone, aveva paura di andare a lavorare tra i clienti con le mascherine sotto il mento o addirittura senza.

La lettura di un recente articolo che parlava della morte di un dipendente di un negozio di alimentari a causa del Covid mi ha colpita e ho subito sentito la necessità di fare qualcosa di più concreto delle solite lamentele. 

Devono avere la priorità sulla vaccinazione. Subito.