Petition Closed
Petitioning Comune di Roma Sindaco di Roma Capitale, Capi Gruppo e Giunta
This petition will be delivered to:
Comune di Roma
Sindaco di Roma Capitale, Capi Gruppo e Giunta

Per combattere violenza e fascismo, realizziamo il "Palazzo dei diritti, delle libertà e delle culture"

In via Napoleone III 6, a Roma c’è un intero palazzo, di proprietà del Comune di Roma, occupato da anni da “Casapound”. Casapound Italia è un associazione definita dagli organi di stampa come di "estrema destra" e "neo fascista".

Al posto della sede di Casapound, noi vorremmo che sorgesse un luogo dove i giovani possano conoscere, vivere e condividere diritti, differenti culture e una pluralità positiva di visioni della vita e del mondo.

In luogo di un ritrovo, illecitamente occupato, vorremmo che sorgesse il "Palazzo dei diritti, delle libertà e delle culture", un punto di riferimento e di incontro per i giovani. Aperto, libero e solidale.

Siamo i promotori del Comitato "Roma dica NO ai raduni fascisti", dopo l'enorme successo dell'omonima pagina Facebook (oltre 100.000 condivisioni e likes), abbiamo valutato l'importanza di promuovere questa petizione.

Siamo cinque ragazzi, di diversa estrazione politica e religiosa ma con un cuore che batte per pace, libertà, diritti e dialogo. Per noi l'antifascismo non è solo una parola. L'antifascismo è un valore costituzionale e culturale da tenere sempre vivo. Un retaggio culturale che implica oneri e che comporta una più alta identità nazionale. Abbiamo deciso di metterci la faccia e non abbiamo paura. Noi crediamo di vivere in uno Stato che difende i cittadini che onestamente si oppongono, con solo le armi del diritto, del buon senso e della passione per la libertà, alla violenza, all'odio ed alla barbarie. Siamo quelli che non amano chi fomenta odio e violenza.

Siamo quelli che conducono una battaglia democratica, e non violenta, contro ogni fascismo, vecchio o nuovo.

Adesso abbiamo deciso di iniziare a dire SI al dialogo. SI alla tolleranza. SI ai diritti. SI alla pace. SI alla libertà.

Ma i nostri SI non vogliono essere semplici, ma giuste, affermazioni di concetti, ma trasformarsi in proposte concrete e condivise.

Per questo abbiamo lanciato questa petizione, per realizzare a Roma, nella sede ad oggi illecitamente occupata da Casapound Italia e che il Sindaco Alemanno vorrebbe a loro regalare, il "Palazzo dei diritti, delle culture e delle libertà".

Un luogo, unico in Italia, dove si possa lavorare insieme ad un Paese più giusto, più libero e più solidale. Dove pace, armonia, dialogo, cultura ed integrazione, siano gli unici "leit motiv".

Firmala anche tu, aiutaci a realizzare questo sogno, non per noi, ma per Roma e per l'Italia.

A Roma abbiamo bisogno di un luogo per l’incontro ed il dialogo e ci aspettiamo che le Istituzioni supportino la nostra richiesta.

E' una battaglia di civiltà e di democrazia.

 

 


Letter to
Comune di Roma Sindaco di Roma Capitale, Capi Gruppo e Giunta
Care amiche ed amici, manca ormai poco al raggiungimento dell'obiettivo minimo di raccolta delle firme per la nostra petizione. Vi chiediamo un altro piccolissimo sforzo per raggiungere un risultato di democrazia e civiltà, e presentare così queste firme al Sindaco, alla Giunta ed ai Capigruppo della nostra città affinchè prendano una netta posizione circa la nostra richiesta.
Casapound occupa un bene della collettività, che ad essa deve essere restituito.
Per creare un luogo libero, democratico, antifascista, multiculturale, multietnico e multireligioso.

Grazie per quanto avete fatto finora e grazie per ques'ultimo sforzo.

Gianluca Melillo e Daniele Regard a nome dei promotori di "Roma dica no ai raduni fascisti" e di "Italia antifascista"