Istituzioni e Paolo Ferraro vanno tutelati nella legalità

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


LA ALLUCINANTE E VERA VICENDA DI UN MAGISTRATO CHE HA SACRIFICATO LA SUA VITA PER IL SUO PAESE, E CHE PUO' ORA ESSERE RESTITUITO ALLA VITA SOCIALE E PROFESSIONALE SECONDO LEGALITA'. PETIZIONE AGLI ORGANI ISTITUZIONALI 

 

  • AL Presidente della Repubblica e Presidente del CSM  S.E. Sergio Mattarella suo recapito presso il CSM protocollo.csm@giustiziacert.it e posta PEC Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica protocollo.centrale@pec.quirinale.it
  • AL MINISTRO DI GIUSTIZIA PRO TEMPORE TRAMITE CAPO DI GABINETTO  capo.gabinetto@giustiziacert.it
  • AL Vice Presidente del CSM prof. Giovanni Legnini protocollo.csm@giustiziacert.it
  • Al Primo Presidente della Corte di Cassazione Pres.te Giovanni Mammone primopresidente.cassazione@giustiziacert.it
  • Al Proc. Generale presso la Corte di Cassazione Pres.te Riccardo Fuzio prot.pg.cassazione@giustiziacert.it
  • AI consiglieri membri togati e non del CSM protocollo.csm@giustiziacert.it presso CSM
  1. dott.Giuseppe Fanfani 
  2. dott.ssa Paola Balducci 
  3. dott.Renato Balduzzi 
  4. dott.Alessio Zaccaria 
  5. dott.Rosario Spina 
  6. dott.Lucio Aschettino 
  7. dott.Ercole Aprile 
  8. dott.Piergiorgio Morosini 
  9. dott.Massimo Forciniti 
  10. dott.Luca Forteleoni 
  11. dott.Antonio Ardituro
  12. dott.Antonio Leone
  13. dott.ssa Maria Rosaria San Giorgio
  14. dott.Valerio Fracassi
  15. dott.Fabio Napoleone
  16. dott. Lorenzo Pontecorvo
  17. dott.Nicola Clivio Claudio
  18. dott.ssa Maria Galoppi
  19. dott.Francesco Cananzi
  20. dott.Aldo Morgigni
  • OGGETTO. Reimmissione in servizio del magistrato dott. Paolo Ferraro previa revisione del provvedimento di dispensa comminato,  in attuale pendenza per il merito del ricorso dinanzi al Consiglio di Stato,   e intervento istituzionale sui fatti emersi, a tutela della magistratura e della sua effettiva indipendenza.

Il magistrato Paolo Ferraro è stato dispensato dal servizio per una simulata artefatta e incredibile a “bersi” non-patologia,  dopo aver subito un sequestro di persona per aver scoperto mediante registrazioni audio di pubblico dominio, attività deviate destinata ad eliminarlo od incastrarlo od iirretirlo e affiliarlo, da parte di un apparato trasversale a supporto  militare.

La metodologia criminale utilizzata anche per la rappresaglia costituisce un capisaldo di attività militari e segrete, e quanto scoperto e valutabile direttamente  è sconcertante ma del tutto dimostrato nella sua oggettività, e per metodologie , strumenti realtà operative.

Risultano quindi emerse anche realtà coperte e segrete,  quali il trattamento di donna, mediante metodologia militare, l’utilizzo di minori, in specie rom ma non solo, e la pericolosità di questo apparato che opera con metodi anche più spicci sui singoli, ma nulla dovrebbe potere  contro una collettività consapevole ed "attiva" ed istituzioni vigili e presenti.


La “scoperta” è stata dimostrata in ogni minimo dettaglio con impianti di prove uniche al mondo destinata a centinaia di migliaia di indirizzi istituzionali professionali e sensibili, partitamente analizzate e contestualizzate, sinanche inviate via mail a “domicilio informatico”** ,  e sistematizzate infine con un DVD* *contenente un sistema multimediale integrato di prove dirette audio video audio e documenti svariati, unico al mondo per concezione, tecniche di trattazione e contenuti dimostrati.

Ora e solo ora chiediamo un forte intervento consapevole e collettivo di tutte le magistrature, non solo affinché si ponga riparo ad una clamorosa ingiustizia ed attività illegale in danno del magistrato Paolo Ferraro, reimmettendolo nel suo ruolo ed attività d magistrato ed interrompendo la catena di attività volte alla sua distruzione, prima di tutto socio economica e professionale,  ma anche e soprattutto a tutela dello Stato di diritto, della legalità e della indipendenza effettiva della giurisdizione.

Si tratta di tutelare anche i singoli magistrati e le istituzioni disegnate nel nostro impianto Costituzionale, da una aggressione sotterranea e strisciante che attenta alla libertà e democrazia, ed ormai disvelata a partire dal caso specifico, grazie al sacrificio personale “scelto” dal dott. Paolo Ferraro per il bene comune, rifiutando il commodus discessus e la iniziativa volta ad affiliarlo nel 2010, uomo che ritiene di  “meritare” anche l’auto collettivo ormai urgente e necessario.


Questo nostro intervento lo meritano anche la nostra Costituzione e la lotta per la libertà e democrazia dei padri costituenti,  nella consapevolezza che la democrazia si realizza e vive attraverso la partecipazione e l'impegno di tutti.
                   

                            PATRIZIA STEFANIA EUGENIA FOIANI 

*VIDEO-AUDIO DI PROVA DIRETTA Su YOUTUBE- PORZIONI COMPRESSE ESTRATTE TRASMESSE ALLE MAGISTRATURE ED ISTITUZIONI 
1000A1 https://youtu.be/vIMz115ayLg (supporto informativo mail)
1000A2 https://youtu.be/uezYbUiUZiY (supporto informativo mail 2)
1000A3 https://youtu.be/SZmYNE0mrcI (supporto informativo mail 3)
SOLO "ALCUNI" VIDEO DI PROVA DIRETTA CITATI SU YOUTUBE (reperibili ad altri vari indirizzi)

133 A https://youtu.be/5V6q4Lfa9x8

133 B https://youtu.be/HVCDJKKvcZU

133 C https://youtu.be/nitnHQAg1r0

133 D https://youtu.be/JpB0Pe8JyTE

133 E https://youtu.be/UOB9a3h600c

151    https://youtu.be/9pD13EyT1jA

 

 ** DVD-ISO "IL FILO DEL MAGISTRATO" scaricabile free al link http://www.mediafire.com/file/58cy33wao91psou/IL_FILO_DEL_MAGISTRATO_1000.iso



Oggi: Patrizia conta su di te

Patrizia Foiani ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "MAGISTRATURE: Paolo Ferraro e istituzioni vanno tutelati nella legalità". Unisciti con Patrizia ed 808 sostenitori più oggi.