Petitioning Assessore alla Salute della Regione Lombardia Mario Mantovani
This petition will be delivered to:
Assessore alla Salute della Regione Lombardia
Mario Mantovani

Libertà per le donne di scegliere dove, come e con chi partorire, anche in Lombardia

"Bisogna garantire la libertà di scelta alla donna circa i luoghi ove partorire e circa le modalità con cui tale evento debba svolgersi perché la maternità possa essere vissuta come fatto naturale”

Così recita l'articolo 1 della legge regionale n.16 del 1987 della Lombardia che, all'articolo 5, continua impegnando il consiglio regionale ad individuare le zone dove sperimentare il parto a domicilio e in casa maternità. Sono trascorsi 26 anni da quando questa legge è stata emanata, tuttavia ancora oggi le donne residenti in Lombardia che desiderano partorire in casa lo possono fare soltanto nel caso in cui se lo possano economicamente permettere, a differenza di altre regioni italiane come Piemonte, Emilia Romagna, Marche e Lazio e delle provincie di Trento e Bolzano, dove il parto a domicilio viene rimborsato.

Come noi, diverse altre associazioni italiane si stanno mobilitando perché questa disomogeneità venga superata soprattutto perché costituisce una vera e propria discriminazione in quanto viola l'articolo 8 della convenzione Europea dei Diritti Umani. Come stabilisce infatti la sentenza Ternovsky del 2010, ogni donna dovrebbe avere il diritto di scegliere dove, come e con chi partorire, senza costrizioni o condizionamenti di tipo economico e sociale.

Nello stato europeo dove più frequentemente si ricorre al taglio cesareo e dove il fenomeno della medicina preventiva nell'assistenza alla persona sta assumendo dimensioni allarmanti senza generare benefici in termini di benessere di madre e figlio, sentiamo l'urgente bisogno di riportare al centro la naturalità della nascita e il diritto della donna di autodeterminarsi facendo scelte informate.

In gravidanze a basso rischio, partorire a casa o in casa maternità con un'assistenza ostetrica, garantisce gli stessi livelli di sicurezza dell'ospedale, pertanto ti chiediamo di firmare e di condividere questo appello.


Letter to
Assessore alla Salute della Regione Lombardia Mario Mantovani
Perché venga garantita la libertà per le donne di scegliere dove, come e con chi partorire, anche in Lombardia

"Bisogna garantire la libertà di scelta alla donna circa i luoghi ove partorire e circa le modalità con cui tale evento debba svolgersi perché la maternità possa essere vissuta come fatto naturale”

Così recita l'articolo 1 della legge regionale n.16 del 1987 della Lombardia che, all'articolo 5, continua impegnando il consiglio regionale ad individuare le zone dove sperimentare il parto a domicilio e in casa maternità. Sono trascorsi 26 anni da quando questa legge è stata emanata, tuttavia ancora oggi le donne residenti in Lombardia che desiderano partorire in casa lo possono fare soltanto nel caso in cui se lo possano economicamente permettere, a differenza di altre regioni italiane come Piemonte, Emilia Romagna, Marche e Lazio e le provincie di Trento e Bolzano, dove il parto a domicilio viene rimborsato.

Come noi, diverse altre associazioni italiane si stanno mobilitando perché questa disomogeneità venga superata soprattutto perché costituisce una vera e propria discriminazione in quanto viola l'articolo 8 della convenzione Europea dei Diritti Umani. Come stabilisce infatti la sentenza Ternovsky del 2010, ogni donna dovrebbe avere il diritto di scegliere dove, come e con chi partorire, senza costrizioni o condizionamenti di tipo economico e sociale.

Nello stato europeo dove più frequentemente si ricorre al taglio cesareo e dove il fenomeno della medicina preventiva nell'assistenza alla persona sta assumendo dimensioni allarmanti senza generare benefici in termini di benessere di madre e figlio, sentiamo l'urgente bisogno di riportare al centro la naturalità della nascita e il diritto della donna di autodeterminarsi facendo scelte informate.

In gravidanze a basso rischio, partorire a casa o in casa maternità con un'assistenza ostetrica, garantisce gli stessi livelli di sicurezza dell'ospedale.