SOSTIENI LO SCHEMA PAXG PER UNA CHEMIOTERAPIA PIU' EFFICACE CONTRO IL TUMORE DEL PANCREAS

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


Il carcinoma del pancreas continua a incutere preoccupazione e angoscia nei pazienti in quanto è la neoplasia a prognosi più infausta, è in continua crescita dal punto di vista dell’incidenza e ancora viene prevalentemente diagnosticata solo in fase avanzata e metastatica.

Le opzioni chemioterapiche disponibili attualmente sono limitate, prolungano la durata mediana della vita di poche settimane e sono gravate da effetti collaterali frequenti e invalidanti che condizionano la qualità della vita. Gli schemi prevalentemente usati provocano molto spesso vomito, stanchezza, diarrea e neuropatia persistente e a volte permanente nei pazienti trattati.

Nei recenti lavori del gruppo di Oncologia Medica dell'Ospedale San Raffaele di Milano è stato studiato lo schema PAXG (cisplatino, nab-paclitaxel, capecitabina, gemcitabina) come prima linea di trattamento della malattia non resecabile chirurgicamente e metastatica. 

Trattandosi di due studi di fase II randomizzati, non è possibile dimostrare con certezza la superiorità di questo schema rispetto ad altri tuttavia, i dati riportati suggeriscono diversi verosimili vantaggi:
1) il beneficio della chemioterapia con 4 farmaci è maggiore rispetto agli schemi in uso in entrambi gli studi
2) questo beneficio sarebbe ottenuto con minori effetti tossici
3) lo schema PAXG richiede meno accessi in ospedale per la somministrazione dei farmaci che si ridurrebbero a 2 rispetto agli attuali 3 o 4 delle terapie oggi in uso
4) il costo dei 4 farmaci è inferiore di almeno il 15% rispetto agli altri schemi
5) l’utilizzo del platino in concomitanza ad nab-paclitaxel risolverebbe il dilemma di quale trattamento utilizzare in prima linea nei pazienti con difetti di riparazione del DNA (BRCA, PARP, ATM ecc.) che rappresentano oltre il 10% degli affetti da tumore del pancreas
 
Alla luce del potenziale beneficio ottenibile sia in termini di controllo della malattia sia di tolleranza del trattamento, di costi per il Sistema Sanitario Nazionale e di comodità per il paziente, le Associazioni dei Pazienti chiedono ad AIFA e al Ministro della Salute di consentire l’uso di nab-paclitaxel attualmente autorizzato in combinazione solo con gemcitabina (chemioterapia con 2 farmaci) in associazione a cisplatino e capecitabina nell’ambito di PAXG (nuovo schema a 4 farmaci).



Oggi: ASSOCIAZIONE MY EVEREST conta su di te

ASSOCIAZIONE MY EVEREST ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Le associazioni pazienti chiedono ad AIFA e al Ministro della Salute di autorizzare un nuovo schema chemioterapico meno invasivo e più efficace contro il tumore del pancreas.". Unisciti con ASSOCIAZIONE MY EVEREST ed 5.336 sostenitori più oggi.