Petition Closed

Per forti misure esemplari da adottare contro JM Barroso per l'adesione Goldman Sachs

This petition had 153,273 supporters


Petizione, aperta a tutti i cittadini europei fino alla fine di settembre 2016, per i forti misure esemplari da adottare contro José Manuel Barroso, il cui comportamento disonora la funzione pubblica europea e l'Unione europea nel suo complesso.

Non in nostro nome!

Siamo un gruppo di dipendenti delle istituzioni europee, vincolati dall'obbligo di riservatezza, che è stato appena creato perché siamo sempre più preoccupati per il degrado dell'immagine del progetto europeo all'interno delle nostre famiglie, amici, vicini di casa e tra tutti i cittadini che incontriamo in tutta Europa.

Venerdì 8 luglio 2016 abbiamo appreso, pochi giorni dopo il voto per l'uscita del Regno Unito dall'UE, che l'ex presidente della Commissione europea, José Manuel Durao Barroso, si unirà presto alla sede di Londra della banca d'investimento Goldman Sachs, "come presidente" non esecutivo "e consiglio" [1] per contribuire a limitare gli effetti negativi della "Brexit".

La decisione di andare a lavorare per una delle banche più coinvolte nella crisi dei mutui subprime che ha portato alla crisi finanziaria 2007-2008, la peggiore dalla crisi del 1929, ma anche una banca molto coinvolta nella crisi greca, un paese in cui ha contribuito a coprire il deficit prima di speculare nel 2009-2010 contro il debito greco, di cui ovviamente conosceva l'insostenibilità, è un altro esempio di "porte girevoli" irresponsabili. Questo è molto dannoso per le istituzioni comunitarie e, anche se non è illegale, è moralmente disonesto.

E' irresponsabile perché alimenta un contesto che non è più solo euroscettico, ma ora  anche anti-europeo. In effetti, oggi alcuni politici, anche se usciti dalla maggioranza del Parlamento europeo, arrivano a mettere in discussione l'esistenza stessa della Commissione europea e il metodo comunitario, che in tempi di crisi, ha permesso la costruzione dell'Unione europea dal trattato di Roma.

E' dannoso per le istituzioni comunitarie, in questa situazione delicata in cui molteplici crisi interconnesse devono essere gestite contemporaneamente: crisi migratoria, crisi innescata dal voto del referendum sulla Brexit, persistente crisi economica, crisi della visione dell'Europa che vogliamo. Nel momento peggiore, è un simbolo disastroso per l'Unione e una manna per gli eurofobi  che un ex presidente della Commissione sia equiparato alla finanza sfrenata e senza valori etici incarnata da Goldman Sachs.

È moralmente disonesto, perché è in contrasto con l'onore e l'integrità della funzione pubblica europea che dovrebbe difendere l'interesse generale europeo. Tutti gli ex membri devono rispettare i loro doveri di onestà e discrezione ai sensi dell'articolo 245 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE), anche al termine dei diciotto mesi dal termine delle loro funzioni. In particolare Barroso, l'ex presidente, è stato due volte nominato dai capi di Stato e di governo e dal Parlamento europeo.

Per queste ragioni ci appelliamo a tutti i cittadini europei attraverso questa petizione di richiedere alle due più alte autorità della Comunità europea, il Consiglio dell'Unione europea e il Collegio della Commissione europea, autorizzate a farlo ai sensi dell'articolo 245 del TFUE, il diritto di portare questa faccenda di fronte alla Corte di giustizia europea, al fine di:

  • Non limitarsi a costatare che il presidente Barroso si è dimesso da più di 18 mesi;
  • Fare esaminare in dettaglio e in modo trasparente il rispetto da parte di Barroso dei suoi doveri d'onestà e discrezione nei confronti del l'Unione europea;
  • Di conseguenza, applicare sanzioni forti ed esemplari nei confronti di José Manuel Barroso, come ad esempio:
  1. La sospensione dei pagamenti della pensione come ex presidente della Commissione europea durante il periodo del suo lavoro con Goldman Sachs e oltre;
  2. La sospensione di tutti i suoi titoli onorifici eventuali legati alle istituzioni europee;
  • Rafforzare le regole etiche e la lotta contro "le porte girevoli" applicabili agli ex membri della Commissione, in proporzione al danno che il loro comportamento futuro può comportare per la funzione pubblica europea e all'Unione europea, vale a dire con delle regole più severe per gli ex presidenti, i vicepresidenti e per gli ex commissari.

Questa petizione sarà presentata ai Presidenti delle tre istituzioni europee: la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio dell'Unione europea, cosi come ai rappresentanti del personale dell'UE.

Cosi come chiediamo a tutti i cittadini europei di firmare e condividere questa petizione, anche noi chiediamo a tutti i dipendenti delle istituzioni europee che condividono le nostre preoccupazioni, qualunque sia il loro status, a farci sapere che sostengono questa petizione (l'identità dei dipendenti rimarrà rigorosamente anonima), e, eventualmente, a unirsi al nostro collettivo, di cui l'identità dei  membri rimarrà rigorosamente anonima, contattandoci EUemployees@gmail.com per lanciare nuove misure per facilitare la riconciliazione tra l'Unione europea e i suoi cittadini.

Bruxelles, 11 Luglio 2016

Un gruppo spontaneo di dipendenti delle istituzioni europee

Questa petizione sarà consegnata entro la fine di settembre 2016 al:

Commissione europea

Il presidente Jean-Claude Juncker

Consiglio europeo

Il Presidente Donald Tusk

Parlamento europeo

Il presidente Martin Schulz

[1] http://www.goldmansachs.com/media-relations/press-releases/current/jose-manuel-barroso-appointed.html

Petizione in inglese

Petizione in francese

Petizione in tedesco

Petizione in spagnolo

Comunicato di stampa:

 



Today: EU is counting on you

EU employees needs your help with “Jean-Claude Juncker: Per forti misure esemplari da adottare contro JM Barroso per l'adesione Goldman Sachs”. Join EU and 153,272 supporters today.