Viadotto Morandi: No alla demolizione precipitosa, Sì alla valutazione Costi-benefici

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


I seguenti sottoscritti aderiscono alla richiesta di non procedere all’abbattimento del Viadotto sul Polcevera  senza aver precedentemente proceduto a una valutazione Costi-Benefici. Si tratta di valutare dai punto di vista estetico, simbolico, ecosistemico, viabilistico ed economico le soluzioni alternative. In particolare è assolutamente indispensabile valutare in questo quadro la possibilità tecnica di un "retrofitting" e cioè di un rafforzamento delle strutture esistenti e di una messa in opera di “protesi” temporanea o definitiva per la parte tragicamente crollata il 14 agosto. Tutto ciò come evidenziato da più parti e in particolare dall’Istituto Internazionale per lo Sviluppo Sostenibile- WTC E.L. - Global Compact Milano, che sta procedendo contemporaneamente ad un Appello alle Autorità nazionali ed internazionali in questa direzione.


Le contro deduzioni ampie e articolate che riguardano un insieme di fattori - dalla formazione di una Commissione ministeriale in cui sono state evidenziate dalla stampa diverse criticità, alla giustificazione della demolizione dell'intero viadotto per la "corrosione", della pila 10 sopravvissuta al crollo, quando è ampiamente condiviso che la principale ragione della catastrofe sia stata la rottura di un tirante per il procrastinarsi dei lavori di consolidamento non realizzati in tempo e ancora altre motivazioni sono disponibili a partire da questo indirizzo internet .


Tutto questo in attesa di specifiche Analisi Costi-Benefici anche per non privare precipitosamente l’Italia di un capolavoro  dell’ingegneria mondiale e di un simbolo di fiducia ed ottimismo per il futuro che il Viadotto di  Morandi sul Polcevera ha rappresentato per i genovesi e per chi arrivava ad una città italiana tra le più importanti: culla dei più grandi successi del nostro paese in tutti i campi della attività umana.


Hanno contribuito alla redazione di questo appello e sono tra i primi firmatari ingeneri e architetti, docenti, uomini di cultura, cittadini tra i quali Giacinto Musicco, Antonella Greco, Massimo Pica Ciamarra,  Antoine Predock, Vincenzo Latina, Giovanni Vaccarini, Gianluca Peluffo, Maurizio Carta, Patrizia Mello, Renzo Lecardane, Barbara D’Aumiller, Besnik IJ. Aliaj, Sarapatrizia Tortoriello, Sandro Lazier, Renato Capozzi, Gianfranco F. Tuzzolino, Raffaele Cascone, Emanuele Piccardo,  Zeila Tesoriere ..e ancora altri che per motivi di urgenza non sono potuti essere citati. Il promotore della petizione, prof. Antonino Saggio, "Sapienza" Università di Roma, se ne scusa.



Oggi: Antonino conta su di te

Antonino Saggio ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Giuseppe Conte: Viadotto Morandi: No alla demolizione precipitosa, Sì alla valutazione Costi-benefici". Unisciti con Antonino ed 1.662 sostenitori più oggi.