Petitioning Governo. Media. Sindacati. Forze sociali.

Chiediamo il riconoscimento della valenza strategica della creatività. Per il rilancio del Paese. #rivoluzionecreativa

In Italia sono 2 milioni i professionisti che operano in tutti gli ambiti delle professioni creative. Non hanno un nome definito, possiedono alti livelli di formazione, sono ignorati da governo e istituzioni, ma producono il 5,8% del nostro Pil (80,8 miliardi di euro - rapporto 2013 Unioncamere/Fondazione Symbola). Più dell’industria automobilistica, più di Umbria, Liguria e Abruzzo insieme. Stiamo parlando di creativi per comunicazione, pubblicità, eventi e web: copywriter, art director, grafici, programmatori e sviluppatori. Ma anche di chi opera per moda, arti, spettacolo, industria, cultura, editoria, media, entertainment. Designer, autori, sceneggiatori, registi, scrittori, giornalisti, blogger, video-maker, editori. Artisti, fotografi, architetti. E poi stilisti, scenografi, coreografi, costumisti, montatori, compositori, illustratori, traduttori, curatori, ricercatori, artigiani di ricerca... Esponenti di nuovi linguaggi e di quelle "professioni creative" che caratterizzano la nostra identità culturale e il made in Italy. Non sono identificati, tutelati, ascoltati, valorizzati. Non hanno rappresentanza politica, mediatica, sindacale. Non sono mai stati coinvolti nei processi consultivi e decisionali. Ora hanno difficoltà a continuare l’attività o a difendere le proprie imprese. Eppure creatività, ricerca tecnologica, arti e culture giovanili rappresentano il futuro del Paese.

Chiediamo il riconoscimento  della valenza strategica di creatività e ricerca tecnologica per il rilancio del Paese. Con l’impegno di Governo e forze politiche a individuare iniziative a sostegno, riformulando diritto d’autore e tutela delle idee. Con l'impegno dei creativi a aumentare la partecipazione alla vita sociale e politica. Una valorizzazone di tutto il settore, ignorato dal Jobs Act.

Alcune cose possono essere fatte subito. Questi i 20 punti:

TUTELA DEL LAVORO CREATIVO

 1 - Creazione di forme contrattuali innovative che tengano conto della specificità delle professioni creative e della loro valenza strategica.

2 - Sostegno alle donne, tutela della maternità, contributi alle famiglie.

3 - Garanzia di tempi e modalità di pagamento per professionisti e free lance con accesso gratuito a un Collegio Arbitrale di Conciliazione, gestito dal Sistema Camerale.

 4 - Istituzione di un Fondo di Solidarietà, inserito nel contratto o contestuale alla prestazione d'opera, per aiutare professionisti in difficoltà e il reinserimento nel mondo del lavoro degli over 45.

5 - Collocamento obbligatorio per prestazione d'opera, consulenza, dir. creativa, con accesso a indennità di disoccupazione e riconoscimento dell’attività creativa nel diritto d’autore, con ritenute al 75% del reddito, come avviene per nella "cessione dei diritti".

6 - Riformulazione del quadro RL della Dich. dei Redditi e dei relativi studi di settore, con deduzione di attività culturali e di studio, con modifica dei coefficienti di calcolo previdenziali previsti dalla gestione separata Inps.

7 - Riforma della Legge n. 4 del 14/12/2013 “disposizioni in materia di professioni non organizzate” che ignora le specificità delle attività creative e la continua trasformazione delle professionalità.

 

GIOVANI, FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

8 - Riformulazione dell’apprendistato, regolazione del sistema stage.

9 - Finanziamenti di Start Up e Prestito d'Onore e alta formazione. Riduzioni fiscali e incentivi per start up, under 30, factory, realtà collettive. 

10 - Agevolazioni bancarie per mutui e fidi, con IVA ridotta per acquisto di attrezzature e tecnologia funzionali a avviare professioni creative.

11 - Sostegno economico per il consumo di beni e attività culturali, soggiorni di studio e aggiornamento professionale (fondi l.388/2000).

 

SOSTEGNO ALLE IMPRESE DELLA CREATIVITÀ

12 - Regolazione del Sistema Gare, rimborsi di partecipazione e riconoscimento della voce "creatività" nei formulari. Obbligo per le PA di inserire nelle giurie, professionisti operativi nelle aree in oggetto.

13 – Detrazione per ricerca e sperimentazione. E incentivi per stage, apprendistato e assunzioni nell'area creativa.

14 - Ammortizzatori sociali anche per aziende prive dei minimali per accedere a cassa integrazione o mobilità.

15 - Agevolazione fiscale per "cessione del diritto d'autore" per chi svolge attività creativa.

 

TUTELA DEL DIRITTO D'AUTORE

16 - Allargamento del Diritto d'Autore a nuove categorie, forme espressive e tecnologie. Per ridurre disparità di trattamento che non tengono conto dei continui cambiamenti tecnologici e sociali.

17 - Adeguamento legislativo e di indirizzo del concetto di "idea software" e "brevetto astratto": concetti oggi privi di rilevanza e tutela giuridica.

18 - Nuove modalità di deposito/data certa, per permettere a chiunque di accedere a sistemi di deposito. Liberi di applicare il diritto d’autore o di poterla offrire in modalità free-software, mantenendone la “paternità”.

19 - Riformulazione e codifica del Diritto d'Autore per creatività commerciali (comunicazione, eventi, spettacolo, web, editoria) alla luce della sentenza Bertotti contro Fiat (n.3508 del 2011 Trib.Torino), che ha riconosciuto la proprietà intellettuale della comunicazione pubblicitaria.

20 - Riforma/sostituzione della SIAE con un nuovo soggetto di tutela. O possibilità, come avviene in altre nazioni, di attivare più organismi di gestione, riscossione e promozione delle attività creative.

Informazioni e approfondimenti su www.creativi.eu

raggiungete il gruppo facebook https://www.facebook.com/pages/Rivoluzionecreativa/131617593609057

Primi firmatari

Pasquale Barbella, scrittore - Gregorio Paolini - autore e produttore televisivo - Massimo Guastini, creativo e presidente ADCI - Alessandro Rimassa, storyteller  - Giovanna Koch, sceneggiatrice Writer Guild Italia - Lele Panzeri, creativo - Donato Carrisi, scrittore - Pablo Echaurren, artista - Pasquale Diaferia, copywriter - Mirko Pallera, branding strategist - Walter Rolfo, mago e imprenditore - Mario Pischedda, artista visuale, regista e poeta  - Carlo Simonetti, art director - Stefano Coffa, imprenditore - Claudio Conti, video maker - Alessandro Pongan, set designer - Patrizia Boglione, visual blogger - Gabriele Marconi, scrittore - Giovanni Pinna, lighting designer - Lola Lustrini, performer burlesque - Francesco Muzzopappa, autore - Giorgio Farina, giornalista free lance - Alessandro Ingusci, art director - Luca Salvi, tecnologo - Riccardo Cimino, musicista - Jonathan Sabbadiini, 3D artist - Laccio, creativo - Francesca Fini, new media artist - Edoardo Arslan, designer - Alessandra Lanza, comunicazione, già pres. Consulta Eventi Assocom - Marco Ricco Pintos, produttore di progetti - Paola Manfroni, direttore creativo - Stephen Natanson, documentarista - Clara Tosi Pamphili, giornalista, storica della moda e del costume - Gianluca Marziani, curatore di arte contemporanea - Roberto Ottolino, autore pubblicitario - Giancarlo Soldi, regista irregolare - Petra Loreggian, speaker radiofonica - Antonio Parente, fireworks designer - Karim Bartoletti, manager creativo - Massimo Gaudioso, sceneggiatore - Frank Stahlberg, art director - Franco De Vecchis, grafico - Maurizio Fiduci, art director - Gregorio Pampinella, art maker - Daniela Bianchi, programmatore - Lorenzo Guarnera, creative strategist - Luigi Vernieri, art director Stefania Casini, regista e giornalista - Sabina Minutillo, manager della creatività - Davide Dormino, scultore - Claudio Arrigoni, giornalista - Andrea Amara, stylist - Gianluca Falletta, immagineer - Florian Boje, production designer - Antonio Barrella, fotografo - Laura Grazioli, copywriter - Andrea Regazzo, art director - Noemi De Santis, web strategist - Francesca Marchi, Comunicazione e PR - Valeria Campo, regista e docente di performance - Ivan Manzoni, coreografo - François Zille, creativo & imprenditore - Andrea Celi, creativo e autore di fake book - Giuliana Di Barbora, consulente pubblicitaria  - Kevin Reggiani, ricercatore - Francesca Arcuri, creativa ed event planner - Gilles Morange, imprenditore e creativo - Fabrizia Marchi, pubblicitaria - Gianluca Greco, regista - Rosella Recchia, coolhunter e creativa - Daniele Lo Faro, creativo - Alessandro Piccioni, graphic designer - Giulia Accatino, blogger - Tiberio Boido, regista - Michele Mariani, web specialist, hacker pentito - Giuseppina Frassino, gallerista - Maria Grazia Mazzitelli, editore - Alberto Rossi, Hair Sylist - Flavio Garozzo, compositore

#RIVOLUZIONECREATIVA
C'est une Révolte?» «Non, Sire, c'est une révolution» Luigi XVI e il duca di Liancourt alla notizia della caduta della Bastiglia.

Letter to
Governo. Media. Sindacati. Forze sociali.
Chiediamo il riconoscimento della valenza strategica
di creatività e ricerca tecnologica per il rilancio del Paese.
#rivoluzionecreativa