Antartide: Base Bove, Sito Storico!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


CQ, CQ, CQ YL and OM! Please, sign The International Petition to give an HSMs (Historic Sites and Monuments) status to the ruins of the first italian scientific station in Antarctica, called 'Giacomo Bove Station' (GBS). The Base was built by Renato Cepparo (I2VZP) on January 1976 and destroyed by the Argentine Navy on September 1976.  The goal and high significance is this: save the historic memory, underline the importance of respecting the Antarctic Treaty and stop the international indifference. Thank you, de Julius IV3CCT for II3BOVE (WAP - 271) in honor of I1SR MM (Mobile Marittimo). If you sign, the probability to receive a rare and special QSL after the DXpedition, will increase :) Please, give us a chance to win, thank you! Spread the word, please.

                                            *   *   *   *   *   *   *

Sostieni la candidatura del sito storico con un clic e passa parola!

La Base Giacomo Bove, imbarcata a Trieste, è stata eretta in Penisola Antartica dal Cav. Renato Cepparo nel 1976 e donata al governo italiano. Poco dopo la costruzione, la prima base scientifica italiana in Antartide è stata distrutta dalla Marina Militare argentina. Il sito è strategico, di pregio ambientale, ma lasciato nell'incuria e nell'abbandono. L’episodio è volutamente dimenticato (damnatio memoriae) e Cepparo messo al bando, invece d’esser insignito del titolo di Pater Patriae. È un’offesa per tutto il popolo italiano che la vicenda sia ancora ignorata dopo 42 anni. Con questa petizione Chiediamo che il governo italiano valuti di proporre la “Istituzione del Primo Sito Storico italiano in Antartide”, affinché sia preservata la memoria della presenza storica italiana in un’area strategica e di pregio, gestita da soli 5 (cinque) altri paesi. Ciò accrescerebbe il prestigio e l’influenza dell’Italia in campo internazionale, favorendo le cooperazioni scientifiche e, soprattutto, restituirebbe ai connazionali l’orgoglio d’essere italiani. Le autorità italiane ed argentine non rilasciano i documenti storci. L'Argentina, in particolare, non rivela dove siano nascosti i resti della Base che sarebbero ancora in un Container a Buenos Aires. Con l'istituzione del sito, si attuerebbe, dunque, l’istituto del FOIA (Freedom Of Information Act) calpestato dai funzionari preposti, con la complicità dei paesi aderenti al Trattato Antartico che, pur essendo informati, si girano dall’altra parte.

LA SOLUZIONE. Per realizzare il progetto, basterebbe che il Ministero degli Affari Esteri inviasse un'email (una proposta già redatta dall'Ass. cult. Adri-Antartica, in inglese) al Trattato Antartico (ATCM).

Contatto:  j.fabbri@virgilio.it - Passaparola, grazie.

http://giacomobovestation.blogspot.it/2017/10/petizione-base-bove-sito-storico.html

 



Oggi: Julius conta su di te

Julius Fabbri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "bove". Unisciti con Julius ed 211 sostenitori più oggi.