Pretendere che Amazon Paghi (#MakeAmazonPay)

0 have signed. Let’s get to 50,000!


Amazon è una delle società più potenti del pianeta, guidata dalla persona più ricca del mondo, l’amministratore delegato Jeff Bezos.  La pandemia da COVID-19 ha rivelato come Amazon ponga i profitti al di sopra dei lavoratori, della comunità e del nostro pianeta.

Durante la pandemia di Covid-19, Amazon è diventata una multinazionale da trilioni di dollari, e Bezos la prima persona nella storia ad accumulare 200 miliardi di dollari di ricchezza personale. Nel frattempo i magazzinieri di Amazon hanno rischiato la vita come lavoratori essenziali e hanno ricevuto solo per un breve periodo un aumento di salario.

Con l'espansione dell'impero Amazon sono aumentate anche le sue emissioni di carbonio, superiori a quelle dei due terzi di tutti i paesi del mondo. Le attività di consegna e di cloud computing [nuvola informatica] in continua crescita di Amazon stanno accelerando la crisi climatica globale.

Come per tutte le grandi multinazionali, il successo di Amazon sarebbe impossibile senza gli enti pubblici che i cittadini hanno costruito insieme nel corso delle generazioni. Succede tuttavia che la multinazionale, invece di restituire alle comunità che l'hanno aiutata a crescere, le affama con un gettito fiscale irrisorio, beffandosi degli sforzi per combattere l’evasione fiscale. Nel 2019 Amazon ha pagato solo l'1,2% di tasse negli Stati Uniti, il paese in cui ha sede, rispetto allo 0% dei due anni precedenti.

Amazon non é l’unica multinazionale che pratica questi metodi ma rappresenta un nodo cruciale di questo sistema fallito causa di disuguaglianza, collasso climatico e decadenza democratica.

La pandemia ha rivelato come Amazon metta il profitto davanti ai suoi lavoratori, alla società e al pianeta. Amazon prende troppo e restituisce troppo poco. È il momento di Pretendere che Amazon Paghi.

Siamo lavoratori, attivisti e cittadini di tutto il mondo che si uniscono per Pretendere che Amazon Paghi i lavoratori in modo equo, per il suo l’impatto sull'ambiente e le tasse in modo equo.

Chiediamo ad Amazon di modificare le sue politiche e ai governi di cambiare le loro leggi per:

1. Migliorare il posto di lavoro:

- aumentando il salario dei lavoratori in tutti i magazzini di Amazon fino a un salario equo;

- negoziando tempi di pausa adeguati per garantire la sicurezza dei lavoratori;

- sospendendo il duro regime di produttività e sorveglianza di Amazon, utilizzato per spremere i lavoratori, che viola i loro diritti e mette a rischio la loro sicurezza;

- estendendo il congedo per malattia retribuito a tutti i lavoratori di Amazon, in modo che nessun lavoratore debba mai scegliere tra salute o lavoro;

- permettendo ai lavoratori nei centri senza rappresentanti dei lavoratori di eleggere autonomamente le commissioni alla salute e alla sicurezza che dialoghino con Amazon per assicurare un ambiente di lavoro sicuro ed evitare che verifichino incidenti;

- divulgando il protocollo aziendale per il monitoraggio e la segnalazione dei casi di COVID-19, nonché gli elenchi aggiornati dei casi di infezione e morte tra i lavoratori divisi per magazzino.

2. Garantire sicurezza sul lavoro a tutti:

- ponendo fine a tutte le forme di lavoro occasionale e di lavoro autonomo fittizio o tramite contratti di appalto di manodopera;

- stabilendo procedure dignitose e trasparenti attraverso le quali i lavoratori possano esprimere preoccupazioni e critiche senza timore di ritorsioni;

- reintegrando immediatamente tutti i lavoratori licenziati per aver parlato di questioni inerenti la salute e la sicurezza dei lavoratori e dei clienti di Amazon; o per aver provato a organizzare sindacalmente i colleghi di lavoro; o a causa di un rafforzamento selettivo delle politiche interne.

3. Rispettare i diritti universali dei lavoratori:

- ponendo fine alla caccia ai sindacati e rispettando il diritto dei lavoratori a organizzarsi e dei sindacati a promuovere gli interessi dei lavoratori;

- permettendo ai sindacati di accedere ai centri Amazon per informare i lavoratori sui vantaggi dell’affiliazione sindacale, in modo che tutti i lavoratori possano scegliere liberamente se iscriversi ad un sindacato senza paura di rappresaglie;

- negoziando con i sindacati ovunque siano presenti al fine di raggiungere accordi collettivi sulle condizioni d’impiego dei lavoratori in Amazon;

- garantendo i diritti dei lavoratori ad ogni livello della catena di approvvigionamento di Amazon;

- condividendo il potere decisionale con i lavoratori, ad esempio accogliendo rappresentanti dei lavoratori eletti dai loro colleghi a diversi livelli dirigenziali e aumentando le opzioni per i lavoratori di ricevere non solo azioni della società, ma anche diritto di voto, in modo che l'azienda si muova verso un modello di gestione democratica.

4. Agire in modo sostenibile:

- impegnandosi a risurre le emissioni pari a zero entro il 2030;

- terminando tutti i contratti ad hoc di Amazon Web Services con le industrie estrattive che aumentano il rischio di catastrofi climatiche;

- ponendo fine al razzismo ambientale, senza dimenticare di passare all’uso di veicoli elettrici iniziando dalle zone più colpite dall'inquinamento che Amazon stesso produce;

- fermando tutte le sponsorizzazioni a enti che negano il cambiamento climatico;

- coinvolgere i lavoratori, che hanno il diritto di sapere come il loro datore di lavoro opererà per la sostenibilità, attraverso una giusta transizione.

5. Ripagare la comunità:

- pagando le tasse per intero e nei paesi in cui si svolge l'attività economica reale, ponendo fine agli abusi fiscali attraverso il trasferimento degli utili, le scappatoie e l'uso dei paradisi fiscali, fornendo piena trasparenza fiscale;

- cessando le pratiche commerciali anti-concorrenziali che portano a situazioni di mercato monopolistiche;

- ponendo fine agli accordi con le forze di polizia e le autorità di controllo dell’immigrazione istituzionalmente razziste;

- garantire la trasparenza sulla privacy e sull'uso dei dati dei consumatori per le applicazioni e i software prodotti o venduti da Amazon, inclusi i dispositivi Alexa / Echo, lo streaming e i servizi cloud;

- fermando lo studio, lo sviluppo e la vendita di dispositivi e software che amplificano le pratiche di sorveglianza di massa, quali Amazon Ring e programmi di riconoscimento facciale/biometrica come Rekognition.