Decision Maker

Dario Nardella

  • Sindaco di Firenze

Dario Nardella è un politico italiano, sindaco di Firenze dal 26 maggio 2014 ed ex deputato per il Partito Democratico.


Does Dario Nardella have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Victory
Petitioning Dario Nardella, Mayor Dario Nardella

[Campaign Closed]Tell Friendship City, Jeonju,Korea, That We’re Opposed to Torture of Dogs

[July 29, 2018 - Campaign Closed] Click here for the latest update on this campaign: http://koreandogs.org/jeonju-animal-welfare-master-plan/ For more actions you can take please visit: http://koreandogs.org/friendship-city-campaign-jeonju-south-korea-florence-italy/ Mayor Dario Nardella of Florence: Tell Friendship City, Jeonju, South Korea, That We’re Opposed to the Torture and Consumption of Dogs and Cats. Dario Nardella, sindaco di Firenze, Italia: dica alla città amica di Jeonju, Corea del Sud, che ci opponiamo alla tortura e consumo di cani e gatti. (Scroll down for the full Italian translation) Florence has become Friendship City with Jeonju, South Korea.  This relationship was no doubt formed in the spirit of friendship and for your mutual benefit, for business links and trade etc.  And, while Florence would have expected to learn about the differences in cultural practices of the Jeonju citizens, we feel certain that the your city would have hesitated to form such a Friendship City relationship had your city known about the aberrant and cruel practices routinely carried out in the dog and cat meat trades in Jeonju and all over South Korea.  Lucrative, but illegal trades which carry on unchallenged: with no enforcement of the laws and no punishment for those violating them. South Korea is the home to global companies, such as Hyundai, Kia, Samsung, LG, Daewoo, SK and POSCO, which is why it is so shocking that an estimated 2.5 million dogs are tortured and slaughtered every year within South Korea, because of the greed of dog eaters and the dog meat industry; while the majority of those Koreans, who don’t actually participate in this offensive trade, show a profound indifference by doing nothing at all to stop it. We know how loyal and faithful our dogs across the world are; and we all ask a lot of them - they serve us in innumerable ways: farm work, war work, police and guard duties, search and rescue, help for the disabled, guiding and guardianship, and, of course, as our loving and trusting companions. Dogs were first domesticated many thousands of years ago, and so much do they want to be part of our ‘human’ family that they have learned to understand our gestures and our language - the language of another species, which shows remarkable willingness and intelligence. Jeonju is one of the largest dog meat consumption areas in South Korea. If you have ever wondered what hell would be like, just visit the dog slaughterhouses, markets and restaurants scattered all throughout Jeonju. There are countless dog slaughterhouses, markets and restaurants where the dogs, who are tortured their entire lives, end up being slaughtered in the most inhumane ways, such as by electrocution, hanging or beating; and then thrown into boiling water – sometimes while they are still alive. In many places, dogs are being killed in full view of other terrified, caged dogs; and this takes place in public and in broad daylight. In addition, many abandoned and stolen former pets end up in this industry, and are subjected to the same cruelty. There are laws in South Korea against selling dogs and cats for consumption yet these laws are blatantly ignored. Please watch this undercover video by animal rights activists in South Korea:  http://youtu.be/3uR8R8Mu70Q Please inform Jeonju Mayor Seung-Su Kim that citizens of Florence and their friends insist that they issue an official document mandating that the following existing laws be enforced: Unauthorized processing of food waste fed to dogs in the meat trade is a violation of Wastes Control Act, Article 15-2, Article 25, Section 3.  Suppliers of food waste and transporters of food waste to dog meat farms are violating this regulation. Food waste fed to dogs in the dog meat trade is a violation of Control of Livestock and Fish Feed Act, Article 14, Section 1 & 2.  Unauthorized collection of food waste and the act of feeding it to dogs in the meat trade is in violation of this regulation. Excrement and resulting environmental damage produced as a by-product of the illegal dog meat farm is a violation of Act on the Management and Use of Livestock Excreta Article 11.  The excrement produced at dog meat farms causes environmental damage to the immediate and surrounding area. The act of slaughtering of dogs for human consumption is a violation of Animal Protection Act Article 8, Section 1, Clause 4. The act of slaughtering of a dog, without a justifiable ground – such as out of necessity for veterinary treatment, or in circumstances of immediate threat, harm or damage to human life or property, is a violation. The slaughter of dogs by electrocution is a violation of Animal Protection Act, Article 8, Section 1, Clause 1.  Inflicting injury or death to any animal by the following means: battery by tools, exposure to drugs, exposure to extreme heat or fire, electrocution and drowning is subject to legal punishment. Therefore, the routine slaughter of dogs by butchers and farmers by these methods is in violation of the Act. Further, electrocution as a method of slaughter is internationally recognized as an inherently cruel method of slaughter and banned globally. Slaughter of dogs from unauthorized slaughterhouse is a violation of Livestock Products Sanitary Control Act, Article 7 Section 1.  The Livestock Products Sanitary Control Act, states that dogs are officially recognized and classified as “animals” that are “prohibited from being slaughtered and distributed as food for human consumption”. Therefore, those vendors operating dog slaughterhouses are operating outside of the parameters of the law and in violation of the law. Slaughter of dogs for his/her own consumption is a violation of Animal Protection Act, Article 10.  The intent of the Act is to ensure that no animal is slaughtered in a cruel or revolting manner, and shall be free from unnecessary pain, fear, or stress during the process of slaughter. Therefore, only humane way of slaughtering dogs would be by euthanasia (lethal injection). All currently practiced methods of slaughter by butchers, farmers and traders excludes euthanasia as a method of slaughter, therefore they are all in breach of this Act.  This is also a violation of Livestock Products Sanitary Control Act Article 7 Section 1 Clause 2.  According to the Livestock Products Sanitary Control Act, slaughter of animals for his/her own consumption is allowed only for the livestock animals that are publically announced as classification of livestock in the Livestock Products Sanitary Control Act and dogs are not classified here. Display and sale of dog carcass in traditional outdoor markets is a violation of Food Sanitation Act, Article 4, 5.  Violation of laws banning sale of harmful food due to the contamination from unsanitary and illegal slaughter of the animal and display of the dog carcass. For example, dog carcass are routinely contaminated by microorganisms that cause human diseases and food poisoning which can lead to serious and life threatening health complications.  There are also strict laws which ban the sale of meat from sick animals, due to the fact that there is no quality control or formal monitoring of slaughter practices in the dog meat trade it is very likely that violation of these laws is happening routinely. Dog meat restaurants’ sale of dog meat soup made with dog carcass from an unknown source is a violation of Food Sanitation Act Article 44 Section 1 Clause 1. Uninspected livestock products must not be transported, stored, displayed, sold or used for manufacturing or processing of food for human consumption. Please refer to the legal information regarding the dog meat consumption in South Korea published by KARA (Korea Animal Rights Advocates):  http://koreandogs.org/kara-publishes-legal-information-booklet-ending-dog-meat-consumption/ We believe these demands are in line with the goal of Friendship cities to establish friendly communications in the areas of tourism, commerce, cultural exchange and public health. International coverage of the brutal dog and cat meat trade in South Korea has stained Jeonju, South Korea’s image and severely tarnished your city’s Friendship city relationship. The time to end this tragedy is now. The favor of your reply is requested. Thank you for taking swift action! -------------------------------------------------------------------- Dario Nardella, sindaco di Firenze, Italia: dica alla città amica di Jeonju, Corea del Sud, che ci opponiamo alla tortura e consumo di cani e gatti. Città di Firenze, e’ necessario rendervi consapevoli dell' illegale ed immorale commercio della carne di cane e gatto, problematica da considerare nell'ambito del vostro patto di amicizia sottoscritto con la città di Jeongju,  in Sud Corea. Vi chiediamo di agire, dare il buon esempio, e lavorare con noi per poter mettere fine a tutto questo. La Corea del Sud è la sede di aziende globali, come Hyundai, Kia, Samsung, LG, Daewoo, SK e POSCO, motivo per cui è davvero scioccante il fatto che un numero stimato di 2,5 milioni di cani venga torturato e macellato ogni anno in questo paese per l'avidità dei consumatori e dell'industria della carne di cane mentre la maggior parte di questi ultimi, che non partecipa fattivamente a questo commercio offensivo, mostra una profonda indifferenza e non interviene per fermare questa vergogna. Sappiamo quanto siano leali e fedeli i cani di tutto il mondo, e proprio per questo chiediamo loro molto. Ci aiutano in innumerevoli modi: in fattoria, in guerra, in polizia e nel servizio di guardia, nella ricerca e nel salvataggio, nell'aiuto ai disabili, nella guida e nella difesa, e, naturalmente, come compagni amorevoli e fidati. I primi cani sono stati addomesticati molte migliaia di anni fa, ed è tale e tanta la loro voglia di far parte della famiglia ‘umana’ che hanno imparato a capire i nostri gesti e la nostra lingua: la lingua di un'altra specie, segno quindi di una notevole prontezza ed intelligenza. Jeonju conta innumerevoli allevamenti di cani, macelli, mercati e ristoranti in cui i cani, torturati per tutta la vita, finiscono per essere macellati nei modi più inumani, quali l'elettrocuzione, l'impiccagione o le percosse, e poi buttati in acqua bollente, spesso ancora vivi. In molte località, i cani vengono uccisi davanti ad altri cani rinchiusi in gabbia e terrorizzati, e tutto questo all'aperto e alla luce del giorno. Inoltre, molti animali domestici, rubati e abbandonati, finiscono vittime di questo commercio, e sono soggetti alla stessa crudeltà. Le chiediamo di guardare questo video effettuato sotto copertura da alcuni attivisti per i diritti degli animali in Corea del Sud: http://youtu.be/3uR8R8Mu70Q La Corea del Sud ha sì emanato leggi contro la vendita di cani e gatti per il consumo umano delle loro carni, tuttavia queste vengono costantemente e manifestamente ignorate. Le chiediamo di invitare il Sindaco di Jeongju, Seung-Su Kim ad agire, e di affermare che Firenze ed i suoi cittadini chiedono che Jeongju  emetta un documento ufficiale in cui si richiede il rafforzamento da parte del governo, della polizia e della magistratura delle seguenti leggi vigenti in Corea del Sud: La lavorazione non autorizzata dei rifiuti alimentari somministrati ai cani coinvolti nel commercio della loro carne rappresenta una violazione dell'art. 15-2 e dell'art. 25, § 3 della legge sudcoreana sulla gestione dei rifiuti. I fornitori e i trasportatori di rifiuti alimentari destinati agli allevamenti di cani violano questa legge. La somministrazione di rifiuti alimentari ai cani coinvolti nel commercio della loro carne rappresenta una violazione dell'art. 14, §§ 1 e 2 della legge sudcoreana sulla gestione dell'alimentazione del bestiame e della fauna ittica. La raccolta non autorizzata di rifiuti alimentari e la relativa somministrazione ai cani coinvolti nel commercio della loro carne violano questa legge. Gli escrementi e i danni ambientali risultanti, quali sottoprodotti degli allevamenti illegali di cani rappresentano una violazione dell'art. 11 della legge sudcoreana sulla gestione e l'impiego degli escrementi del bestiame. Gli escrementi prodotti negli allevamenti di cani causano danni ambientali nell'area in cui si trova l'allevamento e nelle immediate vicinanze. L'attività di macellazione dei cani per il consumo umano delle loro carni rappresenta una violazione dell'art. 8, § 1, clausola 4 della legge sudcoreana sulla protezione degli animali. L'uccisione di un cane senza giustificabile motivo – quindi al di là della necessità dovuta ad un trattamento veterinario, o a circostanze di minaccia, pericolo o danno immediati per la vita umana o per la proprietà, è una violazione di questa legge. La macellazione dei cani mediante elettrocuzione rappresenta una violazione dell'art. 8, § 1, clausola 1 della legge sudcoreana sulla protezione degli animali. Chi provoca lesioni o la morte a un animale con i seguenti mezzi: percosse, esposizione a droghe, esposizione a calore estremo o al fuoco, elettrocuzione o annegamento è condannato ad una pena. Pertanto, l'abituale macellazione dei cani da parte di macellai e allevatori con questi metodi rappresenta una violazione di questa legge. Inoltre, l'elettrocuzione adottata come pratica di macellazione è riconosciuta a livello internazionale come metodo intrinsecamente crudele, ed è quindi proibita in tutto il mondo. La macellazione dei cani in macelli non autorizzati è una violazione dell'art. 7 § 1 della legge sudcoreana sul controllo sanitario dei prodotti provenienti da bestiame. Questa legge afferma che i cani sono ufficialmente riconosciuti e classificati come “animali la cui macellazione e distribuzione sotto forma di cibo per il consumo umano è proibita”. Per questo motivo, coloro che gestiscono i macelli per cani operano al di fuori dei parametri della legge e in violazione della stessa. La macellazione dei cani ai fini del consumo delle loro carni è una violazione dell'art. 10 della legge sudcoreana sulla protezione degli animali. L'intento di questa legge è garantire che gli animali non vengano macellati in maniera cruenta e disgustosa, né provando dolore, paura o stress inutili durante la macellazione. L'unica modalità umana per macellare i cani sarebbe quindi l'eutanasia (iniezione letale). Tutti i metodi di macellazione correntemente praticati da macellai, allevatori e commercianti escludono l'eutanasia, per cui essi violano tutti questa legge. Ciò rappresenta anche una violazione dell'art. 7 § 1 clausola 2 della legge sudcoreana sul controllo sanitario dei prodotti provenienti da bestiame. Secondo questa legge infatti, la macellazione per il consumo umano è consentita solamente per gli animali ufficialmente definiti e classificati come bestiame ai sensi della legge sudcoreana sul controllo sanitario dei prodotti provenienti da bestiame, e i cani non sono compresi in tale definizione. L'esposizione e la vendita delle carcasse di cane nei mercati tradizionali all'aperto rappresentano una violazione degli artt. 4, 5 della legge sudcoreana sull'igiene alimentare. Vengono inoltre violate le leggi che proibiscono la vendita di cibo nocivo per contaminazione dovuto ad una macellazione insalubre e illegale dell'animale, e all'esposizione della relativa carcassa. Ad esempio, le carcasse dei cani sono di norma contaminate da microorganismi che provocano l'insorgenza di malattie e avvelenamento da cibo, con conseguente rischio di complicazioni gravi e pericolose. La Corea del Sud vanta inoltre leggi severe che proibiscono la vendita della carne di animali malati, in quanto questa non è soggetta a controlli di qualità o a monitoraggi formali delle pratiche di macellazione; nel commercio della carne di cane, è molto probabile che queste leggi vengano violate abitualmente. La preparazione della zuppa di carne di cane, servita presso i ristoranti che propongono abitualmente specialità di questo tipo, viene preparata con carcasse di cani di origine ignota, e rappresenta una violazione dell'art. 44, § 1 clausola 1 della legge sudcoreana sull'igiene alimentare. I prodotti ottenuti da bestiame non ispezionato non devono essere trasportati, conservati, esposti, venduti o utilizzati per la produzione o la lavorazione di alimenti per il consumo umano. La preghiamo a questo proposito di consultare le informazioni legali riguardanti il consumo della carne di cane in Corea del Sud pubblicate dai KARA (Korea Animal Rights Advocates): http://koreandogs.org/kara-publishes-legal-information-booklet-ending-dog-meat-consumption/ Crediamo che queste richieste siano in linea con lo spirito e gli obiettivi del patto d’ amicizia fra città per il consolidamento di una comunicazione cordiale nei settori del turismo, del commercio, degli scambi culturali e della salute pubblica. La copertura a livello internazionale del brutale commercio della carne di cane e di gatto effettuato in Corea del Sud ha disonorato Jeongju, l' immagine della Corea del Sud e gravemente offuscato i rapporti della città amica con la Sua. Il momento per porre fine a questa tragedia è adesso. La preghiamo gentilmente di rispondere alla presente lettera. -------------------------------------------------------------------------- To learn more about our campaign, visit: http://koreandogs.org/friendship-city-campaign-jeonju-south-korea-florence-italy/ http://koreandogs.org/

KOREANDOGS.ORG
14,183 supporters
Petitioning Luigi Di Maio, Gianna Pentenero, Virginia Raggi, Alberto Sacco, Giuseppe "Beppe" Sala, Luigi De Magistris, Michele Migliano, Dario Nardella, Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Samuele Astuti, Enrico R...

Fermate Italiaonline: licenzia 400 persone intascando maxi dividendi e soldi pubblici

Italiaonline è la società posseduta dal magnate egiziano Naguib Sawiris, nata nel giugno 2016 dalla fusione di Italiaonline e la storica Seat Pagine Gialle, che nel 2015 usciva dal concordato preventivo (ridimensionata ma con i conti a posto). Obiettivo dell’operazione: creare la più grande internet company italiana, leader nel settore della pubblicità digitale e dei servizi internet per le piccole e medie imprese. In realtà le ragioni occulte erano altre e si sono rivelate presto. Con la fusione Italiaonline è riuscita a: ·       entrare automaticamente in borsa (da sola non aveva i requisiti) perché SeatPG era già quotata ·       svuotare le casse di SeatPG con una serie di maxi dividendi agli azionisti (l’ultimo da 80 MILIONI DI EURO) e premi ai manager (7 MILIONI di bonus in azioni) ·       distruggere l’intera struttura SeatPG: a cominciare dalla rete di Agenti Commerciali che sono passati da 1300 a 700, per proseguire con le sedi dislocate sul territorio (da 104 a 63 DLS) per finire con le sedi storiche in particolare quella di Torino che minaccia di chiudere ·       buttare via tutto il patrimonio, il business e le persone ex SeatPG – dopo averne depauperato risorse e profitti – per puntare a un altro tipo di business che non pare essere la pubblicità ma la COMPRAVENDITA DI DATI ·       PRENDERE 27 MILIONI DI EURO DALLA CASSA INTEGRAZIONE (SOLDI DELLO STATO) e intascarli come utile invece di investirli nella riqualificazione (l’utile netto del 2017 ammonta infatti a 27 Mln) IL TUTTO SULLA PELLE DEI LAVORATORI. Oggi Italiaonline compie l’ultimo atto e con l’apertura ad aprile 2018 della procedura di licenziamento collettivo si prepara a: ·       LICENZIARE 400 PERSONE (248 su Torino e 152 nel resto di Italia) ·       TRASFERIRE 241 PERSONE da Torino ad Assago: trasferimenti che in realtà sono licenziamenti mascherati perché molte delle persone coinvolte (donne e madri) non potranno in ogni caso sostenere il trasferimento Tenuto conto che a livello nazionale i dipendenti di Italiaonline sono 826, di cui 242 attualmente in cigs a zero ore e 297 in cigs a rotazione, si può ben capire l’entità della strage occupazionale che l’azienda ha messo in atto con crudeltà e cinismo. FERMIAMO LA STRAGE DI LAVORATORI, IL DEPAUPERAMENTO DEL TERRITORIO PIEMONTESE E IL FURTO LEGALIZZATO DI SOLDI DELLO STATO. I lavoratori Italiaonline chiedono al Governo e alle istituzioni sostegno e responsabilità sociale, perché l’azienda RITIRI LA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO e trovi con i sindacati un accordo utile a salvare i lavoratori: CASSA INTEGRAZIONE, SOLIDARIETÀ, ACCOMPAGNAMENTO ALLA PENSIONE, RIQUALIFICAZIONE E UN FUTURO CERTO PER LA SEDE DI TORINO. Gli strumenti esistono e la macelleria sociale si può fermare.

RSU Italiaonline
12,428 supporters
Victory
Petitioning Dario Nardella

NO al Mc Donald's in Piazza Duomo a Firenze

DICIAMO NO ALL'APERTURA DI UN ALTRO MC DONALD'S IN PIAZZA DUOMO, per almeno 4 motivi: 1) LA STORIA: Piazza Duomo dal lontano 1982 è diventata patrimonio dell'Unesco. Su di essa si affacciano alcuni dei simboli più noti del Rinascimento, come la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il campanile di Giotto, il battistero, o la cupola del Brunelleschi. Non possiamo permettere che accanto a tutta questa bellezza possa ergersi indisturbata la grande insegna rossa con la M gialla.  2) LA COERENZA: Il 18 Gennaio scorso era entrato in vigore il "Regolamento Unesco per la tutela e il decoro del patrimonio culturale del centro storico", che dichiarava guerra a quelle attività commerciali che proprio a Palazzo Vecchio definivano "di bassa qualità", puntando a salvaguardare le botteghe storiche fiorentine. ll 15 Giugno inoltre, si è aggiunto addirittura un decreto proveniente direttamente dal Consiglio dei Ministri, che attribuisce ai comuni la facoltà di decidere quali esercizi potranno aprire nelle zone storiche della città, con tanto di tweet esultante di Nardella. Tuttavia, grazie ad una deroga speciale al regolamento Unesco, Mc Donald's potrà aggirare tutte queste norme, garantendo semplicemente il servizio al tavolo, una libreria e dei punti informativi. Una coerenza, questa si, davvero "di bassa qualità". 3) LA NECESSITA' : L'apertura di un altro punto vendita Mc Donald's in piazza Duomo per di più, non è assolutamente necessaria. In centro sono già presenti altri tre negozi della catena di fast-food statunitense, due alla stazione di Santa Maria Novella, e uno all'incrocio tra via Guelfa e Via Cavour. A cosa potrà mai servire un altro Mc a 200 metri di distanza da quest'ultimo? 4) IL TURISMO: Firenze è famosa in Italia e nel mondo anche per la sua tradizione culinaria, per i suoi paninari minuscoli, per le trattorie. Molti turisti vengono a visitare la città anche per mangiare bene, per godersi la bontà dei piatti tipici fiorentini. Vogliono il lampredotto, la bistecca alla fiorentina, la ribollita. Non un cheeseburger. Per tutti questi motivi diciamo ancora una volta NO  a questo scempio: Ray Croc, il fondatore di Mc Donald's, non ha le carte in regola per stare accanto ai vari Brunelleschi, Ghiberti o Giotto.                  Ferma questa vergogna, FIRMA E CONDIVIDI SU FACEBOOK!

Gabriele D'Angelo
5,639 supporters
Closed
Petitioning Dario Nardella

Dario Nardellaフィレンツェ市長殿:友好都市の韓国/全州市に犬猫の虐待と 食用に反対であると伝えて下さい!

This is Japanese translation petition for petition: Mayor Dario Nardella of Florence: Tell Friendship City, Jeonju, South Korea, That We’re Opposed to the Torture and Consumption of Dogs and Cats.  https://www.change.org/p/mayor-of-florence-tell-friendship-city-jeonju-korea-that-we-re-opposed-to-torture-consumption-of-dogs-cats Dario Nardellaフィレンツェ市長殿:友好都市の韓国/全州市に犬猫の虐待と 食用に反対であると伝えて下さい!  以下は犬肉猫肉産業根絶のために韓国全州市と友好都市のイタリアのフィレンツェに協力を要請する請願書です。署名にご協力お願いいたします。  イタリアのフィレンツェ市は、犬や猫の大量飼育と食用のための野蛮な屠殺と販売が違法であるにも関わらずそれを容認している韓国の全州市と友好都市関係を結びました。  HyundaiやKia, Samsung,  LG,  Daewoo, SK,  POSCO といった国際企業の母国でもある韓国で、犬食いの腹と犬肉猫肉取引業者の懐を充たすために毎年250万匹もの犬を人間の食用のために拷問と殺害を続けているという事実は驚くべきことです。 そしてこの野蛮な取引をやめされる為に何もしない韓国の人々が多い事も事実です。  世界中のどの犬も忠誠心と誠実さをもっていることや、農場仕事、戦場での活躍、警察や警備の任務、捜索や救助の仕事、身体障碍者の介助、道案内や救助など様々な人の要求に応えている事を誰もが知っています。そしてもちろん、信頼のおける愛すべき友です。  犬は何千年もの昔から、私達人間の家族の一員になるために私達の動作や言葉を学び、人間を理解しようとしてきました。「別の生き物」の言葉を学ぶことについては素晴らしい能力を示しています。  全州市は韓国国内でも食用の犬肉の需要が非常に高い地域です。地獄を想像してみるならば、全州市をおとずれて見て下さい。添付のビデオでは全州市のいたるところにある数えきれないほどの犬繁殖場と屠殺場、 犬肉市場、犬肉レストランの様子を見る事ができます。それらの場所では、電気ショック、頭をハンマーで殴る、首から吊るし死ぬまで殴る、喉を切る、生きたままガスバーナーで炙る、生きたまま煮えたぎる釜に放り込む等、想像を絶する非人道的な恐ろしい方法で殺すためだけに犬を繁殖し、犬はまともな世話を受ける事も無く拷問されながら生きる事を強いられています。多くは白昼に公共の場において、オリの中で怯える犬の目の前でこれらの惨劇が繰り広げられており、飼い主に捨てられたペットや飼い主から盗まれたペットも同様に無惨な最期ととげています。  犬や猫の食用のための販売を規制する法律が韓国にはありますが、ことごとく無視されています。  韓国の動物愛護活動家により撮影された隠し撮り映像をご覧ください:http://youtu.be/3uR8R8Mu70Q  全州市長のSeung-Su Kim氏に対して、 韓国は現存する以下の法律を行使する事を公式文書で発表するように姉妹都市であるフィレンツェ市と市民一同から要求して頂きたいと思います。  家畜製品衛生管理法、第2条、1項は家畜の飼育、屠殺、廃棄および畜産物の加工、分類、検査についての原則ですが、犬は食用に加工される家畜として分類されておりません。従って、犬肉産業は違法行為です。  食品衛生法、第7条、1項、食品医薬品局による韓国食品基準が明記されておりますが、食品として加工、調理する原材料のリストに犬は含まれておりません。従って、食用消費にための犬の飼育および屠殺は違法です。  動物保護法: 第3条 動物保護に関する基本原則  動物の飼育または保護に関して、以下の原則を遵守するよう努めなければならない  1確実に動物が普通の一生を送るために、その自然なふるまいと身体的な原形を維持しなければならない;.  2. 動物が飢え、渇きまたは栄養失調を患わないようにしなければならない  3 .動物が不快を経験することなく、通常のふるまいが出来るようにしなければならない  4. 動物を苦痛、怪我、病気から解放しなければならない。  5. 動物を恐怖や悲しみから解放しなければならない  第8条. 動物虐待禁止令  ①   何人たりとも以下の行為を動物に対して行ってはならない 1.首吊りなど残忍な方法で殺害する行為 2.公共の場での殺害および、動物の目の前で殺害する行為  ③ 何人たりとも遺棄または虐待された動物に対して以下の行為を行ってはならない 1.捕獲および販売または殺害する行為 2.動物が遺棄または虐待されたものだと認識しながら商いや買い入れをする行為  第9条. 動物の輸送  ①   食糧、農業、林業、漁業の各省の法令により認可された動物運搬をするいかなる者も 以下の規則を守る努力をしなければならない 1.動物に適切にエサと水を与え、急発進や急ブレーキにより衝撃を与えたり、怪我をさせたりしないよ 慎重に運転しなければならない 2.輸送に使われる車両は、輸送中の事故を防ぐ為、そして換気不良や急激な温度の変化による    苦しみを最小限に抑えるように製造されものでなければならない  4.動物を移動中に怪我させることなく、体温の急激な変化や呼吸困難などによる不快感や痛みを    最小限に抑えなければならない  第46条 罰則  ①8条1~3項に違反した者は1年以下の懲役または1000万ウォン(7000ドル)の罰金を科す  畜産安全管理法、屠殺場は登録をされた動物のみを屠殺する権利を与えられております。 犬はこの法律の下では対象になっておらず、どの屠殺場も犬を屠殺するよう認可されておりません。  国際的メディアが韓国の野蛮な犬肉猫肉産業を報じており、韓国のイメージに汚点を残すだけでなく、友好都市としての貴殿の市に対しても悪いイメージを与えることでしょう。 この悲劇を終わらせるのは今です。  お返事をお待ち申し上げるとともに迅速な対応に心より感謝いたします。 ------------------------------------------------------------------------  キャンペーンの詳細とさらなるアクションはこちらから:http://koreandogs.org/friendship-city-campaign-jeonju-south-korea-florence-italy-japanese/ 更に詳しい情報はこちらから:http://koreandogs.org/japanese/ Short link for this petition: https://goo.gl/2iqioD

KOREANDOGS.ORG
3,561 supporters