Spegni Sanremo e vai a Teatro!

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Dal 2 al 6 Marzo 2021 andrà in onda il Festival di Sanremo. La manifestazione si svolgerà a teatro, con artisti sul palco e PUBBLICO IN SALA.  Il comparto lavoratori dello spettacolo è profondamente amareggiato per questa notizia.

Siamo qui per proporre a tutti i Comuni, gli Enti, le Fondazioni, I Teatri, le Orchestre, gli artisti che possono farlo, di organizzare per la prima serata del Festival, una serie di Eventi nei Teatri delle varie città Italiane, con pubblico rigorosamente in presenza, coinvolgendo gli artisti e le compagini del territorio.

In questo modo intendiamo lanciare un messaggio forte di giustizia per il nostro settore a tutti i nostri concittadini, a tutti i nostri connazionali: vi invitiamo a spegnere la Tv e tornare, in sicurezza, nei nostri, nei VOSTRI teatri.

Dopo aver dimostrato che nei teatri è possibile portare il pubblico, pur se a capienza ridotta, grazie a tutti i dispositivi di sicurezza, controlli ecc,

dopo aver riformulato intere stagioni concertistiche, dopo aver investito nelle tecnologie di registrazione audio/video per lo streaming,

dopo incredibili sacrifici da parte di tutti i lavoratori, di tutti gli artisti, di tutti gli organizzatori,

crediamo che la presenza del pubblico durante la manifestazione televisiva "Festival di Sanremo" sia una gigantesca contraddizione e un segnale davvero negativo verso tutta la popolazione di lavoratori e fruitori dello spettacolo dal vivo, da condannare.

Crediamo che per il valore storico che il festival ha avuto e per il valore "popolare" in quanto è uno dei contesti principali presi a riferimento dallo spettatore medio in ambito musicale, il messaggio sia davvero negativo e uno schiaffo in faccia a tutto il settore dei lavoratori dello spettacolo.

Per non parlare dell'opinione pubblica, della serie: il festival è davvero importante quindi deve essere fatto con il pubblico in presenza. Non gli spettacoli alla Scala , a Venezia, a Pesaro, a Roma, a Perugia ecc ecc, di quelli si può fare a meno. 

Non esistono spettacoli di serie A e di serie B.     

Non esiste cultura di serie A e di serie B. 

Il 2 Marzo, spegnamo la Tv e torniamo a Teatro. 

Il 2 Marzo, spegnamo la Tv e organizziamo eventi nei nostri Teatri, in sicurezza, con pubblico in presenza. 

Aiutateci a realizzare questa protesta per ridare dignità al nostro settore, per far valere i nostri diritti, per permetterci di tornare a fare il nostro lavoro.

In sicurezza.

#2marzoateatro

L'associazione ArsSpaceGroup, 

per i lavoratori dello spettacolo dal vivo