Querela / presa di posizione per diffamazione e false dichiarazioni di Sportitalia

Querela / presa di posizione per diffamazione e false dichiarazioni di Sportitalia

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Tifosi del Milan Amanti del Calcio ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Tutte le persone oneste della società A.C Milan e a

La trasmissione Sportitalia sta eseguendo una campagna mediatica di diffamazione, pregiudizi privi di fondamento e false informazioni contro la società A.C Milan.

La società Milan ha scelto di non comunicare i suoi movimenti alla Stampa, il Sig. Criscitiello non ha nessun contatto con la attuale dirigenza Milan, quindi le informazioni che riporta sono false e mirate a destabilizzare la società, giocatori e staff tecnico, causando gravi danni d’immagine. 

Breve passaggio legale: Ingiuria e diffamazione

”L’ingiuria è l’offesa recata all’onore e al decoro di una persona presente quando viene proferita la frase. Se la vittima si trova altrove non si può parlare di ingiuria.

La Suprema Corte di Cassazione ha ritenuto che ci sia ingiuria nella lettera indirizzata a una professoressa dalla madre di un alunno bocciato, nella quale si affermava come l’insegnante “non fosse degna” del proprio alunno e avesse in modo consapevole evitato di tenere conto dei progressi del ragazzo. Entrambe le espressioni sono state ritenute offensive perché offendono le qualità morali e professionali dell’insegnante ritenuta non all’altezza di insegnare all’alunno e scorretta nel compiere il proprio dovere.

La diffamazione è l’offesa nei confronti della reputazione altrui commessa comunicando con altre persone, che devono essere almeno due o più di due. In questo caso di solito la vittima non è presente. Non si può avere diffamazione quando si parla male di un’altra persona con un’altra. Il reato si ha lo stesso se l’episodio si ripete in modo sistematico con altre persone, da configurare la comunicazione, anche se non contemporanea, con più soggetti.

Ad esempio:

Tizio  parla male di Caio attribuendogli dei fatti diffamanti, prima con Sempronio, poi con Mevio, poi con altri.”

 

Fermiamo il terrorismo mediatico!!! Denunciamo questa macchina del fango in modo che vengano presi provvedimenti, solo così potrà cambiare qualcosa nel marcio mondo del Calcio Italiano + la stampa che comunica falsità malintenzionate, magari per favoreggiare o assecondare le petizioni di alcuni elementi che stanno distruggendo il sistema Calcio. 

Firma ORA!

 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!