Vittoria confermata

No alla chiusura dell'U.O. di Radiologia Interventistica dell'Oncologico di Bari

Questa petizione ha creato un cambiamento con 560 sostenitori!


Siamo i pazienti dell’UO di Radiologia Interventistica di questo Istituto.

Questa iniziativa è nata a causa  della situazione, a dir poco vergognosa e lesiva dei diritti fondamentali del malato, che si è venuta a creare in queste ultime settimane. Noi siamo pazienti che per la nostra patologia ricorriamo periodicamente a ricoveri in questo reparto per trattamenti e/o  interventi. Per tutti quanti noi l’UO di Radiologia Interventistica è stato ed è un punto di riferimento fondamentale perché qui abbiamo sempre trovato da parte del personale medico, paramedico e, non meno importante, del personale OTA, grande professionalità, umanità e disponibilità, qualità di cui un paziente oncologico, che si trova a combattere ogni giorno per sopravvivere al cancro, ha bisogno!

In queste ultime settimane abbiamo assistito a dei cambiamenti a dir poco scandalosi.  In primis la riduzione dei posti letto: i pazienti operati sono stati accorpati al reparto di senologia subendo grande disagio. Il reparto di Radiologia Interventistica è tuttora gestito da una infermiera e dalla Coordinatrice che si sono dovute occupare delle attività ambulatoriali quali chemioterapie,ipertermia, biopsie, ecografie e ricoveri con grande abnegazione, qualità che ha sempre contraddistinto il personale, per creare meno possibile disagio ai pazienti. Ma quello che si è venuto a creare questi ultimi giorni è qualcosa di allucinante: dall’oggi al domani è avvenuto il trasferimento della Caposala dott.ssa Di Lella, che ha sempre svolto il suo lavoro egregiamente dal punto di vista tecnico e umano, lasciando il Reparto senza coordinatore.

Il personale infermieristico è stato ridotto al minimo: una sola unità o, quando va bene, due unità che si devono prendere carico dei pazienti dislocati in Senologia e di quelli ambulatoriali  che sono così  costretti ad attese lunghissime per poter cominciare la chemioterapia o i vari trattamenti. Il personale  medico    svolge le necessarie attività ambulatoriali senza la collaborazione dell’infermiere perché questi è impegnato in altre attività. Nonostante tutto anche il personale medico ha continuato a svolgere il proprio lavoro con passione e dedizione anche se purtroppo costretto ad allungare i tempi di attesa essendo  impegnato a svolgere entrambe le proprie mansioni  e quelle dell’infermiere.

 Chiediamo quindi  il reintegro nel più breve tempo possibile della Caposala dott.ssa Di Lella e del personale infermieristico, affinché il Reparto in questione torni a funzionare come ha sempre fatto.

Non bisogna mai dimenticare che in un ospedale il protagonista è il PAZIENTE: la burocrazia, la politica e gli interessi appartengono ad altre realtà, lontane anni luce dalla nostra.

Restiamo in attesa di un celere riscontro.



Oggi: Giovanna conta su di te

Giovanna Gemmato ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Spett.le DIREZIONE SANITARIA Dott.ssa Maria Pia Trisorio Liuzzi Istituto Tumori “Giovanni Paolo II”: No alla chiusura dell'U.O. di Radiologia Interventistica dell'Oncologico di Bari". Unisciti con Giovanna ed 559 sostenitori più oggi.