Pandemia: appello in difesa della libertà dei cittadini e dei diritti dei lavoratori

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


PANDEMIA: APPELLO IN DIFESA DELLA LIBERTÀ DEI CITTADINI E DEI DIRITTI DEI LAVORATORI

La tenuta di un regime non si misura dalla sua forza, ma dalla capacità di reazione di un popolo. I cittadini di tutto il mondo hanno visto troppo a lungo sospese le loro libertà individuali e una recrudescenza della pandemia potrebbe portare, nei prossimi mesi, a replicare le misure di contenimento sanitario, magari in modi ancor più stringenti di quelli fin qui imposti, o ad estenderle a tempo indefinito: molti governi vorrebbero difatti “standardizzare”, riproporre o protrarre le attuali misure emergenziali, col rischio concreto che le restrizioni fin qui patite (un precedente già di per sé pericoloso) divengano alla fine permanenti. Ciò andrebbe a scapito della libertà dei singoli, come denunciato da Mario Vargas Llosa, premio Nobel per la letteratura, in un manifesto sottoscritto da politici e intellettuali di ventitré differenti paesi ("Que la pandemia no sea un pretexto para el autoritarismo"), e da dieci grandi pensatori globali (James Crabtree, Robert D. Kaplan, Robert Muggah, Kumi Naidoo, Shannon K. O’Neil, Adam Posen, Kenneth Roth, Bruce Schneier, Stephen M. Walt, Alezandra Wrage ("How the Coronavirus Pandemic Will Permanently Expand Government Powers", https://foreignpolicy.com 16 maggio 2020).

I futuri sviluppi dell’attuale situazione non lasciano dunque ben sperare. Nei mesi dell’emergenza, anche per evitare contrapposizioni tra “chiusisti” (“tenere tutto chiuso e tutti chiusi, dappertutto”) e “riaperturisti” (“riaprire tutto e far uscire tutti, dappertutto”) il cui effetto ultimo è di deresponsabilizzare i cittadini, sarebbe stato necessario, da parte dei diversi Governi, procedere ragionevolmente, zona per zona, fascia per fascia, proteggendo le aree e le persone più a rischio ma allentando via via le misure di contenimento, con le dovute cautele e protezioni per sé e per gli altri, per le aree e le persone meno a rischio. Uno statalismo accentratore che pretenda invece di adottare drastiche e indifferenziate misure di restrizione, opponendo la tutela della vita delle persone, in quanto diritto assoluto e innegoziabile, sia alla libertà dei singoli sia al dialogo e alla collaborazione con le amministrazioni regionali, oltre alle pesanti responsabilità di cui potrebbe dover rispondere in futuro per l’incremento di disparità e disuguaglianze già ora inaccettabili, affossa di fatto chi vorrebbe proteggere, i lavoratori e le persone più deboli e meno tutelate (laddove la grande industria e la grande finanza ne escono con pochi danni, quando non addirittura rafforzate). Un osservatorio sui “suicidi per motivazioni economiche” (Link Campus University) ha contato in Italia dall’inizio del 2020, rispetto ai 14 registrati nel 2019 per lo stesso periodo, ben 42 suicidi: 25 durante la fase di “reclusione forzata” (14 vittime fra gli imprenditori), 16 nel solo mese di aprile. Queste cifre, già di per sé drammatiche, diventano ancor più preoccupanti se, al numero dei suicidi, aggiungiamo quello dei tentati suicidi: 36 dall’inizio dell’anno, 21 nelle sole settimane di sospensione del movimento delle persone e di confinamento nelle proprie abitazioni.

Uno Stato che fondi il suo rapporto coi cittadini su reiterati obblighi e divieti contiene e alimenta in sé il germe di quell’autoritarismo che in situazioni di paura, stress e privazione delle libertà individuali, oltreché di prolungato distanziamento sociale, finisce per tradursi molto rapidamente in comportamenti individuali e collettivi che possono portare a una regressione nella coesione sociale e nei rapporti interpersonali, ingredienti fondamentali di una democrazia. Di tutto ciò si sono già manifestati i primi segnali, come la delazione dei propri vicini, l’individuazione di un potenziale untore in chi faccia anche solo un po’ di moto o le reprimende per le troppe persone a passeggio. Quel che sta avvenendo, per non dover richiamare i soliti scenari orwelliani, pare confermare un ben noto esperimento sull’obbedienza all’autorità compiuto, negli anni Sessanta del secolo scorso, dallo psicologo americano Stanley Milgram: chi esercita il suo potere, a forza di decreti (e, in cascata, di ordinanze regionali e comunali), fa passare la libertà per una concessione.

Il limite, pur di fronteggiare con tutti i mezzi l’emergenza sanitaria, è già stato superato e, se dovesse essere oltrepassato di nuovo, metterebbe seriamente a rischio i valori che hanno portato alla faticosa ricostruzione, nel secondo ’900, delle società occidentali per come attualmente le conosciamo. La storia insegna che la democrazia è simile a una pianta: va costantemente curata e innaffiata, altrimenti appassisce. Il nostro vuol essere dunque, innanzi tutto, un appello in difesa della democrazia e dei suoi valori contro il pericolo più grande: il riemergere, con il pretesto dell’emergenza sanitaria, in un’Italia e in un’Europa travolte dall’ondata di panico e paralizzate dalla paura, di un pensiero totalitario che abbiamo sperato di esserci lasciati definitivamente alle spalle e che potrebbe invece ripresentarsi, in futuro, con nuovi mezzi e sotto nuove forme. Sarebbe allora troppo tardi per fare qualcosa.

La tutela della salute collettiva è un valore supremo, ma le limitazioni alla libertà individuale comportate dal diritto alla salute devono essere proporzionate all’entità del fattore di rischio. Pensare di poter adottare ogni volta misure di contenimento sanitario estese all'intero paese, senza una seria politica di prevenzione e a forza di decreti, potrebbe finire per provocare conseguenze economiche e sociali ancor più gravi e destabilizzanti delle attuali e innescare pericolose derive autoritarie. Ciò si aggiungerebbe ai già drammatici effetti della prolungata interruzione di rapporti familiari e relazioni sociali e di ormai quotidiane paure collettive, sempre più interiorizzate, generatrici di panico.

Massimo Arcangeli, linguista
Mauro Tonino, saggista e scrittore
Angelo d’Orsi, docente universitario
Antonello Sannino, attivista
Anna Angelucci, docente
Franco Bolelli, filosofo e scrittore
Gianfranco Marrone, docente universitario
Simona Mambrini, traduttrice
Giuseppe O. Longo, docente universitario e scrittore
Tommaso Cerno, parlamentare e giornalista
Giordano Bruno Guerri, storico e saggista
Lucrezia Ercoli, filosofa
Massimo Onofri, docente universitario
Francesca Mazzucato, scrittrice
Stefano Moriggi, docente universitario
Leonardo Maria Savoia, docente universitario
Vanni Codeluppi, docente universitario
Lello Voce, poeta e docente
Amara Lakhous, scrittore
Stefano Arduini, docente universitario
Diego Fusaro, docente universitario
Max Manfredi, cantautore e scrittore
Barbara Gentili, docente
Gioacchino Onorati, editore
Rosella Santini, docente
Paola Cingolani, libera professionista
Leonardo Pignataro, traduttore
Oliviero Malaspina, cantautore e scrittore
Alessandra Bonacci, grafica e consulente editoriale
Stefania Rabuffetti, poetessa
Massimiliano Bellavista, docente universitario e scrittore
Antonella Arduini, attrice
Luigi De Simone, imprenditore
Francesca Bertuzzi, scrittrice
Antonino Luciano, dipendente pubblico
Mario Romano, avvocato
Gian Stefano Spoto, giornalista
Alvaro Berardinelli, docente e giornalista
Pasquale Vespa, giornalista e docente
Alessandra Guigoni, antropologa e blogger
Claudio Finelli, drammaturgo e docente
Ermanno Accardi, giornalista e scrittore
Fabio Di Nicola, regista
Luca Baldoni, poeta
Graziella Di Sora, pensionata
Andrea Furgiuele, architetto e attivista
Valerio Cai, sindacalista di base
Giulia Cingolani, sociologa
Trifone Gargano, docente e saggista
Fabio Mundadori, scrittore
Alessandra Scala, docente
Rosario Montesanti, regista
Rosanna Luciano, professionista in ambito sanitario
Alberto Frappa Raunceroy, scrittore
Maria Rosaria Pisciotti, docente
Rosanna Bazzano, poetessa
Bruno Tellia, sociologo e scrittore
Stefano Alessandrini, archeologo
Rita Andrenelli, docente
Emilio Antonelli, docente
Maria Pia Ifigenia, docente
Giusy Lo Sardo, docente precaria
Giovanni Saitta, docente di musica
Maria Tassone, docente
Sebastiano Sandri, docente e guida naturalistica
Marya Cerbelli, avvocato e docente
Nadia Cristofaro, docente
Bernardo Caissut, docente precario
Emanuela Ferretti, commerciante
Adriana Agostini, ristoratrice
Simonetta Agostini, sociologa
Giuseppe Papaleo, musicista e docente
Mario Moles, musicista e docente
Erina Catalano, impiegata amministrativa
Nicolò Santovito, docente
Francesco Diodovich, docente
Mariagrazia De Castro, docente precaria
Pamela Del Prete, docente
Margarete Ston, docente precaria
Arianna Cricchi, docente
Corrado Canzanella (E. Belcampo), scrittore
Stefano Sottile, docente precario
Antonio Giampaolo, ingegnere biomedico
Carmelina Dellomonaco, cuoca disoccupata
Ugo Falcone, docente e saggista
Roberta Josephine Carullo, docente precaria
Rossella Roli, docente precaria
Elena Pandolfi, docente precaria
Marco De Rosa, idraulico navale
Francesco Diodovich, docente
Italia Metallo, docente
Delfina Reina, docente
Paolo Capio, architetto e docente
Giuseppe Basile, docente
Francesca Pernacchia, docente precaria
Cristina Sidoti, docente precaria e architetto
Tecla Squillaci, docente e scrittrice
Antonella Vergara, docente
Caterina Autiero, insegnante precaria e giornalista pubblicista
Maria Grazia Del Giudice, insegnante ed editor tecnico
Mario Karl Moles, musicista e docente precario
Mattea Calatola, assistente tecnico di ruolo
Rossella Milione, docente
Giuseppe Buetto, docente
Francesco Cialdini, docente
Diego Palma, docente precario e scrittore
Priamo Pinna, artista e docente
Aurelio Piras, docente
Katia Morrone, docente
Sabrina Gualandi, farmacista
Francesco De Santo, docente precario
Angela Origa, naturalista e insegnante precaria
Angela Arabia, disoccupata
Davide Cesaretti, dipendente di supermercato
Cesidia Ferrante, cuoca
Daniela Salvi, etologa,
Rosanna Gangi, docente e formatore per il MIUR
Maurizio Martinetti, avvocato
Federica Sacsi, insegnante
Maria Rosaria Arleo, docente
Giuseppe Papaleo, musicista e docente
Marco Chersich, ingegnere
Gino Rancatore, tecnico e docente
Valentina Molignani, docente
Valeria Capiricchio, biologa nutrizionista e docente precaria
Igina Iaccarino, docente precaria
Franco Tuscano, docente precario e scultore
Cinzia Margot Rondelli, docente
Arianna Depau, docente