NO ALL’AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA DI PODERE ROTA

NO ALL’AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA DI PODERE ROTA

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!
Associazione i'Bercio ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Consigli e Giunte Comunali del Valdarno Aretino e Fiorentino

NO ALL’AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA DI PODERE ROTA

PETIZIONE POPOLARE PER UN ATTO DI INDIRIZZO UNITARIO DI CONSIGLI E GIUNTE COMUNALI DEL VALDARNO

Noi cittadine e cittadini che in fondo sottoscriviamo

consapevoli che la crisi ambientale che sconvolge la Terra è di dimensioni senza precedenti,

coscienti della centralità dell'attuale sistema di produzione e gestione dei rifiuti in questa crisi epocale,

preoccupati dall'inerzia con cui le pubbliche amministrazioni tardano ad affrontare con decisioni ap­pro­priate, innovative e lungimiranti la necessaria riforma della gestione del ciclo dei rifiuti,

sicuri che la condanna dell’Unione Europea alla gestione dei rifiuti intesa come semplice occultamento tra­mite incenerimento o conferimento in discariche debba trovare riscontro nelle politiche di gestione del territorio a partire dal livello più basso,

scandalizzati dalla recente presentazione del progetto di ampliamento della discarica di Podere Rota da parte di un consorzio di imprese private ed enti pubblici, in cui il ruolo dei secondi appare su­bal­ter­no e lontano da un'ispirazione decisa verso riduzione, riutilizzo, raccolta, riciclo, e recupero,

sconvolti dall'apparente inerzia e acquiescenza delle autorità regionali di fronte a questa iniziativa,

ispirati dal desiderio di una drastica riduzione dei rifiuti e di giustizia nella ripartizione dei sacrifici,

CHIEDIAMO

ai Consigli e alle Giunte Comunali del Valdarno Aretino e Fiorentino

di procedere alla formalizzazione di un atto di indirizzo unitario finalizzato a segnalare in modo for­ma­le alla Regione Toscana la determinazione delle massime autorità rappresentative territoriali ad agire in ma­niera uniforme avverso il prospettato ampliamento della discarica di Podere Rota:

  • provvedendo a costituire, anche in forma di consorzio intercomunale del Valdarno Aretino e Fiorentino, un collegio tecnico-legale il quale segua le complesse procedure amministrative:

◦    motivando in appropriati interventi nella fase consultiva la scelta politica di opposizione al­l’am­pliamento della discarica di Podere Rota,

◦    preparando eventuali istanze di ri­sarcimento alla Magistratura ordinaria per i possibili dan­ni ambientali causati dall'attuazione del progetto,

◦    preparando eventuale ricorso alla Ma­gi­stra­tura amministrativa per possibili inadempienze pro­cedurali incorse nella sua approvazione;

  • dichiarando l'anno 2021 “Anno del salto di qualità nella gestione dei rifiuti” prevedendo tra le azio­ni amministrative comunali

◦    la riqualificazione della raccolta differenziata, sia in termini di innalzamento della per­cen­tua­le di raccolta sia di miglioramento qualitativo

◦    il passaggio ad una fase di formazione continua della cittadinanza superando l’attuale pra­ti­ca che si limita ad un puro e semplice “facchinaggio di asporto” senza la necessaria costante in­terazione con i cittadini-produttori,

◦    di avviare a breve termine un percorso pubblico in linea, con la partecipazione di esperti nel­la gestione dei rifiuti e delle associazioni che si occupano di gestione del territorio per una valutazione critica e documentata del progetto con il coinvolgimento più ampio e dif­fu­so della popolazione

◦    di avviare a livello di vallata il percorso di adesione alla rete italiana di Comuni Rifiuti Zero;

  • costruendo un sito informativo in rete nel quale convogliare tutta la documentazione prodotta inerente la richiesta di ampliamento della discarica di Podere Rota, e i dati di gestione delle società coinvolte nella conduzione dell’impianto dal quale la cittadinanza possa raccogliere ogni informazione documentaria, tecnica, procedurale, in modo trasparente.
0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!