Istituiamo il Daspo per Internet

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


"Prenderai i voti degli italiani perché sei storpia" così è stata insultata sul web Chiara Bordi perché, vittima di un incidente di motorino, ha partecipato a un concorso di bellezza utilizzando una protesi. Per gli haters una ragazza con protesi non è una ragazza normale.

È venuto il momento di istituire un Daspo per internet. Mettiamo delle regole alla rete. "Daspo" è l'acronimo per "divieto di accedere alle manifestazioni sportive". Sei un tifoso e ti comporti male allo stadio? Per un periodo da uno a cinque anni non ci puoi più andare: all'orario della partita devi passare in questura a firmare. E allora propongo di istituire un Daspo per internet, lancio una petizione popolare. Mi rivolgo al presidente Mattarella che, nel discorso di apertura dell'anno scolastico, ha detto che "le connessioni digitali sono grandi finestre aperte sul mondo, e sul nostro tempo. Ma esiste anche un lato oscuro della rete. Non è accettabile che un ragazzo di quattordici anni muoia in conseguenza di un'emulazione in un gioco perverso in chat".

Chi scrive certe cose deve essere sospeso dalla rete. Sarà difficile da controllare, da far mettere in pratica, ma una società civile come l'Italia non può non riuscirci. Non è sufficiente lamentarsi degli haters: facciamo una legge per introdurre un "Daspo per internet".



Oggi: Mauro conta su di te

Mauro Leonardi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Sergio Mattarella: Istituiamo il Daspo per Internet". Unisciti con Mauro ed 200 sostenitori più oggi.