Riconoscimento e valorizzazione delle lingue minoritarie italiane

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


FIRMA E PARLA!

Negli anni della globalizzazione, nel tempo in cui l'inglese serve saperlo anche per uscire di casa, le culture locali, tramandate per secoli di generazione in generazione, rischiano di essere pian piano dimenticate. In particolare sono le lingue ed i dialetti a rischiare l'estinzione. Il nostro paese è decorato da questo inestimabile patrimonio linguistico e culturale che è da considerarsi al pari di un dipinto o di un monumento che orna le nostre maestose città.


C'è bisogno, quindi, di un riconoscimento ufficiale da parte dello Stato di tutte le lingue regionali in modo tale da poterle studiare e conoscere meglio, avvalendosi poi di istituti ufficiali che ne studino l'uso (questi sono già presenti in alcune regioni a statuto speciale come l'"Accademia della lingua siciliana" o l'"Accademia della Crusca" per la lingua italiana).

Chiediamo alle amministrazioni (in particolare comunali) di promuovere iniziative volte a far conoscere la lingua del territorio soprattutto ai più piccoli.

Non sarà con una firma che le lingue e i dialetti si salveranno dall'estinzione, ma con questa si compie un piccolo passo verso la loro tutela e valorizzazione.

Di certo è che l'unico modo per salvarle è PARLARLE, non sostituendo il bellissimo e poetico italiano, ma affiancando a questo la nostra lingua nel dialetto del nostro paese.

Non lasciamo sparire questo grandioso regalo che la Storia ci ha lasciato, ma usiamolo e prendiamocene cura: un popolo che dimentica la propria cultura è come una pianta senz'acqua. FIRMA E PARLA!



Oggi: Nicolò conta su di te

Nicolò Pegoraro ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Riconoscimento delle lingue minoritarie italiane: Riconoscimento delle lingue minoritarie italiane". Unisciti con Nicolò ed 4 sostenitori più oggi.