Gli animali sono esseri senzienti. Meritano rispetto anche quando li uccidiamo!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Da domani, il mondo islamico celebra la Festa del Sacrificio.

In memoria di Abramo, cui Dio permise di sacrificare un montone invece di suo figlio Isacco, decine di migliaia di animali verranno sgozzati in maniera disumana, vivi e coscienti, sinchè la morte non sopravvenga e cioè senza essere preventivamente storditi come prescrivono le norme europee..

Questa forma di uccidere è considerata tradizione religiosa non solo tra gli islamici (Macellazione Halal) ma anche tra gli ebrei (Macellazione Kosher) e lo Stato italiano non solo consente che si celebri la Festa del Sacrificio, anche detta dello Sgozzamento, ma dal 1980 consente l'esistenza di mattatoi ove gli animali vengono uccisi secondo queste barbare tecniche.

Appare a noi orribile che nel XXI secolo, quando ormai la società ha sviluppato una sensibilità particolare nei confronti degli animali, riconoscendo che anche la loro morte per soddisfare necessità alimentari del genere umano debba essere provocata senza ulteriori ed inutili sofferenze, esistano ancora tali deroghe ad elementari norme di umanità in generale.

Chiediamo pertanto che il Parlamento voglia abolire le norme in deroga che consentono tale orribile pratica e far si che il mondo islamico ed ebraico trovi forme meno barbare per celebrare il perdono di Dio verso Abramo.

Uccidere un essere senziente non può essere una festa!



Oggi: Francesco conta su di te

Francesco Onofri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Parlamento Italiano: Gli animali sono esseri senzienti. Meritano rispetto anche quando li uccidiamo!". Unisciti con Francesco ed 574 sostenitori più oggi.