Petition update

“Basta sanzioni alla Siria”: la mobilitazione continua

Basta sanzioni alla Siria www.bastasanzioniallasiria.org
Italy

May 30, 2016 — Intanto ti ringraziamo per avere firmato la petizione a sostegno dell’appello dei cattolici siriani contro le sanzioni alla Siria; poi desideriamo aggiornarti sulle prossime iniziative della nostra campagna che ha già visto il sostegno del Premio Nobel per la Pace Mairead Maguire, e che ha raccolto, oltre a migliaia di firme, mozioni di parlamentari italiani.
Come, probabilmente già saprai , il Consiglio dell’Unione Europea, il 27 maggio 2016, ha prorogato di un altro anno le sanzioni alla Siria. Una decisione prevedibile, che non ci illudevamo di fermare con una campagna cominciata appena dieci giorni fa e che, certamente, non scalfisce la nostra determinazione finalizzata ora alla revoca, in tempi stretti, delle sanzioni votate il 27 maggio.

A tal riguardo, oltre ad avere già messo on line un nostro comunicato
https://bastasanzioniallasiria.wordpress.com/prorogate-le-sanzioni-nostro-comunicato/
ti informiamo sulle nostre iniziative alle quali ci auguriamo tu voglia partecipare.

Intanto abbiamo già disseminato su Internet una serie di videoclip in varie lingue:
Su Youtube in Italiano https://youtu.be/K-A5dnVBoBA
Su Youtube in Inglese https://youtu.be/dncVfprziTQ
Su Youtube in Francese https://youtu.be/Sgk6UrCPRGc
Su Youtube in Spagnolo https://youtu.be/1l9CRmT9To0
Su Facebook in Italiano https://www.facebook.com/264576280597284/videos/269554840099428
Su Facebook in Inglese https://www.facebook.com/264576280597284/videos/273971676324411/
Su Facebook in Francese https://www.facebook.com/264576280597284/videos/274099536311625
Su Facebook in Spagnolo https://www.facebook.com/264576280597284/videos/275334102854835
che ti invitiamo a condividere e a far girare. (A giorni è prevista la versione in Arabo, Tedesco ed Esperanto dei videoclip)

Poi a giorni la campagna su Change.org sarà plurilingue (Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco, Arabo, Esperanto) e questo ci permetterà di convogliare su di essa attivisti, comitati e persone che, come noi, all’estero, si oppongono alle sanzioni e alla guerra.
Poi, a giorni, è prevista, oltre alla pubblicazione di un documento che cercherà di spiegare dettagliatamente cosa sono davvero le sanzioni alla Siria (lo troverai, in formato testo, PDF e ebook, sul nostro sito https://bastasanzioniallasiria.wordpress.com) anche di materiale informativo in PDF che può permettere di realizzare una piccola mostra o un banchetto nel caso si voglia propagandare nella propria comunità l’iniziativa.

Poi è previsto un appello pubblico di personalità del mondo politico e culturale italiano a supporto di quello lanciato dagli esponenti religiosi siriani. Iniziativa che, certamente, vedrà insieme persone caratterizzate da opinioni molto diverse tra di loro ma che, proprio per questo, potrà far aprire gli occhi ad una opinione pubblica finora rimasta quasi indifferente di fronte ad una tragedia come quella che - al pari di altri popoli, anch’essi colpiti da guerre, spesso alimentate dall’Occidente - sta vivendo da cinque anni il popolo siriano.

Infine, ovviamente, ci saranno manifestazioni pubbliche, (con persone in carne e ossa in corteo, in assemblee, in presidii...)

Per ora, è tutto. Ci farebbe piacere ricevere tuoi suggerimenti su come meglio portare avanti questa campagna. Il nostro indirizzo mail è: bastasanzioniallasiria@gmail.com
E, visto che ci siamo, ti ricordiamo anche la nostra Pagina Facebook
https://www.facebook.com/Basta-sanzioni-alla-Siria-264576280597284/ dove pubblichiamo post inerenti alla nostra iniziativa.
E il nostro account Twitter: https://twitter.com/nosanzionisiria

Ciao

Comitato italiano contro le sanzioni alla Siria
https://bastasanzioniallasiria.wordpress.com


Discussion

Please enter a comment.

We were unable to post your comment. Please try again.