STOP AL RANDAGISMO

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


L’Italia chiede al Governo che verrà eletto il 04/03/2018 p.v. le seguenti leggi per la tutela degli animali:

-Pene più severe e certe contro la violenza e l’abbandono degli animali

-Obbligo di microcip e/o tatuaggio e di sterilizzazione, sia da parte del Servizio Sanitario Nazionale, tramite province, comuni e regioni per animali randagi, sia da parte del privato cittadino per animali privati.

-Pene severe per chi non rispetta l’obbligo del microcip e della sterilizzazione.

-Incentivazione alla costruzione di strutture che si occupino di randagi, con conseguente assunzione di personale volontario

-Revoca del Decreto approvato dal comune di Agrigento che impedisce ai privati di raccogliere e/o soccorrere randagi.

Se gli animali sul territorio, come dice il direttore del servizio di igiene degli alimenti e delle prevenzioni zootecniche, Antonio Izzo, sono di proprietà dei Sindaci, che allora i Comuni e le annesse Asl si prendano la responsabilità, a livello nazionale, dei randagi e degli animali già nelle strutture apposite.
E snelliscano le procedure per i volontari che vogliono dare il loro contributo!!!!!

Non saremo un paese civile finchè avremo ancora animali per strada!!!!

Che il Governo si inizi a prendere le proprie responsabilità e inizi a pensare anche a questa situazione!!!

Dobbiamo arrivare a 50000 firme per presentare questa bozza in Parlamento!



Oggi: Beatrice conta su di te

Beatrice Attolini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "GOVERNO ITALIANO: STOP AL RANDAGISMO". Unisciti con Beatrice ed 441 sostenitori più oggi.