Coronavirus. Il 90% delle auto ferme. Proroga o sconto del 25% sulle prossime polizze auto

0 hanno firmato. Arriviamo a 150.000.


Con l’emergenza sanitaria da coronavirus in corso e le relative misure restrittive, le auto dei cittadini sono prevalentemente ferme in strada, nei garage o nei box, non potendo essere utilizzate e quindi gli automobilisti si sono ritrovati, di fatto, ad aver pagato parte delle polizze Rc auto per un periodo di tempo in cui non possono usufruire delle vetture.

Inoltre risultano ridotti di oltre il 90% gli incidenti stradali come è avvenuto a Napoli e in Campania, dove le assicurazioni sono le più alte d'Italia, e quindi le compagnie in questi mesi stanno solo incassando senza avere il problema dei sinistri.

A questo punto ci sembra giusto e corretto che siano presi dei provvedimenti affinché le polizze auto abbiano delle proroghe.
Noi chiediamo che il tempo in cui i veicoli sono fermi, a causa dell’emergenza, deve essere aggiunto alla scadenza pre-stabilita dell’assicurazione. Facciamo un esempio, ammettiamo che i mesi di stop siano due e che la polizza Rc auto di un tale cittadino scada il 30 giugno allora la data dovrà essere prorogata al 30 agosto.

In caso non sia realizzabile chiediamo immediatamente una norma che preveda uno sconto tra il 20% e il 30% di tutte le prossime polizze. Le compagnie assicurative invece di arricchirsi ulteriormente devono sostenere i sacrifici degli italiani.

Se non lo faranno spontaneamente chiediamo un intervento legislativo al Governo in questa direzione" dichiarano il consigliere regionale della Campania dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore radiofonico Gianni Simioli promotori della proposta in Campania come nel resto d'Italia.