GRAVE CARENZA DI PERSONALE NEI COMUNI DEL PADOVANO. SOSTIENI L'INIZIATIVA DELLA CISL FP

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


L'INDAGINE CHE LA CISL FP  HA CONDOTTO, PONE L'ATTENZIONE SULL' ANDAMENTO OCCUPAZIONALE DEGLI ENTI LOCALI DAL 2010 AL 2017 NEI COMUNI DELLE PROVINCIE DI PADOVA e ROVIGO. E' stata riscontrata una forte criticità: MENO 620 IMPIEGATI PUBBLICI A FRONTE DI UNA POPOLAZIONE CHE CRESCE E CHE HA BISOGNO DI SERVIZI EFFICIENTI IN TEMPI CELERI.

A seguito della nostra indagine è stata INVIATA UNA LETTERA DI RICHIESTA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL VENETO LUCA ZAIA PER FAR INSERIRE NELLE CINQUE DELEGHE PER L’AUTONOMIA ANCHE LA POSSIBILITA’ DI ASSUMERE NUOVI LAVORATORI.
SE RAFFRONTATA CON LA TABELLA MINISTERIALE DEL D.M. 10.4.2017 NEI COMUNI DELLE PROVINCIE DI PADOVA E ROVIGO MANCANO UN TOTALE DI 2800 LAVORATORI FRA UFFICIALI DI ANAGRAFE, ASSISTENTI SOCIALI, TECNICI, AGENTI DI POLIZIA LOCALE, INFORMATICI.
Uno studio di rilevazione da parte della Segreteria CISL FP Padova Rovigo che è durato oltre 6 mesi in tutti i 104 Comuni della Provincia di Padova e i 50 Comuni a Rovigo.
Sono stati raccolti dati dal 2010 al 2017 inerenti l’andamento demografico e i dipendenti pubblici presenti in servizio di anno in anno.
I dati che sono emersi hanno evidenziato una situazione di notevole criticità per quanto riguarda la perdita per pensionamento o mobilità dei lavoratori e di sostanziale mantenimento della popolazione residente.
Numeri e indici che alla fine hanno consentito di incrociare l’andamento: negli Enti Locali sono “spariti” 620 dipendenti pubblici, andati in pensione e via via non più sostituiti in virtù della normativa nazionale che sempre più stringente non ha consentito il naturale turnover.
La situazione che emerge è a detta dei curatori dello studio, sicuramente di forte allarme, in quanto si può affermare che il “carotaggio” fatto in questo territorio non si discosta di molto dall’andamento regionale del Veneto, dove un po’ tutti gli Enti hanno strutture organizzative comprese fra i 10-20 lavoratori ed una popolazione media sotto i 5000 abitanti.
Quindi un’analisi dettagliata e disaggregata dell’andamento popolazione/lavoratori che sono impiegati nei Comuni quotidianamente mette in luce che i servizi sono garantiti in un regime costante di emergenza: pochi o forse è meglio dire pochissimi gli uffici che hanno strutture complesse, relegate solo ai Comuni capoluogo.

La CISL FP si rende disponibile ad un confronto per analizzare i dati raccolti, presentare le nostre proposte e chiede formalmente al Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia e all'ANCI VENETO, di valutare la nostra indagine e si chiede di porter inserire l’ipotesi nelle materie oggetto di discussione con il Governo per quanto riguarda il processo autonomistico chiesto a gran voce dai cittadini con lo storico referendum dell’anno scorso, tutto ciò al fine di dare nel presente e nel futuro garanzia di autonomia ai Comuni del Veneto vero pilastro delle nostre comunità.

ADERISCI, SOTTOSCRIVI E CONDIVIDI SUI SOCIAL NETWORK LA PETIZIONE. DIFENDIAMO I SERVIZI PUBBLICI!



Oggi: CISL FP PADOVA ROVIGO conta su di te

CISL FP PADOVA ROVIGO ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "fp.padova.rovigo@cisl.it: GRAVE CARENZA DI PERSONALE NEI COMUNI DEL PADOVANO. SOSTIENI L'INIZIATIVA DELLA CISL FP". Unisciti con CISL FP PADOVA ROVIGO ed 80 sostenitori più oggi.