Esigiamo da ENEL pari trattamento: Riconversione Green della Centrale di Termini Imerese.

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Nella seconda metà del 2015, Enel lancia, tramite il proprio sito web, un programma di riconversione (Progetto Futur-E) di 23 impianti su tutto il territorio nazionale.

Come può leggersi nello stesso sito web (https://corporate.enel.it/it/futur-e/progetto Il progetto prevede una serie di BANDI PUBBLICI E CONCORSI DI IDEE in grado di trasformare queste 23 centrali in una nuova opportunità di sviluppo per i territori, seguendo "un nuovo approccio ambientale sostenibile per facilitare la transizione verso un’economia circolare”.

Sempre dal sito web si legge che il progetto Futur-e di Enel prende spunto da esempi di riconversione di successo effettuati negli Stati Uniti, in Cina, in Inghilterra, dove grazie alla creatività, all’ASCOLTO DEI BISOGNI DEI CITTADINI e all’apertura a nuove idee, impianti obsoleti e spesso fuori servizio sono diventati occasioni di sviluppo per il territorio, riconvertendoli in musei d'arte, centri polifunzionali o spazi ricreativi e culturali.

Sempre secondo Enel, quindi "I cambiamenti in atto invitano tutti ad aprirsi ai nuovi orizzonti per cercare INSIEME nuove destinazioni d’uso per i siti che ospitano le centrali e disegnare un futuro diverso, PIU' SOSTENIBILE e di lungo periodo.

Termini Imerese e' inserita tra le 23 centrali da dismettere.

Ma non si hanno notizie  di questa specifica riconversione sino ad inizio 2017, quando voci insistenti, mai confermate ufficialmente sino ad allora, asserivano che Enel avesse raggiunto un accordo con una società petrolifera siciliana, resasi interessata all’area dove si collocano i serbatoi ormai vuoti ed il pontile di attracco inutilizzati da un decennio, da quando la centrale elettrica aveva abbandonato l'utilizzo di idrocarburi per utilizzare il non inquinante vapore per la produzione di energia.

Sino a che, in data 13 giugno 2017, Enel consegna al Comune di Termini Imerese "il progetto preliminare di frazionamento dell’area Serbatoi della centrale di Termini Imerese sviluppato dai propri uffici tecnici”.

Nella lettera che accompagna tale progetto preliminare, viene precisato che la Cancascì Petroli srl “ha presentato un progetto industriale volto alla trasformazione, allo stoccaggio e alla successiva commercializzazione di biocarburanti”, prevedendo l'attracco di circa 10 petroliere annue e un'intenso traffico gommato per il relativo stoccaggio degli idrocarburi lavorati.

Come è immediatamente intuibile, i principi decantati da Enel nel suo progetto Futur-e, quali la condivisione e la partecipazione della comunità nelle scelte di riconversione, l'attenzione all'ambiente e la sostenibilità, che sono stati attuati nella riconversione delle ante 22 centrali elettriche nel resto d'Italia, non vengono minimamente presi in considerazione nel progetto di riconversione della centrale "Ettore Majorana" di Termini Imerese.

Anzi, in seguito alla presentazione di tale progetto preliminare, l'ufficio tecnico comunale emetteva parere contrario, cui seguiva la presa d'atto del consiglio comunale che pressoché all'unanimità, con voto contrario di 15 consiglieri su 16, bocciava tale progetto, al ché, in una incredibile nota del 12 settembre 2017, trasmessa da Enel Produzione spa al comune di Termini Imerese, la società avvertiva che, qualora l'amministrazione comunale non avesse rilasciato parere favorevole al progetto preliminare di frazionamento della Centrale Ettore Majorana di Termini Imerese, entro 15 giorni dal ricevimento della suddetta nota, avrebbe agito dinnanzi alla Autorità giudiziaria contro l'amministrazione comunale.

Promessa effettivamente mantenuta, tanto che risulta tuttora incardinato presso il Tar apposito ricorso con cui Enel cita il Comune di Termini Imerese.

Da allora si sono susseguite plurime manifestazioni dei cittadini di Termini Imerese e di tutte le comunità limitrofe, con la presenza di tutte le compagini politiche compatte e fortemente contrarie a questo progetto, non solo perché altamente inquinante e di impatto ambientale disastroso ma, soprattutto, assolutamente incompatibile con una visone di tipo turistico e culturale che il territorio ha deciso di intraprendere fortemente, grazie alla presenza di attrattori turistici di immenso valore quali il Parco Archeologico di Himera, Acquedotto e plurimi resti Romani quasi intatti, Acque Termali, il Museo Civico Baldassarre Romano con opere di altissimo valore artistico, Chiese di pregio artistico notissime, e un Golfo marino che va da Cefalù sino a  Palermo di una bellezza disarmante ed altro ancora.

Per tutti questi motivi l'intero territorio di Termini Imerese e di tutti i paesi limitrofi che vanno da Cefalù a Palermo, compresi i comuni dell'entroterra relativo, affermano la loro assoluta contrarietà a questo progetto che rivorrebbe l'anacronistico ritorno del petrolio e degli idrocarburi in un territorio a naturale vocazione turistica e che ha espressamente manifestato tale volontà ripetutamente  ed in maniera univoca e compatta in tutte le sue formazioni politiche e sociali.

Chiedendo, al contempo, ad Enel, la dismissione dei vecchi serbatoi e del pontile di attracco in concessione ormai inutilizzati da un decennio, esigendo una parità di trattamento con le altre comunità che sono state interessate da riconversione di impianti Enel in cui è stata coinvolta ed ascoltato il volere della comunità nel processo decisionale di riconversione, nel pieno rispetto dei principi presentati e pubblicizzati nel Manifesto del progetto Futur-e.



Oggi: COMITATO MARE NOSTRUM conta su di te

COMITATO MARE NOSTRUM ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Enel SpA: Esigiamo da ENEL pari trattamento: Riconversione Green della Centrale di Termini Imerese.". Unisciti con COMITATO MARE NOSTRUM ed 2.199 sostenitori più oggi.