Democrazia in pericolo: il Prefetto di Gorizia decide chi ha diritto di parola

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Un grave episodio di censura per motivi di opinione messo in atto da un servitore dello Stato. Se anche tu pensi che sulla Costituzione non si discuta e vuoi difendere l'articolo 21 sulla libertà di pensiero ed espressione, sottoscrivi questa petizione al Presidente della Repubblica

Nei giorni scorsi, come riportato anche da alcuni quotidiani e interrogazioni parlamentari, il Prefetto di Gorizia ha censurato la partecipazione dell'onorevole Serena Pellegrino ad un evento sulle mafie ed ecomafie ideato da Agende Rosse, il movimento ispirato a Paolo Borsellino. Tale censura è stata posta dal Prefetto con queste motivazioni: Pellegrino ha fatto valutazioni politiche in passato sulle strutture governative e non è adatta a parlare ad un pubblico di studenti delle superiori perché si corre il rischio di avere delle coloriture politiche che un Prefetto non può consentire in un convegno istituzionale apolitico e apartitico.

Agende Rosse sono state, quindi, totalmente esautorate dall’organizzazione dell’iniziativa che è stata presa in carico dal Prefetto e dal comune di Monfalcone i quali hanno deciso di invitare comunque due relatrici attualmente in campagna elettorale per una lista di destra a Modena. Tali azioni non possono far parte delle prerogative prefettizie in alcun caso. Attraverso le sue motivazioni si mette in discussione l’art. 21 della Costituzione e viene posto un giudizio che lede i diritti, i doveri e le prerogative che un parlamentare ha nel corso del suo mandato.

Serena Pellegrino é riconosciuta e apprezzata in tutto il territorio nazionale per la qualità e la competenza del suo impegno sia quando era parlamentare, come vice presidente commissione ambiente e cofirmataria della legge sui reati ambientali, sia nel suo impegno civile e politico. Chiediamo che il Presidente della Repubblica, in quanto garante del rispetto dei principi fondamentali della Costituzione, intervenga affinché episodi simili non si ripetano e che si proceda alla destituzione dello stesso Prefetto.

Rossella Muroni
Loredana De Petris
Roberto Baronio
Anna Assumma
Anna Donati
Luigi Gorga
Laura Cima
Mauro Visone
Gerardo Calabrese
Michele Ragosta
Filiberto Zaratti
Anna Falcone
Annalisa Corrado
Alessandro Piscicelli
Gianfranco Mascia
Riccardo Di Palma
Monica Frassoni
Paolo Cento
Cecilia Armellini
Adriano Zaccagnini
Luigi Lacquaniti
Roberta Gasparetti
Michele Ciol
Marella Narmucci
Nunzio Troise
Luca Boccoli
Barbara De Marinis
Antonino Pipitone
Raffaele Grimaldi
Enrico Radetich
Michele Buonomo
Enrica De Cecco
Claudio Mezzanzanica
Pippo Vano
Magda Terrevoli
Maria Di Serio
Edwige Ricci
Eliana Rasera



Oggi: Rossella conta su di te

Rossella Muroni ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Democrazia in pericolo: il Prefetto di #Gorizia decide chi ha diritto di parola @Quirinale". Unisciti con Rossella ed 560 sostenitori più oggi.